Valeria Mancinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valeria Mancinelli
Valeria Mancinelli.jpg

Sindaco di Ancona
In carica
Inizio mandato 11 giugno 2013[1]
Predecessore Antonio Corona (commissario straordinario)

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università di Macerata

Valeria Mancinelli (Ancona, 13 marzo 1955) è una politica italiana, sindaco di Ancona dall'11 giugno 2013.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di laurearsi in giurisprudenza all'Università di Macerata, è stata assessore ad Ancona nel 1983. Associata ad uno studio professionistico di avvocati, si occupa di diritto civile e amministrativo.

Dal 2001 al 2009 ha guidato la società compartecipata di gestione del servizio idrico integrato nel bacino di Ancona.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 si candida alla carica di sindaco di Ancona a sostegno di una coalizione di centro-sinistra, composta dal Partito Democratico, Federazione dei Verdi, Unione di Centro, Scelta Civica e la lista civica Ancona 2020. Dopo aver prevalso al primo turno delle elezioni del 26 maggio, vince anche il ballottaggio con il 62,59% dei voti, diventando il primo sindaco donna della città.

Si ricandida al posto di primo cittadino alle elezioni comunali del 2018, dove viene riconfermata con il 62,78% dei voti, imponendosi sul candidato di centro-destra Stefano Tombolini.[2]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali
  2. ^ Elezioni, ad Ancona secondo mandato per Mancinelli, repubblica.it, 25 giugno 2018. URL consultato il 25 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]