Verità (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Verità
Titolo originaleVerité
Zola - Vérité.djvu
copertina dell'edizione originale
AutoreÉmile Zola
1ª ed. originale1903
Genereromanzo
Lingua originalefrancese
SerieI quattro vangeli
Preceduto daLavoro
Seguito daGiustizia

Il romanzo Verità di Émile Zola fu pubblicato postumo nel 1903. Questo è l'ultimo romanzo che si trova all'interno del ciclo "I quattro vangeli". Il romanzo è una trasposizione dell'affare Dreyfus nel mondo dell'istruzione pubblica, che si oppone alla scuola cattolica privata. L'opera è concepita nel contesto del progetto della separazione delle Chiese dallo Stato. Essa è la descrizione di un clericalismo che cerca di conservare a tutti i costi la sua presa sulla società civile.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo ha come protagonista un ebreo che viene trovato strangolato e violentato. Di questi crimini viene accusato lo zio della vittima, il quale, però, è innocente. Infatti, a compiere queste abominevoli azioni è niente meno che un prete.