Vecchio Amaro del Capo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vecchio Amaro del Capo

Il Vecchio Amaro del Capo è un liquore calabrese della Distilleria Caffo di Limbadi. Prende il nome da Capo Vaticano, località raffigurata sull'etichetta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

È composto da acqua, alcool neutro, zucchero, infusi di erbe ed aromi naturali. Per la preparazione vengono fatte macerare per qualche giorno nell'alcool a 90° circa una ventina di ingredienti naturali tutti prodotti da piante che crescono in Calabria, tra i quali: mandarino, anice, arance, camomilla, ginepro, liquirizia, menta e issopo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il liquore assume un colore particolarmente scuro, e si caratterizza per il suo gusto dolce e dal retrogusto fortemente aromatico. Ha gradazione alcolica del 35%

Degustazione[modifica | modifica wikitesto]

È consigliato consumarlo ghiacciato (-20 °C), in bicchieri anch'essi ghiacciati.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 2016 è stato premiato a Neustad, in Germania, come “il miglior liquore alle erbe per l'anno 2016” durante il Concorso Internazionale Isw.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Vecchio Amaro del Capo premiato in Germania come “leader” tra i liquori alle erbe, su Giornale di Calabria, 11 giugno 2016. URL consultato il 13 giugno 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]