Vannio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vannio
GermanenAD50-it.png
Le popolazioni germaniche attorno al 50, durante l'Impero di Claudio. Il regno di Vannio comprendeva i Marcomanni di Boemia ed i Quadi di Moravia e della Slovacchia occidentale.
principe dei Marcomanni e Quadi
In carica Dal 18 o 19 al 50
Successore Vangio e Sidone
Nascita 1 a.C. ca.
Morte post 50
Casa reale Marcomanni e Quadi

Vannio (... – dopo il 50) fu un re delle tribù germaniche dei Quadi e dei Marcomanni.

Visse nel I secolo. Il regno di Vannio (regnum Vannianum) si trovava nella parte occidentale dell'odierna Slovacchia, comprendeva i territori fino all'attuale Boemia, e si trattò della prima unità politica dell'area slovacca. Tacito infatti parla di un regnum vannianum che si estendeva a nord del Danubio tra i fiumi Morava e Váh.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Salì al trono dopo la cacciata di Maroboduo nel 18-19, in seguito alla sconfitta di quest'ultimo contro una coalizione germanica condotta da Arminio dei Cherusci.[2] Fu un fedele alleato e cliente dei Romani, a nord del limes danubiano e delle province romane di Pannonia e Dalmazia, tra il 18/19 ed il 50. Egli regnò durante il regno di Tiberio e poi di Claudio, fino a quando fu cacciato dai suoi stessi sudditi ed il suo regno fu diviso tra i suoi due nipoti, Vangio e Sidone.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tacito, Annales, II, 62-63: Danuvium ultra inter flumina Marum et Cusum.
  2. ^ Tacito, Annales, II, 46.
  3. ^ Tacito, Annales, XII, 29.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100421363 · GND (DE139114432 · CERL cnp01197135 · WorldCat Identities (EN100421363