Vertice geodetico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine di vertice geodetico (o vertice topografico o vertice trigonometrico oppure ancora stazione geodesica[1]) si intende ognuno dei vertici che va a formare una triangolazione o una poligonazione, individuati da segnali geodetici.

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Il segnale geodetico che individua un vertice della rete IGN (Cima Gardiola).

In genere per la collocazione di tali vertici si scelgono punti ben visibili dalle zone circostanti (ad esempio la cima di una montagna, o di una torre) e/o collocati ad una distanza conveniente dagli altri vertici della rete.[2]

L'esatta posizione del punto viene in genere materializzata da manufatti come colonne o pilastri in cemento sui quali possono essere fissati centrini o placche metalliche.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trattato di geodesia teoretica, pag. 330; Paolo Pizzetti, Zanichelli, anno 1905
  2. ^ La stazione geodetica permanente CRSN di Crescentino, scheda su www.calamandrei-vc.it
  3. ^ Topografia di Puglia: atlante dei "monumenti" trigonometrici : chiese, castelli, torri, fari, architetture rurali, pag. 105, Vincenzo Cazzato e Simonetta Politano, ed. Congedo, anno 2001

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Risorse esterne[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia