Vexations

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vexations
Vexations erik satie piano sheet.jpeg
Lo spartito del brano
Compositore Erik Satie
Epoca di composizione 1893
Prima esecuzione 1963
Pubblicazione 1949
Durata media 9 - 24 ore
Organico

pianoforte

Movimenti

movimento unico

Vexations è un componimento musicale di Erik Satie ed è conosciuto come il brano più lungo della storia.

Il componimento è stato pubblicato nel 1968 dalle edizioni Max Eschig[1], mentre il manoscritto appartiene alla collezione Claude Rostand di Ginevra.

Il brano è composto da 152 note scritte su cinque pentagrammi, ripetute per 840 volte. La durata dell'esecuzione varia, secondo gli interpreti, dalle 9 alle 24 ore.

Nella partitura, Satie ha scritto:

(FR)

« Pour se jouer 840 fois de suite ce motif, il sera bon de se préparer au préalable, et dans le plus grand silence, par des immobilités sérieuses »

(IT)

« Per suonare il tema 840 volte di seguito, sarebbe opportuno prepararsi in anticipo, e nel più profondo silenzio, con seriosa compostezza »

La prima esecuzione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

La prima esecuzione pubblica del brano è avvenuta nel 1963 a New York, Pocket Theatre, per opera di John Cage ed un team di pianisti composto da: David Tudor, Christian Wolff, Philip Corner, Viola Farber, Robert Wood, MacRae Cook, John Cale, David Del Tredici, James Tenney, Howard Klein. La durata dell'esecuzione è stata di 18 ore e 40 minuti[2][3].

John Cage al termine dell'esecuzione scrisse: «nello Zen è detto: se una cosa vi annoia per due minuti, provate con quattro; se vi annoia ancora, provate con otto, sedici, trentadue minuti e così di seguito. Potrà succedervi che non sia affatto noioso».

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvio Feliciani nel 1988 ha eseguito da solo Vexations indossando un elettroencefalografo che proiettava su uno schermo gigante l'attività cerebrale e cardiaca ed utilizzando uno speciale catetere per la diuresi[4].
  • Nel settembre 2016, in occasione delle tre giornate del festival scientifico-tecnologico Trieste Next[5], il pianista e artista multimediale Adriano Castaldini ha eseguito da solo e all'aperto l'integrale di Vexations introducendo una novità assoluta nella storia dell'interpretazione del brano, rendendo "udibili" le vessazioni psicofisiche in quanto collegate in tempo reale all'elaborazione elettronica del suono del pianoforte: durante l'esecuzione, il pianista indossava un sistema sensoristico (EEG, EMG, GSR e temperatura) i cui dati, anziché limitarsi a semplice feedback, venivano elaborati in tempo reale da un software (sviluppato dallo stesso Castaldini) per diventare valori di controllo ed elaborazione del suono del pianoforte (microfonato ed amplificato).[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Durand Salabert Eschig, su www.durand-salabert-eschig.com. URL consultato il 26 maggio 2016.
  2. ^ La prima esecuzione integrale di Vexations - Cronologia - Eventi storici e tesi di laurea, su www.tesionline.it. URL consultato il 26 maggio 2016.
  3. ^ da 24h?Satie edito da Provincia di Milano a cura di G.Di Maggio e G.Sassi 2001, conservato presso la Biblioteca Comunale di Milano
  4. ^ da "Il centro" mercoledì 17 agosto 1988 pag.4 a firma Giovanna Peru
  5. ^ Trieste Next 2016, su www.triestenext.it. URL consultato il 26 maggio 2016.
  6. ^ Vexations: La Serie, Performance multimodale e interattiva per pianoforte ed elettronica, su www.triestenext.it. URL consultato il 26 maggio 2016.
  7. ^ Le vessazioni del pianista si trasformano in suono (Il Piccolo, 22 settembre 2016), su ilpiccolo.gelocal.it. URL consultato il 26 maggio 2016.
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica classica