Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Vedda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un vedda.

I vedda (o wanniyala-aetto, veddah, cioè popolo della foresta; in lingua singalese වැද්දා /ˈvæddaː/ o [ˈʋædːaː]) sono una popolazione aborigena dello Sri Lanka di origine munda.

Si tratta dei discendenti della comunità neolitica che abitava nell'isola dell'Oceano Indiano circa 18.000 anni fa. A causa delle continue invasioni provenienti dall'India, i vedda sono stati costretti a vivere nelle foreste e proprio per questo molti sono stati assimilati dai tamil e dai singalesi. Oggi solo una piccola parte di loro conserva la cultura e le tradizioni originali.

Suddivisioni[modifica | modifica wikitesto]

I Vedda che parlano singalese si trovano principalmente nella parte sud-orientale del paese, in particolar modo nel distretto di Uva, e nel distretto di Anuradhapura, nella provincia Centro-Settentrionale.[1]

Un altro gruppo distinto, chiamato "Vedda della costa", si trova nella zona costiera orientale dello Sri Lanka, principalmente fra Batticaloa e Trincomalee. Questi Vedda parlano tamil.[2]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

I Vedda che vivono all'interno del paese seguono una forma di religione che mischia animismo e Buddismo nominale. Invece, i Vedda che abitano nella costa orientale mischiano l'animismo con una forma di Induismo nominale.

Una delle caratteristiche notevoli della religione dei Vedda è l'adorazione degli antenati morti, che sono chiamati Nae Yaku tra i Vedda che parlano singalese. Ci sono inoltre delle divinità peculiari dei Vedda, fra cui Kande Yakka.

Entrambe le due suddivisioni di Vedda, insieme con i Buddisti, Induisti e Musulmani dell'isola venerano il complesso del tempio situato a Kataragama, a dimostrazione di una forma di sincretismo che si è evoluta in circa 2000 anni di coesistenza. Secondo la tradizione, a Kataragama il dio induista Skanda (Murugan in tamil) sposò una ragazza di una tribù locale, Valli, che si dice fosse una Vedda.[3]

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Tra i Vedda, il rituale matrimoniale è molto semplice. La donna annoda il polso dell'uomo con una corda ottenuta dalla corteccia degli alberi (in origine intrecciata dalla donna stessa): questo gesto costituisce l'essenza della cerimonia e la simbolica accettazione da parte della donna di quell'uomo quale suo compagno per la vita.

Nelle società Vedda il matrimonio è di regola monogamico, anche se il divorzio è conosciuto e praticato soprattutto nei primi tempi della convivenza coniugale: in origine tendenzialmente endogamico[4], si è modificato nel senso che recentemente meno di 1/6 dei matrimoni Vedda avviene tra primi cugini[5], e sono praticati anche matrimoni misti con le comunità limitrofe musulmane di etnia tamil ovvero singalesi.[6]

Culto dei morti[modifica | modifica wikitesto]

I Vedda credono nel culto dei morti. Essi adoravano il Nae Yakka (spirito relativo), seguito da rituali chiamati Kiri Koraha, che sono ancora in voga fra i Vedda di Rathugala, Pollebedda Dambana e fra i Vedda Henanigala nella zona del Mahaweli.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

I Vedda hanno adottato la lingua singalese, ma con l'uso di termini peculiari (specialmente in relazione alla foresta e al loro modo di vivere) che non sono di origine singalese e che probabilmente risalgono alla lingua originariamente parlata da loro.

Ad esempio, il termina Vedda per "amico" è ruhang, mentre in singalese si dice yaluwa (IPA [jaːluaː]). Sulla costa orientale ci sono comunità di Wanniyala-Aetto che parlano invece tamil.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brow, James (1978). Vedda Villages of Anuradhapura. University of Washington Press.
  2. ^ Sri Lanka's east coastal Vedda indigenous communities
  3. ^ Kataragama: The Kataragama-Skanda website
  4. ^ Vadda of Sri Lanka, ScenicSriLanka.com, 15 febbraio 2009. URL consultato il 10 aprile 2016.
  5. ^ Marriage and family - Vedda, World Culture Encyclopedia - Advameg Inc.. URL consultato il 10 aprile 2016.
  6. ^ Atty. Lakshman Indranath Keerthisinghe, Veddas of Sri Lanka, The Sunday Leader, Leader Publications, Sri Lanka, 11 dicembre 2011. URL consultato il 10 arile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENsh85142472 · BNF: (FRcb11962559m (data)
Antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia