Vanità (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vanità
Titolo originale Vanità
Paese di produzione Italia
Anno 1947
Durata 83 min
Dati tecnici B/N
Genere drammatico, sentimentale, storico
Regia Giorgio Pastina
Soggetto Carlo Bertolazzi
Sceneggiatura Giorgio Pastina
Produttore Fauno Film
Distribuzione (Italia) Generalcine (1947)
Fotografia Giuseppe La Torre
Musiche Nino Rota
Scenografia Gastone Simonetti
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Premi

Vanità è un film del 1947 diretto da Giorgio Pastina

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto da Vincenzo Genesi per la Fauno Film, tratto dalla commedia di Carlo Bertolazzi, La gibigianna, il film fu girato negli studi I.C.E.T. di Milano, per uscire nelle sale il 15 maggio 1947.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Enrico ha lasciato la casa materna e inizia del suo lavoro una ragazza, Bianca, ex sartina, della quale è innamorato. Bianca è coinvolta ma sente il desiderio di una vita più agiata e resta fortemente affascinata di un mondo di tentazioni. Proprio a Milano, in una città ottocentesca, essa finisce col cedere ad un amante. Enrico quando scopre che essa ha un'amante la allontana e Bianca finisce col darsi nel turbine della prostituzione. Enrico però che non la può dimenticare e la trova nella casa dove ha vissuto con lei ed apprende che anch'essa è stata lì poco prima. La raggiunge e le chiede di riunirsi di nuovo a lui. Bianca che non se ne sente più degna rifiuta e gli dice di amare un altro uomo. Esasperato egli la ferisce di coltello. Soccorsa da un parroco e dal medico che Enrico è corso a cercare, viene trasportata nel vicino albergo equivoco dove esercitava la sua triste professione. Moribonda fa al sacerdote un'ampia confessione, attribuendo a sé la colpa dell'accaduto. Enrico chiede al sacerdote di unirli in matrimonio e la ragazza spira serenamente confortata da visioni di felicità senza fine.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV. La città del cinema, Napoleone editore Roma 1979
  • Catalogo Bolaffi del cinema 1945/1955 a cura di Gianni Rondolino

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema