Vecchi Welfen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vecchi Welfen (o Rudolfini)
StatoRegno di Borgogna
Regno dei Franchi Orientali
Regno d'Italia
TitoliRegno di Borgogna
Regno d'Italia
Ducato di Carinzia
Marca di Verona
Contea di Svevia
Contea di Altdorf
FondatoreRuthard, conte di Argengau
Ultimo sovranoRodolfo III di Borgogna (ramo borgognone)
Guelfo III di Carinzia (ramo svevo)
Attuale caponessuno (dinastia estinta)
Data di fondazioneVIII secolo
Data di estinzione1032 (ramo borgognone)
1055 (ramo svevo)
EtniaFranca
Rami cadettiWelfen

La Vecchia dinastia dei Welfen (in italiano anche Vecchia dinastia dei Guelfi), noto come Rudolfini o Rodolfingi in Borgogna,[1][2] era una nobile dinastia franca di sovrani europei documentata dal IX secolo. Strettamente imparentato con la dinastia carolingia, consisteva in un ramo borgognone e uno svevo. Non è stato tuttavia chiarito in modo definitivo se i due gruppi formassero una dinastia o se condividessero lo stesso nome in via accidentale. Mentre la vecchia dinastia dei Guelfi si estinse nella linea maschile con la morte del duca Guelfo III di Carinzia nel 1055, sua sorella Cunigunda si sposò con un membro della dinastia italiana degli Este e divenne l'antenata della (Giovane) dinastia dei Welfen.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una tradizione di famiglia, l'ascendenza dei Welfen può essere fatta risalire al principe degli Sciri Edicone († 469), un confidente del re Attila, e al figlio Odoacre, re d'Italia dal 476. Tuttavia, uno dei primi antenati potrebbe essere stato il nobile franco Ruthard († prima del 790), conte nell'Argengau e amministratore del re carolingio Pipino il Breve in Alamannia.

L'origine del nome Welf (anche Guelfo in italiano) non è stato definitivamente stabilito. Una leggenda tardo medievale, documentata per la prima volta nel 1475, si riferiva a un (non storico) duca Balthazar di Svevia, il cui matrimonio era non aveva generato figli; questo scelse come suo erede e successore Bundus, il figlio neonato di uno dei suoi cacciatori. Quando Bundus divenne maggiorenne e fu fidanzato con una duchessa di Gheldria, sua madre lo informò segretamente delle circostanze della sua nascita. Il giovane scioccato rinunciò sia alla mano della duchessa che al dominio sulla Svevia. Ritiratosi, trascorse il resto della sua vita nel monastero di monastero di Altdorf. Solo sul letto di morte rivelò la verità sulla sua discendenza e divenne noto da allora come herzog Wolf (duca Wolf). Un'altra versione popolare si riferisce agli undici (elfi), figli del conte Isenbart di Altdorf, la cui madre voleva che fossero annegati; anni dopo si trovarono di fronte alcuni di questi che erano sfuggiti alla morte.

Ramo borgognone[modifica | modifica wikitesto]

Il più antico dei due gruppi era il ramo borgognone. Il suo membro più antico conosciuto fu Guelfo di Baviera, il primo conte di Altdorf. Fu menzionato nell'819 come padre dell'imperatrice Giuditta. I figli più piccoli del primo conte di Altdorf, Corrado e Rodolfo accompagnarono la sorella alla corte di suo marito, Ludovico il Pio, dove il loro spirito ambizioso mantenne il loro rango ereditario, condivisero il destino felice e poi avverso della sorella. Quando Giuditta fu sorpresa ed esiliata dai suoi figliastri, i suoi fratelli furono tonsurati come monaci ma rivendicarono e ottennero il permesso di stare accanto al trono. La sorella di Giuditta, Emma (* 808 † 876) in seguito sposò il figliastro di Giuditta, Ludovico il Germanico e divenne la regina dei Franchi.

Corrado ebbe due figli: Corrado II, che gli successe, e Ugo, data la sua attitudine religiosa, venne soprannominato l'abate. Tradizionalmente gli viene dato un terzo figlio, Guelfo I del gruppo svevo.

Corrado II succedette a suo padre come conte di Parigi e recuperò le terre borgognone di suo zio Otkarius. Lasciò un figlio unico, Rodolfo, che cinse la corona reale nell'abbazia di Saint- Maurice en Valais nell'888, che confermò la sua indipendenza con due vittorie su Arnolfo, e fu quindi riconosciuto imperatore in una dieta generale dell'Impero. Suo figlio, Rodolfo II successe in questo stato di nuova formazione, che comprendeva la parte francese o occidentale della Svizzera, la Franca Contea, la Savoia, il Delfinato, la Provenza e il paese tra il Reno e le Alpi, ed era noto come il regno di Borgogna. In seguito, Rodolfo tentò due volte la conquista del Regno d'Italia e per un periodo di tre anni governò quel regno.

Suo figlio e successore, Corrado III, regnò per più di cinquantasei anni, dal 937 al 993, e godette dell'amicizia e del sostegno degli imperatori sassoni. Ottone I sposò sua sorella Adelaide, che fu la madre di Ottone II e la nonna di Ottone III. A Corrado successe suo figlio Rodolfo III, soprannominato il Fannullone.

Quando Rodolfo III morì senza figli nel 1032 senza problemi la sovranità del regno di Borgogna passò come feudo o eredità a suo nipote Corrado il Salico, che fu eletto imperatore nel 1024. Con Rodolfo, questo ramo si estinse in linea maschile.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Membri principali del ramo borgognone[modifica | modifica wikitesto]

Ramo svevo[modifica | modifica wikitesto]

Il più vecchio membro conosciuto del ramo svevo è Guelfo I, un conte in Svevia, menzionato per la prima volta nell'842. Secondo la leggenda, Guelfo I era un figlio di Corrado, figlio di Guelfo I di Baviera, conte di Altdorf, l'antenato del gruppo borgognone. Questa relazione è considerata probabile perché sia Corrado che Guelfo I erano conti di Linzgau e Alpgau. La relazione tra Guelfo I e tutti i membri successivi del gruppo svevo (Guelfo III di Carinzia, e i suoi parenti, che erano conti di Altdorf) è, ancora una volta, conosciuta solo attraverso la leggenda.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Membri principali del ramo svevo[modifica | modifica wikitesto]

I Welfen[modifica | modifica wikitesto]

La proprietà della dinastia Welfen fu ereditata dal ramo più antico della dinastia degli Este che divenne nota come la dinastia Welfen più giovane, o dinastia dei Welfen-Este. La vecchia dinastia dei Welfen si estinse quando il già citato Guelfo III di Carinzia che morì senza figli nel 1055.

Relazioni dinastiche franche[modifica | modifica wikitesto]

Relazioni dinastiche tra:     Merovingi     Robertingi     Arnolfingi     Pipinidi     Carolingi     Welfen     Ottoniani     Capetingi


    
Arnolfo di Metz
*582641
    
Doda di Metz[3]
*? †?
    
Pipino di Landen
*? †640/647
    
Itta di Nivelles
*592657
    
Teodorico III
*~651 †~691
    
Ansegiso
*612685
    
Begga di Andenne
*~615698
    
Clotilde
*~670
    
Lamberto II
fl. 741
    
Pipino di Herstal
*635714
    
Roberto I di Hesbaye[4]
fl. 764
    
Rotrude di Treviri
*~690725
    
Carlo Martello
*689741
    
Turimberto di Hesbaye
*? † post 770
Geroldo di Vintzgau
*? † post 784/798
    
Pipino il Breve
*714768
    
Roberto II di Hesbaye
*770807
Adriano d'Orléans
*? † ante 821
Ildegarda
*758783
    
Carlo Magno
*742814
    
Guelfo I di Baviera
*? †824/825
    
Roberto III di Hesbaye
*781/790834
Wiltrude
*795834
    
Pipino d'Italia
*777810
    
Ludovico il Pio
*778840
    
Giuditta di Baviera
*800/805 †843
    
Bernardo d'Italia
*797818
Eberardo del Friuli
*~820866
    
Gisella
*818/820876
    
Carlo il Calvo
*823877
    
Pipino I di Vermandois
*~815post 850
Ingeltrude
*? †?
Enrico di Franconia
*? †886
    
Luigi II di Francia
*846879
    
Roberto il Forte
*820866
    
Erberto I di Vermandois
*? †907
    
Ottone I di Sassonia
*~851912
Edvige di Babenberg
*856903
    
Roberto I di Francia
*866923
    
Beatrice di Vermandois
*~880 † post 931
    
Enrico I di Sassonia
*876936
    
Carlo III di Francia
*879929
    
Ugo il Grande
*~898956
    
Edvige di Sassonia
*922 †~965
    
Ottone I di Sassonia
*912973
    
Gerberga di Sassonia
*913/14969
    
Luigi IV di Francia
*920954
    
Ugo Capeto
*~940996
    
Ottone II di Sassonia
*~955983
    
Lotario IV
*941986
    
Ottone III di Sassonia
*9801002
    
Luigi V di Francia
*~967987
Octicons-arrow-small-down.svg
    
Enrico II il Santo
*~9751024
    
Ugo Capeto
Capetingi
Octicons-arrow-small-down.svg
Corrado II il Salico
Dinastia salica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Hugo Haedicke, Études sur le royaume de Bourgogne et de Provence, J. F. Starke, 1865, p. 32.
  2. ^ (FR) Régine Le Jan, La royauté et les élites dans l’Europe carolingienne, Institut de recherches historiques du Septentrion, 2018, p. 321.
  3. ^ Doda, secondo alcune fonti, era figlia di Arnoaldo di Metz, vescovo di Metz e margravio della Schelda.
  4. ^ Duca di Haspengau, conte di Oberrheinsgau e Wormsgau.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia