Velvet Cacoon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Velvet Cacoon
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Black metal
Dark ambient
Shoegaze
Periodo di attività 1996 - ?/2001 - 2009
Etichetta Starlight Temple Society (2009)
Full Moon Productions (2004-2009)
Ivory Snowfish Music (2005)
Southern Lord
Album pubblicati 5
Studio 4
Live 0
Raccolte 1

I Velvet Cacoon sono stati un gruppo black metal statunitense formato a Portland, Oregon, nel 1996.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le dichiarazioni dei membri, la band è nata nel 1996 per volere di SGL (Josh), LVG (Angela) e da SKV,[1] un presunto batterista morto in un incidente di montagna, di cui è sempre stata incerta l'esistenza. Tuttavia non è possibile stabilire l'autenticità di ciò, dal momento che nessun materiale è stato pubblicato fino al 2002. Infatti, a causa di questa mancanza di informazioni veritiere, non è possibile stabilire con certezza quale sia la realtà e la finzione riguardo ai Velvet Cacoon, che sono stati segnati da eventi assai particolari e inusuali.

È certo che le intenzioni del membro fondatore, Josh, erano di creare un progetto black metal dalle atmosfere magiche, psichedeliche e decadenti, tanto quanto di costruire una realtà immaginaria che fosse in grado di celare misteri sulla band e di guadagnarsi l'attenzione da parte dell'audience e dei media.

Al pinnacolo dell'agitazione[???], dopo presupposti scioglimenti e successive riformazioni, pubblicazioni di album e demo mai esistiti, leggende metropolitane riguardanti azioni ecoterroriste,[1] performance dal vivo sanguinolente e ricoveri in ospedali psichiatrici,[1] Josh rivelò in un'intervista che tutti questi eventi non furono altro che un'invenzione dello stesso, con il solo scopo di voler prendere in giro la scena black metal,[1] che spesso è stata caratterizzata da tristi e strane vicende.

Josh e Angela hanno dichiarato che l'uso di droghe pesanti, soprattutto il destrometorfano[1], hanno influenzato la loro visione della realtà, ma ciò ha favorito anche una maggiore libertà in campo artistico. Entrambi si dichiarano asessuali[1][2] e in un'intervista hanno affermato: «Quando rimuovi il sesso dall'equazione della vita, hai delle possibilità infinite, una sensazione di libertà che solo pochi possono comprendere»[senza fonte].

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Tra i lavori inesistenti, che il gruppo pretendeva di aver pubblicato, ve ne sono altri non realizzati da loro ma da altri musicisti. Le pubblicazioni shoegaze e psych-folk dei Velvet Cacoon non erano altro che album rubati ad altri artisti.[3] Ad esempio, il demo How the Last Day Came and Stayed then Faded into Simulated Rain contiene 9 tracce prese dal lavoro della musicista folk statunitense Korouva, Shipwrecks & Russian Roulette. Per chiarire la situazione, Miranda Lehman (Korouva) dichiarò che i Velvet Cacoon non hanno fatto altro che spacciare per proprio il suo lavoro. In seguito a questa dichiarazione, Josh e Angela rimossero le tracce del demo dal proprio canale MySpace.

Stessa cosa avvenne per il demo Dizzy from Eternity, anch'esso una pubblicazione rubata ai My Violent Ego, intitolata Clicks & Hisses.[3]

Josh replicò alle critiche riconoscendo la propria condizione di colpevolezza, come quanto rivelato in un messaggio in un post di un forum che è stato successivamente cancellato.[3]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Ultima[modifica | modifica wikitesto]

  • SGL (Josh) - voce, chitarra, basso, batteria
  • LGV (Angela) - chitarra, effetti

Passata[modifica | modifica wikitesto]

  • SKV - batteria

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Demo[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) J.B. Bauer, Velvet Cacoon - Interview with SGL of Velvet Cacoon, su Full Moon Productions, agosto 2004.
  2. ^ (EN) T. DePalma, The Cislunar Fog CoC interviews SGL and LVG of Velvet Cacoon - Interview with Josh and Angela, su Chronicle of Chaos.
  3. ^ a b c (EN) Velvet Cacoon tricksters, in Surreal Documents, 17 ottobre 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal