Valle Strona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valle Strona
Valstrona0001.jpg
StatiItalia Italia
RegioniPiemonte Piemonte
ProvinceVerbano-Cusio-Ossola Verbano-Cusio-Ossola
Località principaliGermagno, Loreglia, Massiola, Valstrona
Comunità montanaComunità montana Due Laghi, Cusio Mottarone e Val Strona
Fiumetorrente Strona
Nome abitantiValstronesi
Cartografia
Mappa della Valle
Sito web

La valle Strona è una valle situata nella Provincia del Verbano-Cusio-Ossola, prende il nome dal torrente Strona ed è situata tra la Val d'Ossola (a nord), la Val Corcera (a nord-est) e la Valsesia (a sud). La valle si raggiunge partendo dalla città di Omegna situata nella parte settentrionale del lago d'Orta.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La testata della valle dall'Altemberg

Dal punto di vista orografico la valle si trova all'interno delle Alpi Pennine e separa le Alpi Cusiane (a sud e ad est) dai Contrafforti valsesiani del Monte Rosa (ad ovest). E' dominata dal monte Capezzone (2421 m s.l.m.[1]). Tra le altre cime che circondano la vallata si possono ricordare, in senso orario, il Monte Mazzocone, il Monte Croce, il Capio, l'Altemberg, la Cima Lago, il Monte Massone e il monte Cerano.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Inoltrandosi nella valle da Omegna si incontrano gli abitati di Germagno, Chesio, Loreglia, Valstrona, con le sue frazioni, e Massiola. Centro principale della valle è il comune di Valstrona che ha sede nella frazione di Strona, ne fanno parte numerosi altri piccoli insediamenti come Luzzogno, Inuggio, Forno, Fornero, Piana di Fornero, Sambughetto e il villaggio walser di Campello Monti (1300 m s.l.m.) abitato solo nei mesi estivi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con il regio decreto 22 dicembre 1927, N. 2521 tutti i piccoli comuni nei quali era divisa la valle vennero unificati e la sede comunale fu portata nella località Strona, attuale capoluogo di Valstrona. Nel dopoguerra furono ricostituiti i tre comuni autonomi di Germagno, Loreglia con Chesio e Massiola, mentre le rimanenti località rimasero accorpate nel comune di Valstrona. L'area montuosa alla testata della valle fa oggi parte del parco naturale dell'Alta Val Sesia e dell'Alta Val Strona[2] e costituisce inoltre il Sito di Importanza Comunitaria denominato Campello Monti (cod. IT1140003).[3]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'attività tradizionale della valle Strona è la lavorazione del legno, fino a qualche decennio fa la valle era soprannominata "val di cazzuji" ovvero valle dei cucchiai perché la produzione principale, insieme ad altra oggettistica di legno, erano i cucchiai e i mestoli, negli ultimi decenni gli artigiani del legno (localmente chiamati gratagamul, ovvero "gratta tarli") si sono dedicati alla produzione di statuine di Pinocchio tanto che la valle viene talvolta chiamata valle di Pinocchio. Nella frazione di Forno è visitabile il Museo sulla lavorazione del legno[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omegna - Varallo - Lago d'Orta, carta Kompass in scala 1:50.000 n.97
  2. ^ Parco naturale dell'Alta Val Sesia e dell'Alta Val Strona e area contigua dell'alta Val Strona - Confini (PDF), Regione Piemonte. URL consultato il 6 settembre 2018.
  3. ^ SIC - Campello Monti, Regione Piemonte. URL consultato l'11 settembre 2018.
  4. ^ Museo dell’Artigianato del Legno, scheda su www.illagomaggiore.it
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte