Valle di Amplero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valle di Amplero
Collelongo - Necropoli di Cantone 04.jpg
Le stele della necropoli del Cantone
StatoItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
ProvinceL'Aquila L'Aquila
Località principaliCollelongo
Altitudinemedia: 830 m s.l.m.
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Valle di Amplero
Valle di Amplero

Coordinate: 41°54′31″N 13°37′06″E / 41.908611°N 13.618333°E41.908611; 13.618333

La Valle di Amplero è un'area geografica della Marsica, in Abruzzo, che si estende a nord est del territorio comunale di Collelongo (AQ). Confina a nord con l'area montuosa inclusa tra i comuni di Ortucchio e Trasacco che separa l'altopiano del Fucino dalla Vallelonga e a sud con il territorio comunale di Villavallelonga, non distante dal perimetro esterno del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Veduta della valle
Le stele della necropoli del Cantone

L'area d'interesse archeologico oltre che naturalistico, dominata dal monte Annamunna (1 233 m s.l.m.), risulta popolata già in epoca italica. L'area archeologica, situata lungo un anello di circa nove chilometri e riconducibile in epoca preromana all'età del bronzo, venne popolata dai Marsi fino all'età tardo-repubblicana[1][2]. La dolina e l'area carsica di Amplero, insieme ad altre zone della Vallelonga, fu fortificata anche con il fine di segnare e difendere il confine dei Marsi con i Volsci, stanziati nella limitrofa valle del Liri e a Sora[3]. Il villaggio di San Castro di Amplero subì presumibilmente la distruzione nel corso della Prima guerra sannitica[4]. Ricostruito ed ampliato, fino a raggiungere circa 18 ettari nel corso del III secolo a.C., fu abbandonato in modo progressivo dopo la guerra Sociale, tanto che quasi tutti i suoi abitanti si spostarono ad Arciprete, nei pressi della contemporanea Ortucchio o in altri nuclei sparsi della Vallelonga[5].

I reperti furono scoperti e segnalati per la prima volta nella metà dell'Ottocento. L'area fu indagata al termine del secolo, mentre a cominciare dal 1968 in località La Giostra (1 093 m s.l.m.) fu l'Università di Pisa, attraverso l'operato dei professori Paolo Enrico Arias, Cesare Letta ed altri archeologi[6], ad effettuare le prime operazioni di scavo seguite da ricerche e studi che nei decenni successivi permisero di far tornare alla luce l'architettura urbanistica dei centri fortificati, in particolare del vicus di La Giostra, del vicus e della necropoli di San Castro e della necropoli tardo-repubblicana della valle del Cantone[7][8][9].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Cisterna per l'approvvigionamento dell'acqua (La Giostra)

Complesso archeologico[modifica | modifica wikitesto]

Vicus La Giostra
Nucleo fortificato situato lungo un'altura a ridosso del monte Annamunna, oltre il rifugio Aranello (959 m s.l.m.). Di forma ovoidale si estende lungo un'opera muraria di circa 350 metri. Domina il pendio di San Castro e le piccole convalli del Cantone e di Tristeri. Il complesso templare, composto di due edifici, è affiancato da un deposito votivo e da una cisterna[7].
Necropoli del Cantone
Agglomerato di oltre cinquanta tombe a camera e lapidi situato sul colle opposto a La Giostra. Risale all'epoca tardo-repubblicana. Dalla tomba numero 14, l'unica dotata di dromos ricavato nella roccia, sono state ritrovate le oltre 700 parti che compongono il Letto di Amplero, datato tra la fine del II e l'inizio del I secolo a.C. e ospitato nel museo archeologico nazionale d'Abruzzo a Chieti[7][10], mentre la copia riprodotta nel 1996 dai Fratelli Fubelli di Roma è esposta nel museo civico archelogico di palazzo Botticelli a Collelongo"[11][12].
Vicus e necropoli presso San Castro
Area archeologica di San Castro, toponimo corrotto di San Casto a cui era dedicata una chiesa (Sancti Casti), situata a sud della convalle del Cantone risalente all'epoca italico-romana. Tra i reperti tornati alla luce c'è la parte inferiore della scultura italica denominata "Le gambe del diavolo", anch'essa esposta al museo nazionale d'Abruzzo[13]. In località La Cava si trovano le tombe di diverso tipo come quelle a cappuccina riconducibili approssimativamente alla metà del II secolo d.C.[7] La necropoli è situata in località Pietraia-La Cava di San Castro a 929 m s.l.m.[14]
Siti limitrofi
Vicus di Fonte Jò risalente all'età del bronzo. Nelle località di Fonte di Sotto e Fonte Elia ci sono i resti di insediamenti umani risalenti all'età del bronzo e in parte all'epoca medievale e i ruderi della chiesa di Sant'Elia (Sancti Heliae). A Civita Rosa di Colle Colubrica, in località La Scodata, a Colle della Croce e a Colle Stazzo Pavone sono visibili le tracce dei centri fortificati, degli edifici di culto e delle necropoli degli ocres della Scodata e di Castelluccio-Torricelle, oltre alla fattoria italico-romana di Pozzo Maianone. La villa romana di epoca imperiale di Volubre è posta al confine con il territorio montano di Trasacco[8][9][15][16][17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Servidio, Radmilli, Letta et al., 1977, pp. 100-105.
  2. ^ La necropoli di Amplero: le tombe degli antichi guerrieri Marsi, Marsica Live, 3 giugno 2015. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  3. ^ Leucio Palozzi, Prime fondazioni ecclesiali, Comune di Villavallelonga. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  4. ^ Campanelli, 2001, p. 234.
  5. ^ Grossi, 2002, pp. 21-23.
  6. ^ Eleonora Beradinetti, Collelongo, l'archeologo Letta avrà la cittadinanza onoraria, Il Centro, 20 febbraio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  7. ^ a b c d Angelo Ianni, Le nostre montagne raccontano: la valle di Amplero.., su ilfaro24.it. URL consultato il 1º novembre 2020.
  8. ^ a b Campanelli, 2001, p. 141.
  9. ^ a b I misteri della Valle di Amplero, Montagne Selvagge, 22 febbraio 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  10. ^ Letto in osso & Ade, su collelongo.com. URL consultato il 31 maggio 2018.
  11. ^ Grossi, 2002, p. 106.
  12. ^ Giuseppe Grossi, Il centro storico, Terre Marsicane. URL consultato il 31 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2016).
  13. ^ Gambe del diavolo, Collelongo.com. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  14. ^ Grossi, 2002, p. 147.
  15. ^ Grossi, 2002, pp. 145-154.
  16. ^ Amplero, lavallelonga.it. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).
  17. ^ Collelongo: Museo Archeologico, Abruzzo Promozione Turismo. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2018).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN242307516 · GND (DE4727904-7