Vespa velutina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Calabrone asiatico
Vespa velutina nigrithorax MHNT dos.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Vespidae
Genere Vespa
Specie Vespa velutina
Nomenclatura binomiale
Vespa velutina
Lepeletier, 1836

Il calabrone asiatico (Vespa velutina Lepeletier, 1836), detto anche calabrone dalle zampe gialle, è un imenottero della famiglia Vespidae, originario del sud-est asiatico.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Originario del sud-est asiatico, è ampiamente diffuso in questa zona (India, Indocina, Cina e Giava)[1].
Negli anni recenti, la prima registrazione risale al 2005, la sottospecie nigrithorax è stata accidentalmente introdotta nella zona meridionale della Francia.[2] Da li si è diffusa in Spagna[3], Portogallo[4], Belgio[4] e Italia[5].

Dato che la regina in rari casi può avvicinarsi alle dimensioni di 50 mm, analogamente peraltro alla regina del calbrone europeo (Vespa crabro), talvolta la presenza della Velutina in europa viene erroneamente segnalata come Vespa mandarinia, ben più aggressiva, cosa che però non pare trovare riscontri documentati. La confusione viene accresciuta dalla definizione stessa di Calabrone asiatico, che riporta all'area di origine comune a quella della mandarinia

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La sottospecie V.v. nigrithorax è lunga mediamente 30 mm ed è riconoscibile per il corpo scuro e la linea gialla che taglia il suo addome, al cui interno è presente un triangolino nero. Morfologicamente simile al comune calabrone europeo, se ne differenzia per le dimensioni minori, regina a parte, e soprattutto per il colore (l'europeo infatti presenta una colorazione più chiara e alcuni tratti rossi).

Predazione[modifica | modifica wikitesto]

Come i comuni vespidi diffusi in Europa è dotata di un pungiglione e presenta un comportamento discretamente aggressivo nei confronti dell'uomo. Secondo gli entomologi la sua pericolosità, per gli uomini e i mammiferi in genere, e anche l'aggressività va paragonata a quella delle altre vespe europee. In particolare la Velutina non può considerarsi più pericolosa della vespa crabro che in virtù della maggior mole ha semmai più veleno. E' sempre la confusione con la Mandarinia a creare le maggiori dicerie in tal senso[6]. Maggiore è invece la sua pericolosità per le api, suo alimento preferito, soprattutto per quanto riguarda le specie europee. Pur abilissimo predatore di api anche nel suo territorio di origine, è in Europa che questo imenottero riesce a minare seriamente l'esistenza delle comunità apiarie. Le specie apiarie del sud-est asiatico hanno adottato infatti dei comportamenti validi per combattere questo loro predatore ammassandosi sull'intruso e surriscaldandolo fino alla morte per choc termico, comportamenti per ora sconosciuti alle api europee, che contro i normali calabroni esploratori penetrati nell'arnia utilizzano prevalentemente l'assalto in massa, come attestano i corpi di vespe crabro poi espulse all'esterno della medesima. Questi assalti sono comunque onerosi per la comunità apiaria europea comportando spesso il sacrificio dell'ape stessa poichè il pungiglione uncinato è fatto per restare conficcato nel bersaglio con parte dell'addome, con la sacca velenifera ed il muscolo che finisce di pompare veleno.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Vespa velutina nigrithorax - Tolosa

Sono note le seguenti sottospecie:[senza fonte]

  • Vespa velutina ardens Buysson, 1905
  • Vespa velutina celebensis Perkins, 1910
  • Vespa velutina divergens Perkins, 1910
  • Vespa velutina flavitarsus Sonan, 1939
  • Vespa velutina floresiana Van der Vecht, 1957
  • Vespa velutina karnyi Van der Vecht, 1957
  • Vespa velutina mediozonalis Perkins, 1910
  • Vespa velutina nigrithorax Buysson, 1905
  • Vespa velutina sumbana Van der Vecht, 1957
  • Vespa velutina timorensis Van der Vecht, 1957
  • Vespa velutina variana Van der Vecht, 1957

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Monceau, Karine, Olivier Bonnard, and Denis Thiéry, Vespa velutina: a new invasive predator of honeybees in Europe, in Journal of Pest Science 87.1, vol. 87, 2014, pp. 1-16.
  2. ^ (FR) Jean Haxaire, Jean-Pierre Bouguet et Jean-Philippe Tamisier, Vespa velutina Lepeletier, 1836, une redoutable nouveauté pour la faune de France (Hym., Vespidae) (PDF), in Bulletin de la Société entomologique de France, vol. 111, nº 2, 2006, p. 194.
  3. ^ (EN) López S, González M, Goldarazena A, Vespa velutina Lepeletier, 1836 (Hymenoptera: Vespidae): first records in Iberian Peninsula, in Bulletin OEPP/EPPO Bulletin, vol. 41, nº 3, 2011, pp. 439-441.
  4. ^ a b (EN) Rome Q, Dambrine L, Onate C, Muller F, Villemant C, García Pérez AL, Maia M, Carvalho Esteves P, Bruneau E, Spread of the invasive hornet Vespa velutina Lepeletier, 1836, in Europe in 2012 (Hym., Vespidae) (PDF), in Bulletin de la Société entomologique de France, vol. 118, 2013, pp. 21-22.
  5. ^ Federazione Apicoltori Italiani, Vespa velutina: prima segnalazione in Italia., su federapi.biz, 2013.
  6. ^ (IT) Vespa velutina: sono sbarcate pericolose vespe aliene? - Divulgamus, in Divulgamus, 9 giugno 2017. URL consultato il 15 agosto 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb15528885g (data)
Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi