Vanilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima casa discografica, vedi Vanilla (casa discografica).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Vanilla
Vanilla planifolia - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-278.jpg
Vanilla planifolia
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Vanilloideae
Tribù Vanilleae
Genere Vanilla
Plum. ex Mill., 1754
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Specie

Vanilla Plum. ex Mill., 1754 è un genere di piante della famiglia delle Orchidacee.

Comprende oltre un centinaio di specie la più nota delle quali è Vanilla planifolia da cui si ricava la vaniglia. Altre specie di importanza commerciale sono V. pompona e V. tahitensis.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sezione longitudinale di un fiore di Vanilla planifolia

Il genere Vanilla comprende specie rampicanti a crescita monopodiale con fusti che possono raggiungere anche i 35 m di lunghezza, dotati di radici aeree.
Le foglie, alternate, sono in genere oblunghe, di colore verde scuro e di consistenza carnosa; in alcune specie sono ridotte a scaglie bratteiformi ed esistono specie del tutto prive di foglie, che concentrano l'attività fotosintetica sul fusto.
I fiori sono riuniti in infiorescenze racemose che sorgono, con un breve picciolo, dall'ascella delle foglie. Il colore dei fiori, in genere molto appariscenti, va dal bianco al verde. Il labello è tubulare e circonda il gimnostemio, all'apice del quale è situata l'antera sovrastata dallo stigma. La fioritura è molto breve: i fiori in genere si aprono al mattino, si richiudono alla sera e quindi sfioriscono.
Il frutto è una capsula lunga 10–20 cm che matura per 8-9 mesi dopo la fioritura divenendo nero e sprigionando un aroma molto intenso.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Anche se ogni fiore possiede sia gli organi maschili che quelli femminili, la autoimpollinazione è rara[1]. Nella maggior parte dei casi la impollinazione è mediata da animali (impollinazione zoogama): tra i potenziali vettori vi sono insetti apoidei (p.es Melipona spp.), lepidotteri (p.es. Sphingidae spp.) e alcuni colibrì. Nelle specie coltivate a scopo commerciale si fa spesso ricorso alla impollinazione artificiale.

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Alcune specie di Vanilla sono usate come cibo dalle larve di alcune farfalle, come Hypercompe eridanus e Hypercompe icasia (Erebidae).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Map Vanilla.png

Le specie del genere Vanilla sono ampiamente distribuite nelle regioni tropicali e subtropicali di America centrale, Sudamerica, Africa, Asia e Nuova Guinea.
Il genere è nato in Sudamerica circa 34 milioni di anni fa, epoca nella quale la separazione dei continenti era già avvenuta, e pertanto la sua attuale distribuzione è verosimilmente il frutto di una disseminazione transoceanica legata a materia vegetale galleggiante o ad uccelli migratori.[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Vanilla appartiene alla sottofamiglia Vanilloideae della famiglia delle Orchidaceae.[3]
La tassonomia del genere, il più numeroso delle Vanilloideae, è ancora largamente dibattuta e la diffusione degli studi di biologia molecolare ha portato a mettere in discussione molte delle specie precedentemente riconosciute, aumentando il numero dei sinonimi. Recenti studi mostrano che i fenomeni di ibridazione inter-specifica e forse anche la poliploidia hanno giocato un ruolo importante nella evoluzione del genere.[4]

Il Board of Trustees dei Royal Botanic Gardens di Kew riconosce 105 specie[5].

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Specie di Vanilla.

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Van Dam AR, Householder JE & Lubinsky P., Vanilla bicolor Lindl. (Orchidaceae) from the Peruvian Amazon: auto-fertilization in Vanilla and notes on floral phenology (PDF), in Genet Resour Crop Evol 2010; 57: 473–480.
  2. ^ Bouetard A, Lefeuvre P, Gigant R, Bory S, PignalM, Besse P and Grisoni M, Evidence of transoceanic dispersion of the genus Vanilla based on plastid DNA phylogenetic analysis, in Molecular Phylogenetics and Evolution 2010; 55(2): 621-630.
  3. ^ Cameron K, Soto Arenas MA, [url=http://books.google.it/books?id=d--rKTeZpdMC Vanilloideae], in Pridgeon AM, Cribb PJ, Chase MW, Rasmussen FN (eds)Genera Orchidacearum, vol 3, Orchidoideae, part 2, Vanilloideae, Oxford, Oxford University Press, 2003, pp. 281–334, ISBN 978-0-19-850711-6.
  4. ^ Bory S, Grisoni M, Duval MF and Besse P, Biodiversity and preservation of vanilla: present state of knowledge, in Genetic Resources and Crop Evolution 2007; 55(4): 551–571, Springer Netherlands, DOI:10.1007/s10722-007-9260-3.
  5. ^ Vanilla, su World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 12 ottobre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica