Vedo nero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vedo nero
Zucchero Vedo Nero YouTube.png
Screenshot del videoclip
ArtistaZucchero
Tipo albumSingolo
Pubblicazione22 aprile 2011
Durata4:00
Album di provenienzaChocabeck
GenerePop
Blues
Pop rock
EtichettaPolydor
ProduttoreDon Was, Zucchero
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia[1]
(vendite: 30 000+)
Zucchero - cronologia
Singolo precedente
(2011)
Singolo successivo
(2011)

Vedo nero è un singolo del cantante reggiano Zucchero, pubblicato il 22 aprile 2011 dall'etichetta discografica Polydor, appartenente al concept album Chocabeck.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Il brano, scritto da Zucchero insieme a Mimmo Cavallo e prodotto dallo stesso Zucchero insieme a Don Was[2], è stato estratto come terzo singolo (quarto internazionale) dall'album Chocabeck. Il testo inneggia alla tematica del sesso, come in altri brani del bluesman, citando anche la canzone Jamín-a di Fabrizio De André nell'espressione "dove c'è pelo, c'è amor".

Sulla canzone, Zucchero ha dichiarato:

«Vedo nero è ironia, allegria, ritmo… Il tutto su un travolgente tappeto d'archi, realizzati con la collaborazione di Davide Rossi, che già aveva collaborato con Brian Eno, Coldplay e Verve. Se dici "vedo nero" pensi ad uno depresso che vede tutto nero invece, in questo caso, è il contrario.[3]»

(Zucchero)

Il brano, divenuto un tormentone estivo del 2011,[4] ha una versione spagnola, pubblicata solo nel 2017 nella raccolta Wanted (The Best Collection), intitolata Veo negro. Ha anche una versione inglese intitolata Devil in My Mirror contenuta nella versione inglese di Chocabeck.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il video del brano è ambientato in un locale e, nella sua prima versione, come rivelato nell'autobiografia Il suono della domenica - Il romanzo della mia vita, iniziava con Zucchero che sale sul palco e si scusa con il pubblico perché l'artista che deve esibirsi, Paul Anka, è in ritardo, ripetendo più volte la cosa, fin quando uno spettatore risponde in modo colorito ai continui annunci in questione. Paul Anka, tuttavia, chiese di rimuovere questa parte del videoclip in quanto poteva sembrare una presa in giro offensiva. La versione definitiva del videoclip parte con alcune figure, incappucciate e con tuniche nere, che girano tra i clienti del luogo, mentre inizia la musica della canzone. Esse salgono sul palco e si spogliano della tunica, rivelandosi delle ragazze in intimo. Immediatamente Zucchero, vestito rigorosamente di nero, appare sul palco e inizia a cantare, mentre le ragazze eseguono una coreografia sulle note della canzone, ricevendo apprezzamenti dagli uomini del pubblico e disapprovazione dalle donne presenti. Tuttavia, nella seconda parte del video, tutti gli spettatori si lasciano coinvolgere in un ballo di gruppo, mentre alcune delle ragazze vengono mostrate anche in altri scenari.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Vedo nero – 4:00 (Zucchero, Mimmo Cavallo)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2011) Posizione
massima
Italia Italia[5] 17
Svizzera Svizzera[6] 71

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazione Italia, settimana 36, su fimi.it. URL consultato il 13 settembre 2013.
  2. ^ Vedo nero su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato l'8 giugno 2011.
  3. ^ ticinonews.ch[collegamento interrotto], fonte.
  4. ^ I tormentoni estivi non sono quelli più trasmessi dalle Radio
  5. ^ fimi.it, http://www.fimi.it/classifiche#/category:digital/id:980.
  6. ^ Andamento di Vedo Nero nella classifica della Svizzera, su swisscharts.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica