Vermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vermo
insediamento
Beram
Vermo – Veduta
Vermo – Veduta
Localizzazione
StatoCroazia Croazia
RegioneGrb Istarske županije.svg Istriana
ComunePisino
Territorio
Coordinate45°15′10″N 13°54′00″E / 45.252778°N 13.9°E45.252778; 13.9 (Vermo)
Altitudine321 m s.l.m.
Abitanti233 (31-03-2011, Censimento 2011)
Altre informazioni
Cod. postale52000
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Vermo
Vermo

Vermo (in croato Beram) è una località della regione istriana, in Croazia, frazione del comune di Pisino.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Vermo si trova nella valle del torrenti Cipri, prolungamento del Vallone di Canfanaro, su un'altura a 321 metri s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è sorto sul luogo di un castelliere preistorico e presenta una struttura urbanistica medievale.

Del paese di Vermo presso Pisino se ne ha notizie dal 911[1], quando re Berengario dona questo feudo a Taurino vescovo di Trieste. Posto nella Repubblica di Venezia, nel 1332 era investito del feudo di Vermo Andrea Dandolo. In seguito insieme a Pisino passa agli Asburgo nella Marca d'Istria.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Santuario di Santa Maria alle Lastre.

La chiesa parrocchiale è dedicata a San Martino e conserva degli affreschi del 1431 di Vincenzo da Castua.

Poco fuori dall'abitato, a circa 1 km verso nord-est, si trova il santuario di Santa Maria delle Lastre (in croato Sveta Marija na Škriljinah), noto anche come santuario di Santa Maria di Vermo, è un'antica chiesa che costituisce il luogo di culto cimiteriale di Vermo, sorta sui resti dell'antico monastero benedettino di Santa Maria di Vermo[1].

Nei pressi di Vermo vi è una necropoli scoperta nel 1883 dove sono state rinvenute 172 urne cinerarie dell'Età del bronzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rino Cigui, I Benedettini nella Venezia Giulia di Antonio Alisi, Atti, vol. XXXVII, 2007, pp. 456-457

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN243165839 · GND (DE4371546-1 · J9U (ENHE987007531179305171