Valerian (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valerian
serie regolare a fumetti
Mézières - Christin - Tranlé.jpg
Gli ideatori di Valérian et Laureline: Eveline Tranlé (colorista), Pierre Christin (sceneggiatore), Jean-Claude Mézières (illustratore)
Titolo orig.Valérian et Laureline
Lingua orig.francese
PaeseFrancia
TestiPierre Christin
DisegniJean-Claude Mézières
EditoreDargaud
1ª edizione1967 – 2010
Albi23 (in corso)
Editore it.001 Edizioni
Albi it.7 (completa)
Generefantascienza

Valérian (Valérian et Laureline), anche noto come Valérian e Laureline agenti spazio-temporali, è una serie di fumetti di fantascienza ideata dallo scrittore Pierre Christin e il disegnatore Jean-Claude Mézières. Apparve per la prima volta sulla rivista Pilote nel 1967 e si è conclusa nell'ultimo numero del 2010[1]. Tutte le storie di Valérian sono state pubblicate in volume come romanzi grafici, per un totale di ventuno volumi più una raccolta di racconti.

La serie rappresenta uno dei cicli più lunghi e noti della fantascienza d'autore francese che negli anni ha fatto vincere molti premi ai suoi autori. È inoltre uno dei cinque fumetti franco-belgi più venduti del suo editore Dargaud[2].

Le storie di Christin sono note per il loro umorismo, complessità e idee politiche liberali fortemente umaniste e di sinistra, mentre l'arte di Mézières si caratterizza per le sue raffigurazioni vivide dei mondi e specie viventi che Valerian e Laureline incontrano nelle loro avventure aliene. La serie è considerata un punto di riferimento nei fumetti europei e di cultura pop. Ha influenzato altri media con i suoi concetti, le storie e i disegni che possono essere ritrovati in film di fantascienza come Guerre stellari e Il quinto elemento[2].

Dalla serie a fumetti è stato tratto il film Valerian e la città dei mille pianeti (Valerian and the City of a Thousand Planets) del 2017 scritto e diretto da Luc Besson[3].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie si concentra sulle avventure di Valerian, un agente spazio-temporale, e la sua collega dai capelli rossi, Laureline, mentre viaggiano nell'universo attraverso lo spazio e il tempo. Valerian è un eroe classico, di buon cuore, forte e coraggioso che segue gli ordini dei suoi superiori, anche se sente, in fondo, che a volte è la cosa sbagliata. La sua compagna Laureline combina la sua intelligenza superiore, la determinazione e l'indipendenza con il sex appeal. Influenzato dalla fantascienza classica della letteratura, la serie si mescola space opera con trame sul viaggio nel tempo.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La serie esordì sulla rivista francese Pilote nel 1967 fino alla conclusione nel 2010. Tutte le storie sono state raccolte in una ventina di volumi antologici. I due autori decisero quindi di terminare la serie dopo poco più di una ventina di albi suddivisi in due cicli[2].

Nel 1970 iniziò a essere pubblicato in album e, al 2010, sono stati pubblicati 22 volumi[4][5][2].

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Dalla serie a fumetti è stato tratto il film Valerian e la città dei mille pianeti (Valerian and the City of a Thousand Planets) del 2017 scritto e diretto da Luc Besson.

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Lininil a disparu romanzo scritto da Pierre Christin[2].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Valérian et Laureline (2007), serie televisiva anime di produzione franco-giapponese in 40 episodi di 23 minuti liberamente ispirati alla serie e trasmessa dal 20 ottobre 2007 al 5 marzo 2008 su Canal+.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • L'enciclopedia delle creature aliene dell'albo Les Habitants du Ciel: Atlas Cosmique de Valérian et Laureline (Gli abitanti del cielo: l'Atlante cosmico di Valerian e Laureline) ha ricevuto una menzione speciale dalla giuria ai fumetti internazionali di Angoulême del 1992.[9]

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Il cortometraggio documentaristico L'Histoire de la page 52, descrive il processo creativo attorno a una singola tavola della storia Souvenirs de futurs, l'albo n. 22 della serie pubblicato nel 2010[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guida Fumetto Italiano, Valerian, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 3 maggio 2018.
  2. ^ a b c d e f Valérian e Laureline, e altri due vecchi amici - Fumettologica, in Fumettologica, 18 settembre 2017. URL consultato il 3 maggio 2018.
  3. ^ Valerian e la città dei mille pianeti, su MYmovies.it. URL consultato il 3 maggio 2018.
  4. ^ "Valérian e Laurelin" in edicola con La Gazzetta dello Sport, in Fumettologica, 12 settembre 2017. URL consultato il 3 maggio 2018.
  5. ^ Valerian: l'edizione integrale finalmente in Italia, in Fantascienza.com. URL consultato il 3 maggio 2018.
  6. ^ List of Grand Prix award winners, in Official Website of the Angoulême International Comics Festival. URL consultato il 17 settembre 2006 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2006).
  7. ^ ESFS Awards 1987-89, in Official Website of the European Science Fiction Society. URL consultato il 17 settembre 2006.
  8. ^ Bandes dessinées et Prix Tournesol, in Les Verts (Official Website of the French Green Party). URL consultato il 17 settembre 2006 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2006).
  9. ^ (FR) Le Palmarès 1992, in ToutEnBD. URL consultato l'8 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2007).