Valeria Ugazio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Valeria Ugazio (Novara, 29 marzo 1949) è una psicologa italiana. Psicoterapeuta sistemico-relazionale e docente, è autrice di volumi e articoli sul tema.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea, si specializza in Psicologia presso l'Università “Cattolica” di Milano dove è allieva di Mara Selvini Palazzoli e aderisce alle idee proposte dal "Milan Approach".[1]

Frequenta, presso il “Centro Milanese di Terapia Familiare” diretto da Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin, il primo corso della scuola in psicoterapia sistemica. Di quest'ultima è successivamente docente dal 1982 al 1992. Con Anolli tiene l'insegnamento di psicoterapia nell'anno accademico 1982/83 presso la scuola di specializzazione in psicologia dell'Università Cattolica di Milano.

Distaccandosi successivamente dagli assunti che caratterizzavano il “Milan Approach”, nella seconda metà degli anni ottanta entra in contatto con il modello psicopatologico di Vittorio Guidano e il cognitivismo costruttivista. Il modello proposto da Valeria Ugazio condivide con il Cognitivismo post-razionalista l'idea che la psicopatologia sia una scienza del significato e che le organizzazioni psicopatologiche presentino modi peculiari di organizzare il significato che si fondano su specifiche emozioni. Il pensiero si inquadra nelle psicoterapie relazionali, ed è caratterizzato dall'importanza attribuita al "sistema-famiglia" e al singolo.[2][3] In tale modello trova spazio la "Teoria delle polarità semantiche”.[4] Secondo tale modello, all'interno di un particolare “universo di significati” che predomina in una famiglia, ciascun individuo sarebbe chiamato a “occupare” all'interno di uno “spazio conversazionale” una particolare “posizione” rispetto alla semantica critica. Tale posizione lo differenzia dagli altri membri e ne può chiarire il tipo di psicopatologia.[5] Per ciascuna psicopatologia descritta sono poi proposti specifici percorsi di cura.

Nel 1998 pubblica “Storie permesse e storie proibite”.

Nel 1999 fonda l'European Institute of Systemic-relational Therapies (E.I.S.T.), scuola di specializzazione nelle psicoterapie sistemiche individuali, di coppia e familiari.

Nel 2012 pubblica una edizione aggiornata e rivista di Storie permesse e storie proibite, che l'anno successivo è pubblicata negli Stati Uniti da Routledge.

Ha insegnato in diverse università italiane, tra cui l'Università Ca' Foscari di Venezia, l'Università statale di Torino, le università di Milano Bicocca e Cattolica.

Insegna all'Università di Bergamo dove ricopre la carica di professore ordinario di Psicologia clinica presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. È membro del comitato scientifico di alcune riviste tra le quali: "Terapia familiare", "Psicoterapia", "Connessioni", "Human Systems. The Journal of Systemic Consultation" e “Journal of Constructivist Psychology”.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Valeria Ugazio, (a cura di) La Costruzione della conoscenza, 1997. Milano. Franco Angeli.
  • Valeria Ugazio, Storie permesse, storie proibite", 1998. Torino. Bollati Boringhieri
  • Valeria Ugazio, Historias Permitidas, Historias Prohibidas, 2001. Barcelona. Paidos Iberica.
  • Valeria Ugazio, Semantic Polarities in the Family", 2013. New York. Routledge.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Storie permesse, storie proibite. Polarità semantiche familiari e psicopatologie", (1998), pag.14. Torino. "Bollati Boringhieri" editore
  2. ^ "Storie permesse, storie proibite. Polarità semantiche familiari e psicopatologie", ( 1998 ). Torino. "Bollati Boringhieri" editore
  3. ^ Nardone, G. Salvini, A. ( 2013 ) "Dizionario Internazionale di Psicoterapia", pag. 448. Milano. Garzanti.
  4. ^ C., Castiglioni, M. Faccio, E. Costruttivismi in Psicologia Clinica. Teorie, metodi, ricerche
  5. ^ Campbell D., Groenbaek M., “Taking Positions in the Organization”, 2006

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale

Intervista a Valeria Ugazio sull'approccio sistemico relazionale

Controllo di autoritàVIAF: (EN23405551 · ISNI: (EN0000 0000 2448 2308 · LCCN: (ENn78084506 · GND: (DE1122567707