Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Velikij Ustjug

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Velikij Ustjug
Città
Великий Устюг
Velikij Ustjug – Stemma Velikij Ustjug – Bandiera
Localizzazione
Stato Russia Russia
Distretto federale Nordoccidentale
Soggetto federale Flag of Vologda oblast.svg Vologda
Rajon Velikoustjugskij
Territorio
Coordinate 60°46′00″N 46°18′00″E / 60.766667°N 46.3°E60.766667; 46.3 (Velikij Ustjug)Coordinate: 60°46′00″N 46°18′00″E / 60.766667°N 46.3°E60.766667; 46.3 (Velikij Ustjug)
Altitudine 70 m s.l.m.
Superficie 17 km²
Abitanti 31 784[1] (1º gennaio 2010)
Densità 1 869,65 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 162390—162394, 162396
Prefisso 81738
Fuso orario UTC+3
Targa 35
Cartografia
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Velikij Ustjug
Velikij Ustjug
Sito istituzionale

Velikij Ustjug in russo: Вели́кий У́стюг? è una cittadina dell'Oblast' di Vologda nella Russia europea, sita alla confluenza tra i fiumi Suchona e Jug, capoluogo del Velikoustjugskij rajon.

Origine del toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il primo insediamento stanziatosi nell'area, il monastero di Gleden (Гледен), fu costruito nel punto in cui il fiume Jug (fiume del "Sud") confluisce nella Suchona, momento in cui il corso d'acqua prende il nome di Dvina settentrionale. In lingua russa il termine utilizzato per indicare la foce di un fiume è "ust'e" (устье). Questo, unito con il nome del fiume Jug (юг) ha formato il nome dell'insediamento, Ustjug (Устюг). Alla fine del XV secolo la città è stata poi insignita del titolo di "Grande" - Velikij (Великий).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città viene per la prima volta menzionata in una cronaca del 1207, quando la stessa faceva parte del Principato di Vladimir-Suzdal. Nel 1212 vi fu fondato un monastero dedicato all'Arcangelo Michele. Situata allo snodo di importanti rotte commerciali, la città ebbe una significativa espansione economica ed industriale tra il XVI e il XVII secolo, per poi perdere gradatamente importanza fino a che, nel 1869, con l'apertura del Canale di Suez, il fiume Suchona perse la propria importanza di collegamento fluviale tra la Cina e l'Europa occidentale. La città è oggi nota per la produzione di pregiati manufatti artigianali.

Dal 1998 la città è famosa per ospitare la casa del corrispettivo russo di Babbo Natale, Ded Moroz ("Nonno Gelo"), chiamata Votčina (Russo: Вотчина). La trovata fu dell'allora sindaco Yuri Luzkhov, e da allora quello che era un antico centro monastico e mercantile si trasformò in una meta turistica: solo nell’anno in cui fu inaugurata, la casa di Ded Moroz attirò 3000 turisti, ed oggi è visitata ogni anno da 200mila visitatori.

Cittadini illustri[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Popolazione al 1º gennaio 2010

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Stemma dell'Oblast' di Vologda Città dell'Oblast' di Vologda Bandiera della Russia
Capoluogo: Vologda

Babaevo | Belozersk | Čerepovec | Charovsk | Grjazovec | Kadnikov | Kirillov | Krasavino | Nikol'sk | Sokol | Tot'ma | Ustjužna | Velikij Ustjug | Vytegra


Controllo di autorità VIAF: (EN143117582 · GND: (DE4363105-8
Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia