Vattene amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vattene amore
Vattene amore.jpeg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Mietta, Amedeo Minghi
Tipo album Singolo
Pubblicazione 3 marzo 1990
Durata 4 min : 02 s
Album di provenienza Canzoni
Genere Pop
Etichetta Fonit Cetra
Produttore Quattroerre
Registrazione 1990
Formati Vinile, CD Single

Vattene amore è un brano scritto da Amedeo Minghi e da Pasquale Panella e presentato al Festival di Sanremo 1990 dove si classificò al terzo posto. Minghi si esibì in duetto con Mietta, vincitrice l'anno precedente nella categoria "Nuovi".[1]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è un classico brano d'amore, caratterizzato da un forte chiaroscurismo vocale, molto originale nella sua melodia accattivante. Il testo è solo apparentemente nonsense e racconta le difficoltà di una coppia separata dai numerosi viaggi di lui. Rimase particolarmente celebre il ritornello, che utilizzava, come nomignoli fra innamorati, gli insoliti "trottolino amoroso" e "dudù dadadà". In seguito questi due eufemismi, furono spesso ripresi nei media, per indicare un linguaggio da innamorati, eccessivamente zuccheroso e leggermente ridicolo. Altra caratteristica distintiva del brano è l'assoluta predominanza della voce di Mietta, rispetto a quella di Minghi.[2]

La canzone fu incisa e eseguita dal vivo anche da Nikka Costa in inglese con il titolo All for the Love, sempre nel corso della manifestazione sanremese.[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, uno dei brani più conosciuti in assoluto della musica italiana, ottenne immediatamente un buon riscontro, arrivando terza al Festival. In realtà i risultati del successo del brano si videro soprattutto in termini di vendite e di impatto mediatico. Il brano entrò nella top 20 dei singoli più venduti il 10 marzo 1990, direttamente al quarto posto, ma balzò alla prima posizione la settimana seguente, scavalcando Uomini soli dei Pooh, brano vincitore a Sanremo. La canzone rimase in vetta per undici settimane non consecutive, e comunque stazionò stabilmente nella top ten praticamente fino a settembre. Alla fine, il singolo risultò il secondo più venduto in Italia del 1990, dietro soltanto a Un'estate italiana[4]. Il brano è inoltre molto conosciuto in diversi paesi del mondo, specie in Francia, Benelux, Argentina e Thailandia, senza aver mai beneficiato di una vera e propria promozione.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il video prodotto per "Vattene amore" è stato diretto da Francesco Abbondati e fotografato da Davide Mancori e vede i due cantanti in momenti di vita quotidiana all'interno di una lussuosa dimora di stile moresco (il Castello di Sammezzano, a due passi da Firenze)[5], alternando queste sequenze ad altre in cui Minghi e Mietta sono ripresi mentre eseguono il brano in uno studio, illuminato soltanto dalla luce che filtra da una tapparella semi aperta. Il video alterna sequenze a colori ad altre girate in bianco e nero.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Minghi scrisse il brano per Mina e Ornella Vanoni, ma lo affidò a Mietta in seguito ad un provino di quest'ultima. La versione di Vattene amore incisa da Mietta venne scelta per il Festival di Sanremo 1990, ma per motivi organizzativi si decise all'ultimo momento di sostituirla con una nuova versione in duetto con l'autore.[6]
  • Il «trottolino amoroso» nacque da una perifrasi con il «farfallone amoroso» di Mozart, da cui sia il maestro Minghi sia il poeta Panella trassero ispirazione per la stesura del brano.[7] Il «gattino annaffiato» citato nel testo si riferisce invece al gatto della pubblicità Barilla, che si salva grazie alla pioggia.[8]
  • Nel 2003 per uno dei celebri tre spot del lancio di Sky è stata utilizzata proprio Vattene amore; in quell'occasione è stato rappresentato il mondo del calcio (gli altri due spot erano dedicati a cinema e cartoni) e la pubblicità vantava la presenza di giocatori, a quell'epoca, molto famosi e stimati, come Pippo Inzaghi, Vincenzo Montella e Pavel Nedved.
  • Nel 2011 Mietta entra a sorpresa nella casa del Grande Fratello 11[9] per giudicare la performance canora dei concorrenti sulle note di Vattene amore.[10]
  • Durante il Festival di Sanremo 2013, i due conduttori, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, hanno proposto una "simpatica imitazione" della canzone cantata da loro due.
  • Nel 2015, durante la prima puntata della quinta edizione di Tale e Quale Show, Gabriele Cirilli e Pino Insegno si sono esibiti dal vivo interpretando rispettivamente Mietta e Amedeo Minghi in Vattene amore.
  • Nel 2015, durante la puntata del 4 dicembre di Uomini e Donne, Tina Cipollari e Gianni Sperti si sono esibiti in playback imitando scherzosamente Mietta e Amedeo Minghi nel loro celebre duetto.
  • Per lo spot Rai del Festival di Sanremo 2017 i due conduttori, Carlo Conti e Maria De Filippi, hanno provato a cantare il brano perché, come recita il motto dell'edizione, Tutti cantano Sanremo.[11]
  • Nella prima puntata del Festival di Sanremo 2017 in un filmato d'introduzione, dedicato alle canzoni più famose della storia del Festival non vincitrici, è stata inserita l'esibizione di Mietta & Minghi. Vattene amore è stata, inoltre, cantata da Paola Cortellesi e Antonio Albanese in un medley per celebrare le grandi coppie del Festival.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Vattene amore" - Amedeo Minghi & Mietta 4:00
  2. "Vattene amore" - Mietta 4:00

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

ITA singles chart[12]
Settimane 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
Posizione
29
4
1
1
1
1
1
1
1
1
2
2
1
1
1
2
3
4
5
7
9
9
10
10
9
8
15
18
18
21
Classifica (1990)[13] Posizione
Classifica italiana dei singoli 1
Classifica italiana annuale dei singoli 2
Classifiche estere Posizione
Classifica svizzera dei singoli 17[14]
Classifica olandese dei singoli 76[15]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Festival di Sanremo