Val Rendena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Val Rendena
Val Rendena.jpg
Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Trento Trento
Località principali Campo Carlo Magno, Madonna di Campiglio, Sant'Antonio di Mavignola, Carisolo, Pinzolo, Vadaione, Giustino, Massimeno, Bocenago, Caderzone Terme, Strembo, Mortaso, Spiazzo, Fisto, Ches, Borzago, Pelugo, Vigo Rendena, Darè, Javrè, Villa Rendena (Porte di Rendena, Verdesina
Fiume Sarca
Altitudine 600 - 1600 m s.l.m.
Sito internet

La Val Rendena (Rhendenatal in tedesco) è una valle del Trentino-Alto Adige, in provincia di Trento, racchiusa fra l'Adamello a ovest e il Gruppo del Brenta a est. Inizia a sud presso l'abitato di Verdesina e si conclude a nord presso l'abitato di Carisolo dove si dirama verso ovest con il nome di Val Genova e verso est nella Val di Campiglio con le sue laterali: Val Brenta, Vallesinella, Val Agola e Val Nambrone, fino alla famosa località turistica di Madonna di Campiglio. Essa è percorsa dal fiume Sarca (Sarca di Val Genova, Sarca di Nambrone e Sarca di Campiglio).

Amministrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Cima Brenta dalla Val Rendena

È suddivisa amministrativamente in 10 comuni:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia della valle, un tempo per lo più agricola, si basa attualmente in larga parte sul turismo sia estivo che invernale, in particolare per Pinzolo e Madonna di Campiglio, nella parte alta della valle.

L'industria casearia ricopre un ruolo di discreta importanza, mentre un tempo il mestiere tipico che i rendenesi esercitava emigrando periodicamente era quello del moleta, come viene definito in dialetto l'arrotino.

Parco Adamello-Brenta[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte del territorio della Val Rendena, fa parte del Parco Naturale Adamello-Brenta, che comprende i due massicci montuosi che contengono la valle. La sede del Parco è a Strembo, in più ci sono altre case del Parco (P.N.A.B.) come la casa del parco "Geopark" a Carisolo, oppure la casa "Acqua life" a Spiazzo.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della pista ciclabile

Oltre alle impiantazioni sciistiche a Pinzolo e a Madonna di Campiglio e alle frequenti gare che si svolgono sugli sci (come la 3-Tre o la Vertical Up) durante l'inverno, in Val Rendena ogni anno ai primi di Settembre si tiene la "24H Val Rendena - Memorial Giorgio Ducoli", 24 ore in sella alla bicicletta attraversando i tre paesi di Caderzone Terme, Bocenago e Strembo. Tra l'altro, la Val Rendena è attraversata da una pista ciclabile andando da Carisolo a Tione lungo il fiume Sarca.

Dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto della Val Rendena è dato dalla transizione da influenze ladine (solandro) nella parte più settentrionale e dialetti lombardi. I dialetti possono variare notevolmente da un paese all'altro e questo ha determinato una significativa diversità tra i dialetti parlati nell'alta Val Rendena (Carisolo, Pinzolo e Giustino) con quelli della bassa. Da ricordare il taròn o gàim (in Val di Sole), gergo parlato dagli arrotini e dai ramai che esercitavano questa professione nel Nord Italia. Questo gergo usava (ed usa ancora) parole di origini antiche per lo più di matrice tedesca.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Sulla strada che va da Tione a Pinzolo subì il martirio, il vescovo Vigilio patrono di Trento, lapidato dai suoi stessi trentini, a colpi di sgàlmere (zoccoli) [1]. Nell'iconografia popolare, quindi, il santo appare spesso in possesso di tali calzature, oltre alla mitra e al pastorale, come ad. es., nel Duomo di Trento.
  • Boceniga o Marceniga e Irone sono alcuni dei tanti villaggi fantasma abbandonati dopo la peste del 1630.
  • Altro luogo di cura, seconda in Trentino dopo Arco, era considerata Madonna di Campiglio. Sembra che anche la principessa Sissi fosse venuta a farsi curare dalla depressione, invano, dopo l'assassinio del figlio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ OBERZINER L., S. Vigilio nell'arte, Comitato diocesano, Trento, 1905, p. 7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige