Partito Democratico per l'Unità Nazionale Macedone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da VMRO-DPMNE)
Внатрешна македонска револуционерна организација – Демократска партија за македонско национално единство / Vnatrešna makedonska revolucionerna organizacija – Demokratska partija za makedonsko nacionalno edinstvo
Former logo of the VMRO-DPMNE.JPG
LeaderNikola Gruevski
StatoMacedonia Macedonia
Fondazione1990
IdeologiaConservatorismo nazionale
Cristianesimo democratico
Europeismo
CollocazioneCentro-destra, destra
Affiliazione internazionalePartito Popolare Europeo (associato)
Seggi alla Assemblea della Repubblica di Macedonia
61 / 123
ColoriRosso, Nero, Oro
Sito web

L'Organizzazione Rivoluzionaria Interna Macedone - Partito Democratico per l'Unità Nazionale Macedone (in macedone: Внатрешна македонска револуционерна организација – Демократска партија за македонско национално единство; Vnatrešna Makedonska Revolucionerna Organizacija – Demokratska Partija za Makedonsko Nacionalno Edinstvo, VMRO-DPMNE), è un partito politico di destra della Repubblica di Macedonia, ispirato ai valori del Conservatorismo nazionale e del Cristianesimo democratico.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Esso è da sempre sostenitore di un ingresso nella NATO e nell'Unione europea.

Guidato dal primo ministro Nikola Gruevski, ha ottenuto la maggioranza dei voti sia nelle elezioni parlamentari del 2006 che in quelle successive del 2008.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La crisi politica interna[modifica | modifica wikitesto]

Da diversi mesi, la Repubblica di Macedonia sta attraversando momenti al quanto difficili in politica interna. Il 27 aprile 2017, circa 200 manifestanti del partito VMRO-DPMNE, hanno fatto irruzione nell'aula per protestare contro l'elezione di un parlamentare albanese, Talat Xhaferri.[1]

Leaders[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Voti Seggi
2016 454 361
51 / 122

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Talat Xhaferi, in Wikipédia, 31 maggio 2016. URL consultato il 28 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135020161