Valentino Persenda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valentino Persenda
Valentino Persenda.JPG
Persenda con la maglia del Savona (1966)
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1994 - allenatore
Carriera
Giovanili
195?-1955 Savona
Squadre di club1
1955-1966Savona317 (4)
1966-196?Tharros? (?)
Carriera da allenatore
196?-1972[1] Tharros
1972-1974 Nuorese
1974-1975 Rieti
1975-1977 Viterbese
1977-1979 Savona
1980-1981 Civitavecchia
1981-1982 Grosseto
1982-1983 Civitavecchia
1983-1984 Derthona
1984-1985 Chieti
1985-1986 Olbia
1986-1987 Canicattì
1988-1989 Siderno
1989 Vogherese
1990-1991 Viterbese
1992-1994 Licata
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 dicembre 2013

Valentino Persenda (Savona, 8 luglio 1936) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

È ricordato per la lunga militanza da giocatore nel Savona, club del quale è primatista assoluto per numero di presenze[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da scolaro fu allievo della scrittrice Gina Lagorio, come testimoniò lei stessa in un articolo: «partito tra i ragazzi del Savona, ne divenne un pilastro – era detto "la roccia" – anche quando la squadra fu promossa in Serie B»[3].

Calciatore come il fratello maggiore Giacomo (nato nel 1934, giocò con Savona, Vado, Casale, Carrarese e Lucchese ed allenò varie formazioni tra i dilettanti)[4], è indicato talvolta da almanacchi e repertori come Persenda II. Passò gran parte della sua carriera nel Savona, con cui salì dalla Promozione ligure alla Serie B e del quale è ancora oggi il calciatore più presente. Si trasferì poi in Sardegna, dove cominciò ad allenare[5].

Anche i due figli Fabrizio e Stefano militarono nelle giovanili Savona, il primo debuttando peraltro in prima squadra[6].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Arcigno terzino sinistro[7], per la «grinta» e la «verve»[2] era soprannominato Roccia dai tifosi del Savona: «banalmente, non faceva avvicinare nessun centravanti all'area di rigore»[6].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Il suo debutto da calciatore avvenne nel piccolo club cittadino dello Stella Rossa a cui seguì il passaggio al Savona[7]. Militò nel club biancoblù per la maggior parte della sua carriera e ne divenne anche capitano e primatista assoluto in termini di presenze con 317 presenze[2]; mise a segno un totale di quattro reti[8]. Il quotidiano Il Secolo XIX lo ha descritto come «un grande capitano, che ha preso per mano la squadra nella buona e nella cattiva sorte, conducendola dall'inferno dei campionati regionali fino alla cadetteria, nel giro di pochissimi anni»[2].

Debuttò nella prima squadra del Savona nel 1955 ed ottenne ben tre promozioni (dalla Promozione 1956-1957, dall'Interregionale 1958-1959 e dalla Serie C 1965-1966) contribuendo all'avanzata del club biancoblù dalla quinta alla seconda categoria nazionale[8]. Persenda disputò in Serie B 22 gare, mettendo a segno una rete; il club ligure ritornò in C al termine del campionato e il difensore, svincolato, firmò per la Tharros, compagine dilettantistica con cui ebbe anche la prima esperienza da allenatore[5].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver allenato la Tharros passò alla Nuorese, lanciando in prima squadra il sedicenne Pietro Paolo Virdis[5]. Ottenne i primi successi alla guida della Viterbese, conquistando una promozione in Serie C nel 1975-1976; nel campionato successivo i gialloblù retrocessero per differenza reti.

Nel 1977-1978 Persenda venne chiamato dal Savona, con cui conquistò una nuova promozione tra i professionisti[5]. Inizialmente non confermato per il campionato di Serie C2 e sostituito da Giulio Bonafin, venne richiamato prima dell'inizio della stagione 1978-1979, con il club in piena crisi societaria, e ottenne la salvezza al termine del torneo[9].

Allenò poi in C2 il Civitavecchia (a più riprese)[10][11], il Grosseto nel campionato 1981-1982 (dopo una buona partenza venne esonerato e sostituito da Nilo Palazzoli[12][13]) e il Derthona nel 1983-1984[5][14]. Passò poi tra i dilettanti e, dopo una breve esperienza al Chieti (subentato a Vincenzo Zucchini a campionato iniziato, fu poi a sua volta esonerato e sostituito da Vasco Tagliavini)[15][16][17], visse una positiva stagione con l'Olbia, promosso in C2 al termine del campionato 1985-1986; fu tuttavia sollevato dall'incarico e rimpiazzato da Guido Mammi prima dell'inizio del successivo campionato[18].

Sempre tra i dilettanti, allenò il Siderno[19], la Vogherese[20] e nuovamente la Viterbese[5]. Seguì infine, in Serie C2, il Licata (sostituito nel girone d'andata del campionato 1992-1993 da Ferdinando Rossi[21][22], lo rimpiazzò poi a sua volta nel corso della stagione successiva)[23].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco Illustrato del calcio 1972, edizioni Panini, pag. 314
  2. ^ a b c d Si veda l'inserto Il Savona ritorna in Serie C, da Il Secolo XIX del 28 aprile 2010, leggibile sul sito Savonaclub.it
  3. ^ Gina Lagorio, Il calcio a Cherasco, in Ioli, p. 295
  4. ^ Alessandro Foffi, L'ala che usava le ali: Persenda, fiuto del gol e rovesciate da capogiro, Ilsegnonews.it, 7 giugno 2013. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  5. ^ a b c d e f Claudio Nucci, Calcio amarcord, Valentino Persenda: Savona, il primo amore non si scorda mai, Ivg.it, 7 marzo 2012. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  6. ^ a b Savona Calcio, la famiglia Persenda: tre generazioni in maglia biancoblù, Ivg.it, 25 settembre 2012. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  7. ^ a b Franco Astengo, Savona-Spezia: una storia difficile (PDF), Ilsavona.com, 12 settembre 2008. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  8. ^ a b Serie B 1966-67, Savonaclub.it. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  9. ^ Sandro Chiaramonti, Valentino e i suoi problemi, da La Stampa della Liguria, 12 settembre 1978, p. 2
  10. ^ Licio Esposito, Campionato di serie C2-girone B 1980-81, Tifochieti.com, 8 ottobre 2013. URL consultato il 26 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2013).
  11. ^ Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1984. Modena, Panini, 1983, p. 299
  12. ^ Una partenza sprint, come 20 anni fa, Iltirreno.gelocal.it, 20 settembre 2002. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  13. ^ Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1983. Modena, Panini, 1982, p. 297
  14. ^ Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1985. Modena, Panini, 1984, p. 297
  15. ^ Valentino Persenda è passato al Chieti, da La Stampa della Liguria, 13 novembre 1984, p. 19
  16. ^ I bei ricordi di Valentino, da La Stampa della Liguria, 16 aprile 1985, p. 20
  17. ^ Licio Esposito, Gli anni dal 1980 al 1985, Tifochieti.com, 3 ottobre 2011. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  18. ^ Bruno Monticone. Allenatori in castigo, a Sanremo è record, da La Stampa della Liguria, 12 febbraio 1987, p. 22
  19. ^ Angelo Letizia, Amarcord, Larivieraonline.com, 14 aprile 2008. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  20. ^ La presidentessa: Mister Valentino Persenda è stato la sua prima vittima, da La Stampa di Alessandria e provincia, 22 dicembre 1989, p. 6
  21. ^ Valentino Persenda a Licata, da La Stampa di Savona e provincia, 25 giugno 1992, p. 47
  22. ^ Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1993. Modena, Panini, 1992, p. 360
  23. ^ Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1995. Modena, Panini, 1994, p. 333

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Ioli (a cura di). Letteratura e sport: per una storia delle Olimpiadi. Atti del convegno internazionale, Alessandria-San Salvatore Monferrato, 18-20 maggio 2005. Novara, Interlinea, 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]