Veronica Lazar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Veronica Lazar (Bucarest, 6 ottobre 1938Roma, 8 giugno 2014[1]) è stata un'attrice rumena.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminati gli studi all'accademia IATC e dopo aver interpretato alcuni ruoli in Romania, a metà degli anni sessanta ha lasciato il suo paese per stabilirsi in Italia: sposatasi con l'attore Adolfo Celi, dal quale ha avuto due figli, ha debuttato con Bernardo Bertolucci in Ultimo tango a Parigi, proseguendo la collaborazione col regista emiliano con le successive apparizioni in La luna, Il tè nel deserto, L'assedio e Io e te.

Altra collaborazione di spicco è stata quella con Michelangelo Antonioni in Identificazione di una donna e Al di là delle nuvole.

Tuttavia è nota al pubblico italiano ed internazionale soprattutto per la sua proficua carriera nel cinema horror: Lucio Fulci le diede una parte ne ...E tu vivrai nel terrore! L'aldilà, mentre Dario Argento la reclutò per Inferno, dove impersonò la figura-cult di Mater Tenebrarum, e per La sindrome di Stendhal.

È stata presidente di una fondazione artistica, la Fundatia Itaro Arte, che nel 2007 ha promosso una rassegna sul cinema rumeno tenutasi prima a Roma e poi a Pisa.

Prosa teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Veronica Lazar, il cinema da l’addio all’attrice Femaleworld.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN122350799 · ISNI: (EN0000 0001 1702 4584 · BNF: (FRcb16209701s (data)