Varda Elentári

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varda Elentári
Universo Arda
Lingua orig. Inglese
Soprannome Signora delle Stelle
Autore John Ronald Reuel Tolkien
Specie Ainur
Sesso Femmina
Etnia Valar
Varda Elentári

Varda Elentári è un personaggio di Arda, l'universo immaginario creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien.

Varda è una Valië, moglie di Manwë. È la creatrice delle stelle (le più belle e importanti delle quali realizzate usando i germogli di Telperion, uno dei Due Alberi), e più in generale si può affermare che ella sia la Signora della luce, in tutte le sue forme.

Si dice che sia troppo bella per essere descritta con parole, dato che il suo viso risplende della luce di Ilúvatar. Vive con Manwë sulla cima di Taniquetil, la montagna più alta di Arda e di Valinor. Quando lei è con Manwë su questo monte, nessun suono su Arda è per lei inudibile, e niente del mondo può sfuggire alla vista di Manwë.

Varda fu la prima ad intuire la vera natura malefica di Melkor, ancora prima dell'Ainulindalë. Melkor teme e odia Varda più di ogni altro Valar.

Gli Elfi, sebbene riconoscano e rispettino tutti i Valar come Signori del Mondo, tengono Varda in suprema considerazione e venerazione, dato che la prima luce da loro vista fu quella delle stelle da lei create.

Nomi[modifica | modifica wikitesto]

Varda significa sublime in quenya, ed Elentári significa Signora delle Stelle; in Quenya viene anche chiamata Tintallë (Accenditrice).

In Sindarin è anche conosciuta come Elbereth (Signora delle Stelle), Gilthoniel (colei che accese le stelle) e Fanuilos (Sempre-Bianca). In Telerin è chiamata Baradis.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J.R.R. Tolkien, a cura di Christopher Tolkien, Il Silmarillion, Bompiani, 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien