Víctor Manuel Fernández (arcivescovo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Víctor Manuel Fernández
arcivescovo della Chiesa cattolica
Víctor Manuel Fernández-(cropped).jpg
Escudo S.E.R. Mons. Víctor Manuel Fernández.png
En medio de tu pueblo
 
TitoloLa Plata
Incarichi attualiArcivescovo metropolita di La Plata (dal 2018)
Incarichi ricoperti
 
Nato18 luglio 1962 (60 anni) ad Alcira Gigena
Ordinato diacono21 dicembre 1985
Ordinato presbitero15 agosto 1986 dal vescovo Adolfo Roque Esteban Arana
Nominato arcivescovo13 maggio 2013 da papa Francesco
Consacrato arcivescovo15 giugno 2013 dall'arcivescovo Mario Aurelio Poli (poi cardinale)
 

Víctor Manuel Fernández (Alcira Gigena, 18 luglio 1962) è un arcivescovo cattolico argentino, soprannominato "Tucho" Fernández, teologo, biblista, scrittore, poeta, docente universitario e arcivescovo metropolita di La Plata.

Biografia[1][modifica | modifica wikitesto]

Studi e attività accademica[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato filosofia e teologia nel seminario maggiore di Córdoba, e ha completato gli studi teologici presso la facoltà di teologia della pontificia università cattolica argentina (UCA) a Buenos Aires. È stato ordinato diacono il 21 dicembre 1985 e successivamente sacerdote il 15 agosto 1986. Ha conseguito la laurea in teologia biblica con specializzazione presso la Pontificia Università Gregoriana a Roma nel 1988. Nel 1990 ha conseguito il dottorato in teologia presso la facoltà di teologia della UCA con una tesi sul rapporto tra sapere e vita in San Bonaventura.

In vari centri di Buenos Aires e Córdoba è stato professore di etica, psicologia, ermeneutica, antropologia, esegesi biblica, Nuovo Testamento, omiletica e teologia spirituale, oltre a vari corsi di laurea e seminari. Attualmente insegna teologia morale II e Vangeli sinottici presso la facoltà di teologia della UCA, dove è docente ordinario stabile. Nella stessa facoltà è stato vicepreside dal 2002 ed è stato preside dal luglio 2008 al dicembre 2009, quando ha assunto la carica di rettore dell'Università. Ha prestato giuramento come rettore nel maggio 2011. Sotto il suo rettorato ha istituito la facoltà di scienze sociali, il "Coordinamento d'impegno sociale" con un'intensa attività in quartieri poveri di Buenos Aires, e la direzione per la ricerca. Inoltre ha sviluppato un nuovo progetto finalizzato a rafforzare l'identità istituzionale, la costruzione spirituale e fraterna della comunità universitaria, la promozione della ricerca e di impegno didattico. Ha sostenuto il rafforzamento della responsabilità sociale e della presenza pubblica dell'università che ha determinato un netto miglioramento della sua immagine riflessa nella classifica QS. Sono stati migliorati normative, procedure e meccanismi di partecipazione. È stata completata la costruzione della sede di Rosario (Argentina), e anche la sede di Puerto Madero (Buenos Aires), è stato costruito un nuovo campus a Godoy Cruz, al fine di migliorare e rilanciare la sede di Mendoza. Finalmente, si è costruita la chiesa principale dell'Università, dedicata al Cuore di Gesù.

Da settembre 2007 fino a dicembre 2009 è stato presidente della società argentina di teologia.

È stato fondatore e presidente della facoltà di scienze e filosofia sacri "Gesù Buon Pastore" in Río Cuarto. È stato fondatore e direttore dell'Istituto diocesano di formazione dei laici della città tra il 1990 e il 1993. È stato direttore della catechesi e assistente dei movimenti laicali a Rio Cuarto tra il 1989 e il 1997, è stato delegato per l'ecumenismo tra 2003 e 2005. È stato parroco di "Santa Teresita", nella città di Rio Cuarto, tra il 1993 e il 2000. Formatore e direttore degli studi presso il seminario di Rio Cuarto (1988-1993 e 2000-2007).

È stato perito presso la Commissione fede e cultura e il Segretariato permanente per la formazione della conferenza episcopale argentina; lettore della commissione per la catechesi dei vescovi argentini; membro del gruppo di riflessione che ha consigliato i vescovi argentini per aggiornare linee pastorali. Ha lavorato nel consiglio episcopale latinoamericano (CELAM), nel campo della riflessione teologica pastorale. Ha collaborato alla preparazione (sintesi dei contributi), ha partecipato in qualità di ospite e ha lavorato in qualità di esperto nel Comitato di redazione della quinta conferenza generale dell'episcopato dell'America Latina e dei Caraibi ad Aparecida nel 2007. È stato membro, nominato da papa Francesco, del Sinodo dei Vescovi del 2014 e del 2015.

Attività pastorale[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 maggio 2013 papa Francesco lo ha nominato arcivescovo titolare di Tiburnia. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 15 giugno successivo nella cattedrale metropolitana di Buenos Aires da Mario Aurelio Poli, arcivescovo di Buenos Aires e gran cancelliere della Pontificia università cattolica argentina[2].

Il 2 giugno 2018 lo stesso papa lo ha promosso arcivescovo metropolita di La Plata.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

È stato direttore della rivista Teología dal 2003 al 2008, e ha collaborato alla cura di numerosi libri pubblicati dalla facoltà di teologia. Tra libri, contributi e articoli scientifici, ha più di 300 pubblicazioni in Argentina e in diversi paesi dell'America Latina e in Europa. Tra le altre riviste internazionali, ha pubblicato diversi articoli in Nouvelle Revue Théologique, Angelicum, Seminari. È noto per i suoi scritti di spiritualità che combinano erudizione, senso pratico, contributi della psicologia, esegesi biblica e il dialogo con le diverse religioni. Ha tenuto numerosi corsi e conferenze in Argentina e altri paesi[3].

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le notizie biografiche provengono principalmente da Pagina del Rettorato dal sito ufficiale dell'Università Cattolica Argentina
  2. ^ Notizia della nomina dal quotidiano La Stampa, su vaticaninsider.lastampa.it. URL consultato il 14 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2013).
  3. ^ Per la bibliografia completa, cfr. Pagina del rettorato dal sito ufficiale dell'Università cattolica argentina

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Rettore della Pontificia Università Cattolica Argentina Successore Escudouca.jpg
Alfredo Horacio Zecca 15 dicembre 2009 - 25 aprile 2018 Miguel Ángel Schiavone
Predecessore Arcivescovo titolare di Tiburnia Successore Archbishop CoA PioM.svg
Víctor René Rodríguez Gómez
(vescovo titolare)
13 maggio 2013 - 2 giugno 2018 Andrés Gabriel Ferrada Moreira
Predecessore Arcivescovo metropolita di La Plata Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Héctor Rubén Aguer dal 2 giugno 2018 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN87690112 · ISNI (EN0000 0000 7827 6665 · LCCN (ENn2006072361 · GND (DE1056568283 · BNE (ESXX853906 (data) · BNF (FRcb16759188x (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2006072361