Vanna Vinci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vanna Vinci (Cagliari, 30 aprile 1964) è una fumettista, illustratrice e insegnante italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 dopo essersi diplomata all'Istituto Europeo di Design di Milano, apre a Cagliari insieme ad un'amica, lo studio grafico Mow Mow. La prima pubblicazione risale al 1990, quando sul giornale Fumo di China vengono pubblicate due storie brevi riguardanti la mummia Naarik.

Col tempo, all'attività di autrice, affianca quella d'illustratrice, lavorando con gli editori EL, Einaudi Ragazzi, Tam Tam, Arnoldo Mondadori Editore, Fabbri e collaborando con le pagine della cultura dell'Unità.

Nel 2011 collabora con la Sergio Bonelli Editore, (in realtà da prima, avendo disegnato alcune storie di Legs, lo spin off di Nathan Never: vedasi ad esempio le ministorie allegate agli Speciali e la storia "omaggio" su Hugo Pratt presente nel numero 50 di Legs)

disegnando e scrivendo la sceneggiatura a una storia di Dylan Dog, "La villa degli amanti", pubblicata nel maggio dello stesso anno sul Dylan Dog Color Fest 6.[1]

Attualmente insegna presso l'Accademia di belle arti di Bologna e tiene delle lezioni alla scuola di fumetto Humpty Dumpty sempre nel capoluogo felsineo.

Volumi a fumetti pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

  • Ombre (1997 Kappa Edizioni)
  • Guarda che luna (1998 Kappa Edizioni)
  • Gli adoratori di Osiride (1999 Sergio Bonelli Editore, per la serie Legs Weaver)
  • Una casa a Venezia (1999 Kappa Edizioni)
  • Paura negli abissi (2000 Sergio Bonelli Editore, per la serie Legs Weaver)
  • Lillian Browne (2000 Kappa Edizioni)
  • L'età selvaggia (2001 Kappa Edizioni)
  • Viaggio sentimentale (2002 Kappa Edizioni)
  • Aida al confine (2003 Kappa Edizioni)
  • La bambina filosofica. Anatomia di uno sfacelo (2004 Kappa Edizioni Jet Lag)
  • Sophia, la ragazza aurea (2005 Kappa Edizioni)
  • La bambina filosofica. Pensieri, parole, opere, omissioni (2006 Kappa Edizioni Jet Lag)
  • Sophia nella Parigi ermetica (2007 Kappa Edizioni)
  • La bambina filosofica. Pillole di saggezza altrui (2007 Kappa Edizioni Jet Lag)
  • La bambina filosofica. Pape Satàn aleppe (2008 Kappa Edizioni)
  • Gatti neri, cani bianchi (2009 Kappa Edizioni)
  • L'attrazione del buio – Due storie di vampiri (2009 Kappa Edizioni)
  • Gatti neri, cani bianchi 2 - Lungo la strada (2010 Kappa Edizioni)
  • La bambina filosofica. Houston, abbiamo un problema (2012 Rizzoli)
  • La Casati. La musa egoista (2013 Rizzoli)
  • La bambina filosofica. L'opera (quasi) omnia (2013 Rizzoli)
  • Il richiamo di Alma (2014 Bao Publishing)
  • Tamara de Lempicka. Icona dell'art déco (2015 Il Sole 24 Ore)
  • Sophia (2015 Bao Publishing)
  • La bambina filosofica. No future (2015 Bao Publishing)
  • Frida Kahlo. Operetta amorale a fumetti (2016 Il Sole 24 Ore)

Premi vinti come disegnatrice[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Yellow Kid come Miglior Disegnatore (1999)
  • Premio Romics per L'età selvaggia come miglior opera di scuola europea (2001)
  • Premio “Gran Guinigi” a Lucca Comics come Miglior Disegnatore (2005)[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN19972049 · LCCN: (ENno2010053890 · SBN: IT\ICCU\BVEV\020437 · ISNI: (EN0000 0001 1604 548X · GND: (DE132385651 · BNF: (FRcb15084659s (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie