V2-Day

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il logo e lo slogan del V2-Day.

Il V2-Day (abbreviazione di Vaffanculo-Day e che riprende nel simbolo la V di V per Vendetta) è stata un'iniziativa popolare tenutasi il 25 aprile 2008 su iniziativa del comico e attivista politico Beppe Grillo per raccogliere le firme necessarie a tenere tre referendum abrogativi. I quesiti referendari riguardavano l'abolizione del finanziamento pubblico all'editoria, dell'ordine dei giornalisti, e della legge Gasparri.[1] L'iniziativa, indetta con lo slogan Libera informazione in libero Stato e tenutasi in 500 piazze in Italia e all'estero, richiamava nel nome il V-Day, che era stato organizzato dallo stesso Grillo a settembre 2007 per la raccolta delle firme necessarie a presentare un progetto di legge di iniziativa popolare.

Secondo gli organizzatori, nel solo giorno dell'evento sui tre quesiti furono raccolte complessivamente quasi 1.300.000 firme[2], che sono state poi depositate presso la Corte di Cassazione l'11 luglio 2008.

Come per il primo V-Day, l'evento è stato seguito integralmente in diretta dall'emittente satellitare EcoTv presente con le sue telecamere a Torino in Piazza San Carlo, e in alcune altre piazze italiane dove erano presenti i Meetup per la raccolta firme[3].

Cartellone presente al Gazebo di Piazza della Repubblica, a Firenze

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre dello stesso anno, la Corte di cassazione, esaminando le firme depositate da Beppe Grillo, ha annullato diverse centinaia di migliaia di firme, riguardo alle quali aveva riscontrato errori nella procedura di raccolta. Di conseguenza, nessuno dei tre quesiti referendari proposti ha raggiunto le 500mila firme richieste.[4][5]

La legge 25 maggio 1970, n. 352, all'articolo 31 recita: Non può essere depositata richiesta di referendum nell'anno anteriore alla scadenza di una delle due Camere e nei sei mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per l'elezione di una delle Camere medesime. Al riguardo, risulta interessante l'inchiesta condotta da Radio Radicale conclusasi con un dossier di Alessandro Massari.[6] In estrema sintesi, essendo valide solo le firme raccolte nei tre mesi precedenti il deposito, fermo restando che il semestre dalla convocazione dei comizi scade il 6 agosto e presupponendo il deposito delle firme il 7 agosto (il primo giorno utile), sarebbero valide solo le firme raccolte dal 6 maggio in poi. Sempre secondo lo stesso documento, l'unica via d'uscita sarebbe una deroga concessa per legge od un atto con forza equivalente.

Gazebo per le firme, Piazza della Repubblica, a Firenze

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

La scelta di tenere la manifestazione il 25 aprile fu contestata da alcuni politici, giornalisti e intellettuali[7][8] secondo i quali in tal modo veniva tolta visibilità all'anniversario della Liberazione, celebrato in quella stessa data. Per Grillo, che respinse queste accuse, in effetti, il V2-Day, sarebbe dovuto essere l'inizio di una nuova liberazione.

Anche l'oggetto dei quesiti referendari fu criticato da molti opinionisti, tra i quali il presidente della FNSI Roberto Natale, secondo cui il finanziamento pubblico ai giornali va corretto nella sua applicazione ma non abrogato del tutto per evitare la sparizione di numerose testate che si occupano di informazione di nicchia e di qualità. Per Gaetano e Ivan Filice, autori del libro Webbe Grillo, i quesiti del V2-Day fanno parte della strategia dell'editore web Casaleggio Associati, che cura tra gli altri proprio il blog di Beppe Grillo, per trasferire alla rete la centralità della carta stampata nel controllo dell'informazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il fascismo dell'informazione
  2. ^ Il V2-day e l'orango Petronilla
  3. ^ Il video integrale del V2-day a Torino
  4. ^ La Cassazione: insufficienti le firme di Beppe Grillo per i referendum
  5. ^ Firme legge popolare e referendum, beppegrillo.it.
  6. ^ sulla validità dei referendum di Grillo. (PDF), radioradicale.it.
  7. ^ In tutta Italia il V2 di Grillo"Ma non sono contro il 25 aprile"
  8. ^ Topi di fogna

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]