Valentino Fois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valentino Fois
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 62 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2002
Carriera
Squadre di club
1996 Panaria
1997 Mapei
1998-1999 Vini Caldirola
2000 Colpack
2001 Mobilvetta Design
2002 Mercatone Uno
2008 Amore & Vita
 

Valentino Fois (Bergamo, 23 settembre 1973Villa d'Almè, 28 marzo 2008) è stato un ciclista su strada e biker italiano, professionista dal 1996 al 2002.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Scalatore, dopo una buona carriera fra i dilettanti che lo vide vincitore del campionato italiano in linea, a cronometro e di mountain bike e del Giro della Valle d'Aosta, passò al professionismo nel 1996. Nel 1998 fu fermato per un anno per essere stato trovato positivo alla DHEA al Giro di Svizzera e al Giro di Polonia.

Nel 2002, alla Mercatone Uno come gregario di Marco Pantani, venne squalificato, questa volta per tre anni, per esser stato trovato positivo al nandrolone. In questo periodo cadde in depressione e iniziò ad assumere psicofarmaci e stupefacenti, tornando all'attenzione del grande pubblico il 9 settembre 2007, quando venne arrestato per essersi introdotto nella sede del giornale Il Giorno per rubare due vecchi computer portatili[1]. Fu poi condannato a 100 giorni di reclusione, tramutati in una pena pecuniaria di 4 000 euro[1].

In seguito a questa vicenda riesce ad ottenere un nuovo contratto da professionista nell'Amore & Vita-McDonald's diretta da Ivano Fanini.[2]. Ritorna alle gare il 14 febbraio 2008 al Giro della Provincia di Grosseto[3], ma il 28 marzo la sua rinascita viene bruscamente interrotta: viene trovato morto all'interno della sua abitazione, probabilmente per un malore[4].

Fra i migliori risultati della sua carriera si ricorda una vittoria di tappa al Giro di Polonia[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

5ª tappa Tour de Pologne
2ª tappa Steiermark Rundfahrt
4ª tappa Steiermark Rundfahrt
Giro del Mendrisiotto

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]