Variazioni territoriali e amministrative della Toscana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Toscana dal 1860 al 2009

Questa pagina riassume le variazioni territoriali e amministrative[1][2] della Toscana dal 1860 al 1939.

Antecedenti storici[modifica | modifica wikitesto]

La regione italiana della Toscana deriva territorialmente dal Granducato di Toscana, annesso al Regno d'Italia con il plebiscito dell'11-12 marzo 1860. Lo Stato toscano si estendeva anche alla Romagna toscana, che sarebbe stata ceduta all'Emilia in epoca fascista. Non includeva invece la Lunigiana e l'Alta Garfagnana.

Il Granducato aveva conosciuto numerose variazioni amministrative. A seguito delle Guerre d'Italia e del Trattato di Cateau-Cambrésis, Cosimo I de' Medici ottenne in feudo i territori della Repubblica di Siena, andando a controllare lo Stato “Vecchio” di Firenze e lo Stato “Nuovo” di Siena sottoforma di due diversi Ducati, che andarono a formare nel 1569 il Granducato di Toscana e costituendone la suddivisione amministrativa primaria. I due Ducati a loro volta erano suddivisi al loro interno in numerosi capitanati (tra cui quelli di Pisa, Grosseto e Pistoia), vicariati, contee e podesterie.

Il 18 marzo 1766 la provincia senese venne divisa in due parti, superiore e inferiore: quest'ultima costituì il nucleo originario della futura provincia di Grosseto. Le province divennero cinque con la prima suddivisione in compartimenti (1º novembre 1825), che elevò a capoluogo anche Arezzo attribuendo alla sua giurisdizione comuni fiorentini e senesi.[3]

Il 9 marzo 1848 il Granducato fu suddiviso ex novo in 7 compartimenti, più i governi di Livorno e dell'Isola d'Elba. I compartimenti e governi erano a loro volta suddivisi in 36 distretti e 246 comunità.[3] Non si trattò tuttavia del riparto definitivo, poiché il neoistituito compartimento di Pistoia fu soppresso tre anni dopo.[4] All'epoca dell'annessione dunque la Toscana si presentava ripartita nelle seguenti province:

Alcune comunità mutarono provincia: la Val di Cornia (Campiglia,[8] Piombino e Suvereto nel 1834, Monteverdi e Sassetta nel 1837) da Pisa a Grosseto,[3][9] poi di nuovo a Pisa;[3] Cetona, Chianciano, Chiusi, Montepulciano, Sarteano, Sinalunga e Torrita da Arezzo[9] a Siena.[3]

1871[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Massa e Carrara, nata dalla fusione dei territori della Lunigiana e dell'Alta Garfagnana che avevano fatto parte dal 1829 del Ducato di Modena e Reggio, era stata inserita dal 1861 nel neonato Regno d'Italia in un primo tempo nel Compartimento territoriale di Modena, Reggio e Massa[10] e solo a partire dal censimento del 1871 venne considerata provincia toscana.

1923[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1923 la provincia di Firenze includeva la Romagna toscana

Nel 1923 all'interno della Toscana si ebbe un'importante variazione amministrativa tra le province di Massa e di Lucca e anche una doppia modifica territoriale. La provincia di Massa subì un drastico ridimensionamento in seguito al distacco del circondario di Castelnuovo di Garfagnana[11]. La regione perse inoltre i comuni di Calice al Cornoviglio e Rocchetta di Vara (ceduti alla Liguria)[12], e inoltre il circondario di Rocca San Casciano, ossia gran parte della Romagna toscana (alla provincia di Forlì, in Romagna)[13].

Variazioni territoriali[modifica | modifica wikitesto]

Comune Dalla regione Alla regione
Bagno di Romagna-Stemma.png Bagno di Romagna Toscana
Firenze
Romagna
Forlì-Cesena
Dovadola-Stemma.png Dovadola
Galeata-Stemma.png Galeata
Modigliana-Stemma.png Modigliana
Portico e San Benedetto-Stemma.png Portico e San Benedetto
Premilcuore-Stemma.png Premilcuore
Rocca San Casciano-Stemma.png Rocca San Casciano
Santa Sofia (Italia)-Stemma.png Santa Sofia
Sorbano[14]
Castrocaro Terme e Terra del Sole-Stemma.png Terra del Sole e Castrocaro
Tredozio-Stemma.png Tredozio
Verghereto-Stemma.png Verghereto
Calice al Cornoviglio-Stemma.png Calice al Cornoviglio Toscana
Massa e Carrara
Liguria
Spezia
Rocchetta di Vara-Stemma.png Rocchetta di Vara

Variazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Comune Dalla provincia di Alla provincia di
Camporgiano-Stemma.png Camporgiano Massa e Carrara Lucca
Careggine-Stemma.png Careggine
Castelnuovo di Garfagnana-Stemma.png Castelnuovo di Garfagnana
Castiglione di Garfagnana-Stemma.png Castiglione di Garfagnana
Fosciandora-Stemma.png Fosciandora
Gallicano-Stemma.png Gallicano
Giuncugnano-Stemma.png Giuncugnano
Minucciano-Stemma.png Minucciano
Molazzana-Stemma.png Molazzana
Piazza al Serchio-Stemma.png Piazza al Serchio
Pieve Fosciana-Stemma.png Pieve Fosciana
San Romano in Garfagnana-Stemma.png San Romano in Garfagnana
Sillano-Stemma.png Sillano
Trassilico[15]
Vagli Sotto-Stemma.png Vagli Sotto
Vergemoli-Stemma.png Vergemoli
Villa Collemandina-Stemma.png Villa Collemandina

1925[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1925, per interessamento diretto del gerarca fascista livornese Costanzo Ciano, la piccola provincia di Livorno - erede del compartimento granducale - fu ingrandita da 17 comuni della provincia di Pisa e dall'isola di Capraia. Quest'ultima variazione ampliò il territorio toscano (l'isola apparteneva infatti alla provincia di Genova).[16] Pisa fu tuttavia compensata con l'acquisto di alcuni comuni del circondario di San Miniato (provincia di Firenze).

Variazioni territoriali[modifica | modifica wikitesto]

Comune Dalla regione Alla regione
Capraia Isola-Stemma.png Capraia Isola Liguria
Genova
Toscana
Livorno

Variazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Comune Dalla provincia di Alla provincia di
Bibbona-Stemma.png Bibbona Pisa Livorno
Castagneto Carducci-Stemma.png Castagneto Carducci
Cecina-Stemma.png Cecina
Collesalvetti-Stemma.png Collesalvetti
Campiglia Marittima-Stemma.png Campiglia Marittima[8]
Piombino-Stemma.png Piombino
Rosignano Marittimo-Stemma.png Rosignano Marittimo
Sassetta (Italia)-Stemma.png Sassetta
Castagneto Carducci-Stemma.png Suvereto
Castelfranco di Sotto-Stemma.png Castelfranco di Sotto Firenze Pisa
Montopoli in Val d'Arno-Stemma.png Montopoli in Val d'Arno
San Miniato-Stemma.png San Miniato
Santa Croce sull'Arno-Stemma.png Santa Croce sull'Arno
Santa Maria a Monte-Stemma.png Santa Maria a Monte

La città di Prato, nonostante il suo notevole sviluppo demografico ed economico, non aveva mai ottenuto autonomia amministrativa nel Granducato di Toscana. I pratesi iniziarono a rivendicarla nel 1919, e nel 1925 fu istituito il circondario di Prato con i comuni di Calenzano, Cantagallo, Montemurlo, Prato, Tizzana e Vernio[17]. Il nuovo ente autonomo ebbe però vita brevissima: solo due anni dopo i circondari vennero aboliti.

1927[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1927 fu istituita la provincia di Pistoia, che riunì vari comuni della provincia di Firenze, tra cui Tizzana (già compresa nell'ex circondario di Prato)[18]. L'abolizione del circondario e la contemporanea elevazione a capoluogo dell'eterna rivale furono sentite dai pratesi come una vera beffa: il regime fascista cercò allora di placare gli animi con la prassi di nominare spesso un pratese a capo della provincia di Firenze. Il 1927 vide anche la cessione di due comuni aretini all'Umbria.

Variazioni territoriali[modifica | modifica wikitesto]

Comune Dalla regione Alla regione
Monterchi-Stemma.png Monterchi Toscana
Arezzo
Umbria
Perugia
Monte Santa Maria Tiberina-Stemma.png Monte Santa Maria Tiberina

Variazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Comune Dalla provincia di Alla provincia di
Agliana-Stemma.png Agliana Firenze Pistoia
Cutigliano-Stemma.png Cutigliano
Lamporecchio-Stemma.png Lamporecchio
Larciano-Stemma.png Larciano
Marliana-Stemma.png Marliana
Montale-Stemma.png Montale
Pistoia-Stemma.png Pistoia
Piteglio-Stemma.png Piteglio
Sambuca Pistoiese-Stemma.png Sambuca Pistoiese
San Marcello Pistoiese-Stemma.png San Marcello Pistoiese
Serravalle Pistoiese-Stemma.png Serravalle Pistoiese
Quarrata-Stemma.png Tizzana

1928[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1928 la provincia di Pistoia si ingrandì ulteriormente con l'acquisto di dieci comuni distaccati dalla provincia di Lucca.

Comune Dalla provincia di Alla provincia di
Buggiano-Stemma.png Buggiano Lucca Pistoia
Massa e Cozzile-Stemma.png Massa e Cozzile
Monsummano Terme-Stemma.png Monsummano Terme
Montecatini Terme-Stemma.png Montecatini Terme[19]
Montecatini Val di Nievole[20]
Pescia-Stemma.png Pescia
Pieve a Nievole-Stemma.png Pieve a Nievole
Ponte Buggianese-Stemma.png Ponte Buggianese
Uzzano-Stemma.svg Uzzano
Vellano-Stemma.png Vellano

1936[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Variazioni dei comuni della Toscana.

Nel 1936, in occasione dell'istituzione del comune di Abetone, vi fu aggregata una zona oltre il passo, già parte del comune emiliano di Fiumalbo. Una delle numerose variazioni territoriali dei comuni toscani comportò pertanto un piccolo acquisto di territorio per la regione.

1939[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1939, in seguito alle proteste della popolazione, il comune di Monterchi tornò in provincia di Arezzo.

1992[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto di istituzione della provincia di Prato riprese vigore nel dopoguerra. Nel 1956 il consiglio comunale della città avanzò la richiesta ufficiale, cui seguirono le adesioni di vari comuni, inclusi alcuni enti della provincia di Pistoia (Agliana, Montale e Tizzana). La provincia pratese fu infine istituita nel 1992, ma acquistò solo sette comuni dalla provincia di Firenze e nessuno da quella di Pistoia. I comuni di Carmignano e Poggio a Caiano furono assegnati alla nuova provincia sebbene un referendum popolare avesse espresso parere contrario al distacco da Firenze.

Comune Dalla provincia di Alla provincia di
Cantagallo (Italia)-Stemma.png Cantagallo Firenze Prato
Carmignano (Italia)-Stemma.png Carmignano
Montemurlo-Stemma.png Montemurlo
Poggio a Caiano-Stemma.png Poggio a Caiano
Prato-Stemma.png Prato
Vaiano-Stemma.png Vaiano
Vernio-Stemma.png Vernio

Modifiche territoriali e amministrative dei comuni della Toscana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Modifiche territoriali e amministrative dei comuni della Toscana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Variazione territoriale di un ente è la modifica del suo territorio. Si prendono quindi in considerazione gli acquisti e le cessioni di comuni o province da parte della regione. Variazioni amministrative sono invece l'istituzione, la soppressione, la ridenominazione, la modifica dell'appartenenza all'ente di livello amministrativo superiore. Si prendono quindi in considerazione le variazioni di questo tipo che interessano comuni e province nell'ambito della regione.
  2. ^ Variazioni amministrative e territoriali dei comuni nella definizione dell'ISTAT
  3. ^ a b c d e Compendio storico della città di Firenze. 1849.
  4. ^ La storia di Pistoia
  5. ^ Il compartimento di Lucca includeva la Piana di Lucca, la Valdinievole e la Versilia.
  6. ^ Il compartimento di Pisa si estendeva in massima parte ai territori già appartenenti alla repubblica marinara di Pisa.
  7. ^ Alla città di Livorno faceva capo il dipartimento del Mediterraneo istituito durante l'occupazione napoleonica. In seguito il territorio livornese restò però limitato al solo comune capoluogo.
  8. ^ a b Campiglia includeva il futuro comune autonomo di San Vincenzo, istituito nel 1949.
  9. ^ a b Statistica dell'Italia. 1842.
  10. ^ Raccolta officiale delle leggi e dei decreti pubblicati dal governatore delle regie provincie dell'Emilia. 1860.
  11. ^ Regio Decreto 9 novembre 1923, n. 2490
  12. ^ Regio Decreto 2 settembre 1923, n. 1913
  13. ^ Regio Decreto 4 marzo 1923, n. 544
  14. ^ Comune soppresso nel 1964 e aggregato al comune di Sarsina.
  15. ^ Ex sede del comune ridenominato Fabbriche di Vallico nel 1948. In seguito la frazione di Trassilico fu aggregata al comune di Gallicano.
  16. ^ Cronistoria di Rosignano Marittimo
  17. ^ Regio Decreto 15 novembre 1925, n. 2013
  18. ^ Regio Decreto Legge 2 gennaio 1927, n. 1
  19. ^ Il comune di Bagni di Montecatini fu ridenominato Montecatini Terme proprio nel 1928.
  20. ^ Comune soppresso nel 1940 e aggregato al comune di Montecatini Terme.