Valtin Havenkenthal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Valtin Havenkenthal, latinizzato in Valens Acidalius (Wittstock, 25 maggio 1567Neisse, 25 maggio 1595), è stato un poeta e scrittore tedesco, scrisse in lingua latina.

Figlio di un pastore di Wittstock, studiò nell'Università di Rostock,[1] Greifswald e Helmstedt, dove ebbe fra i suoi maestri Giordano Bruno. Nel 1590 accompagnò l'amico Daniel Rindfleisch in Italia, dove pubblicò la sua prima opera letteraria, un'edizione di Velleio Patercolo. Studiò anche medicina e filosofia, laureandosi a Bologna.

Preferì tuttavia dedicarsi a studi di filologia classica; tornato in Germania nel 1593, si stabilì a Breslavia, la città natale di Rindfleisch. Nella primavera del 1595 accettò l'invito dell'amico e protettore, il cancelliere Wacker von Wackenfels di lavorare a Neisse, dove tuttavia morì pochi giorni dopo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Velleius Paterculus, Padova 1590
  • Animadversiones in Curtium, Francoforte 1594
  • Centuria prima epistolarum, Hannover 1606
  • Divinationes et interpretationes in comoedias Plauti, Francoforte, 1607
  • Notae in Taciti opera, Hannover 1607
  • Notae in Panegyrici veteres, Heidelberg 1607

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Disputatio nova contra mulieres, qua probatur eas homines non esse / Acidalius, Valens. A cura di R. G. Czapla e G. Burkard, Heidelberg 2006 ISBN 3-934877-51-6

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66563886 · ISNI (EN0000 0001 1068 3675 · LCCN (ENn88038722 · GND (DE124438482 · BNF (FRcb12462234q (data) · CERL cnp01878098
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie