VISIR (spettrometro)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giove visto in infrarosso mediante lo strumento VISIR del VLT
Giove visto in infrarosso mediante lo strumento VISIR del VLT

VISIR (VLT Spectrometer and Imager for the mid-InfraRed) è uno spettrometro per il medio infrarosso montato sull'UT3 (Unite Telescope 3) Melipal del VLT all'osservatorio Panaral sul Cerro Paranal, in Cile.

VISIR fornisce immagini a diffrazione limitata e spettroscopiche a risoluzioni tra i 10 e 20 micrometri nel medio infrarosso (MIR), ed è uno degli strumenti che gli astronomi utilizzano per aggirare il problema della luce che, proveniente dal profondo cielo, viene assorbita dalla polvere cosmica.

Lo strumento è stato installato sul VLT nel 2004[1] e consente di studiare la luce infrarossa proveniente da oggetti celesti. Questo tipo di luce, con una lunghezza d'onda più lunga della luce visibile (fino a 40 volte maggiore), si propaga meglio, attraverso le nubi di polvere, permettendo agli astronomi di studiare oggetti notevoli e processi come la formazione e l'evoluzione stellare, il vento stellare, nubi molecolari, protostelle altrimenti nascoste dietro le nuvole di polveri.

La luce infrarossa è presente ovunque, dall'atmosfera agli esseri viventi ed è emessa da tutti gli strumenti elettronici e può facilmente sovrapporsi ai segnali infrarossi deboli provenienti dal profondo cielo così come la luce visibile delle stelle può essere attenuata dall'inquinamento luminoso. Per ovviare a questo problema, gli ingegneri e gli astronomi hanno implementato due tecniche sullo strumento chiamate chopping e nodding al fine di contrastare questo inquinamento di fondo indesiderato e rilevare i segnali astronomici deboli.

Poiché gli stessi materiali dello strumento emettono luce infrarossa, VISIR è raffreddato ad una temperatura prossima ai -250° mentre I due rivelatori dello strumento sono mantenuti a circa -270° a pochi gradi sopra lo zero assoluto.

Ricerca e risultati scientifici[modifica | modifica wikitesto]

  • VISIR ha rilevato che il polo sud di Nettuno è molto più caldo rispetto al resto del pianeta[2]
  • è stato effettuato uno studio dentro la grande macchia rossa di Giove[3]
  • osservazioni con VISIR suggeriscono che i buchi neri supermassicci al centro delle galassie contribuiscono "a costruire" la propria galassia ospite[4]
  • Il progetto Breakthrough Initiatives e l'ESO hanno raggiunto un accordo[5] per aggiornare VISIR con un coronografo ad alto contrasto per studiare il sistema di Alpha-Centauri

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica