Ventre di tonno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ventre di tonno
Ventre di tonno
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneLiguria
Dettagli
Categoriasecondo piatto
RiconoscimentoP.A.T.
 

La ventre di tonno è un piatto ligure tradizionale, inserito nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani[1]. È conosciuto anche nella cucina trapanese.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La "ventre" è lo stomaco essiccato del tonno, che tradizionalmente (XIX e prima metà del XX secolo) veniva dato come aggiunta alla paga ai cosiddetti "tonnarotti", i lavoranti che dalla Liguria si trasferivano nelle tonnare della Sardegna. Oltre alla "ventre" ricevevano altri sottoprodotti della lavorazione, come il "musciamme" (filetto di tonno), la "biella" (budello), il "coeu" (cuore), il "figatello", il "polmonello" e la "bottarga".

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

La "ventre" viene tuttora preparata come "ventre in umido", con patate, polpa di pomodoro, prezzemolo, pinoli, alloro, noci, aglio, vino bianco ed olio.

Nella frazione Moglio di Alassio si tiene la prima domenica di agosto una sagra dedicata a questo piatto tipico.

Note[modifica | modifica wikitesto]