Vallerano (zona di Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Vallerano (disambigua).
Z. XXV Vallerano
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma IX
Data istituzione13 settembre 1961[1]
Codice425
Superficie9,6018 km²
Abitanti5 308 ab.[2] (2016)
Densità552,81 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Vallerano
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
ComuneRoma-Stemma.png Roma Capitale
Territorio
Coordinate41°47′14.28″N 12°27′41.04″E / 41.7873°N 12.4614°E41.7873; 12.4614 (Vallerano)Coordinate: 41°47′14.28″N 12°27′41.04″E / 41.7873°N 12.4614°E41.7873; 12.4614 (Vallerano)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale00128
Prefisso06
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vallerano
Vallerano

Vallerano è la venticinquesima zona di Roma nell'Agro Romano, indicata con Z. XXV.

Il toponimo indica anche una frazione di Roma Capitale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente il territorio apparteneva alla famiglia romana dei Valerii, da cui l'antico "fundus Valerianus".
La prima notizia del fondo denominato Balirano fuori Porta San Paolo, del quale uno dei confini era il rivo che proveniva da Albano, risale all'XI secolo quando nel 1038 il giudice dativo Gregorio ne fa dono per la metà al primicerio Benedetto[3]. Successivamente nei secoli XIII e XIV risulta appartenere al monastero di S. Alessio all'Aventino. Nel 1396 per poter riacquistare il castello di Ardea viene venduto per metà dall'abbazia di San Paolo fuori le mura a Onofrio de' Capizucchi[4].
Il fondo subì nel tempo riunificazioni appartenendo per intero all'ospedale di San Salvatore al Sancta Sanctorum, e divisioni appartenendo alle famiglie Cavalieri e Maddaleni nel secolo XVII e dei Massimo dei Ricci e dei Capranica nel secolo XVIII[5].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area sud della città, a ridosso ed esternamente al Grande Raccordo Anulare, fra la via Pontina a ovest e la via Laurentina a est.

La zona è attraversata dal fosso Vallerano, affluente di sinistra del Tevere proveniente da Albano, a cui si unisce il fosso della Cecchignola, e confina:

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Cappella in stile neogotico. Luogo sussidiario di culto della parrocchia Gesù Divin Salvatore.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Vallerano si estende la sezione ovest della zona urbanistica 12H Vallerano-Castel di Leva.

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Del territorio di Vallerano fa parte la frazione omonima e i toponimi di Valleranello e Valle di Perna.

Odonimia[modifica | modifica wikitesto]

Le strade di Vallerano sono dedicate essenzialmente ad artisti dello spettacolo, sia italiani che stranieri:

L'assessore alla Cultura Gianni Borgna inaugura via Marilyn Monroe a Vallerano (2000).

e a giornalisti ed editori:

Altri personaggi:

Toponimi locali:

  • Casale di Vallerano (da un "fundus Valerianus" per corruzione Vallerano e Valleranello)
  • Trigoria, Valleranello, Vallerano (dalle tenute omonime)
  • Valle di Perna

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Pierluigi Galletti, Del Primicero della Santa Sede Apostolica e di altri uffiziali maggiori del Sacro Palagio Laternanense, Roma 1776, p.277
  4. ^ J. Maire Viguer, Les casali de l'eglises romaines à la fin du moyen age (1348-1428), Melagnes Ecole francais Rome, 1970, p.78; Dissertazioni della Pontifica Accademia di Archeologia, 1868, T. XV, p.302
  5. ^ Antonio Nibby, Analisi storico topografica antiquaria della carta dei dintorni di Roma, vol.3, pp.368-369
  6. ^ Separata dal Grande Raccordo Anulare, nel tratto da via Pontina a via Laurentina.
  7. ^ Separata da via Laurentina, nel tratto dal GRA a via di Trigoria.
  8. ^ Separata da via di Trigoria, nel tratto dalla via Laurentina a via Italo Torsiello, da questa fino a via Alvaro del Portillo e, in linea d'aria, fino a via Pontina, altezza fosso di Malafede.
  9. ^ Separata da via Pontina, nel tratto dal fosso di Malafede al GRA.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma