Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Utilizzi medici dell'argento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli utilizzi medici dell'argento includono la sua incorporazione in garze per ferite, creme, e come rivestimento germicida in dispositivi medici. È comune nella pratica medica l'utilizzo di bende contenenti sulfadiazina-argentica oppure nanoparticelle di argento che possono essere utilizzati in infezioni esterne (come quelle nell'ustione),[1][2][3] ma esistono poche prove in letteratura per sostenere questo utilizzo.[4]

L'argento colloidale è un colloide consistente in particelle d' argento sospese in un liquido. L'argento colloidale e le formulazioni contenenti sali di argento sono stati impiegati dai medici all'inizio del XX secolo, ma il loro utilizzo è stato in gran parte interrotto dal 1940, a seguito dello sviluppo di antibiotici più efficienti.[5][6]

A partire dal 1990, l'argento colloidale è stato nuovamente venduto come medicina alternativa. I prodotti a base di argento colloidale rimangono disponibili in molti paesi come integratori alimentari e rimedi omeopatici, sebbene non sia nota un eventuale efficacia nel trattamento di alcuna malattie e comportano il rischio di alterazioni estetiche collaterali e permanenti, come l'argiria, più una serie di implicazioni, come reazioni allergiche e interazioni con altri medicinali.[7][8]

Usi medici

Gli utilizzi medici dell'argento includono la sua aggiunta in garze, creme, e come rivestimento antibiotico sui dispositivi medici. Nonostante le garze contenenti sulfadiazina di argento o nanoparticelle di argento possano essere impiegate contro le infezioni esterne,[9][2][3] Lo ione argento (Ag+) è bioattivo e attraverso una sufficiente concentrazione uccide rapidamente batteri in vitro. L'argento manifesta una bassa tossicità nel corpo umano, e i rischi sono minimi in seguito a esposizione clinica tramite inalazione, ingestione, applicazione cutanea.[10] L'argento e le nanoparticelle d'argento sono usate come un antimicrobico in una varietà di applicazioni industriali, sanitarie e domestiche.[11]

Creme antibatteriche

Una revisione sistematica del 2012 riportava che l' argento topico mostrava un tempo di guarigione significativamente peggiore rispetto ai campioni di controllo e non mostrava alcuna prova dell'efficacia nel prevenire le infezioni delle ferite.[12] La revisione sistematica Cochrane concluse che “Ci sono insufficienti prove per stabilire se le garze contenenti argento o agenti cutanei favoriscano la guarigione o prevengano dall'infezione delle ferite”.[4]

La statunitense “Food and Drug Administration” ha approvato un certo numero di preparazioni topiche di sulfadiazina d'argento per i trattamenti di ustioni di secondo e terzo grado.[13]

Medicazioni

Una revisione sistematica del 2012 scoprì che i medicamenti contenti argento non erano più efficaci dei corrispettivi che non lo conteneva nel trattare le ustioni.[12] Una revisione Cochrane del 2012 scoprì che i medicamenti idrocolloidali contenti argento non erano più efficaci dei comuni medicamenti alginati nel trattamento delle ulcere da diabete.[14] Una revisione Cochrane del 2010 non trovò sufficienti prove per determinare se le garze contenti argento aumentassero o diminuissero le infezioni o influenzassero la velocità di guarigione.[15] Un'altra revisione del 2010 invece provò come garze impregnate di argento aumentassero la guarigione a breve termine di ulcere e ferite.[16] L'autore principale di questo articolo è però il promotore di un'industria che produce uno dei medicamenti d'argento sotto studio.[16] Una revisione sistematica del 2009 stabilì che i medicamenti d'argento aumentava sia la guarigione delle ferite che la qualità della vita se applicati a ferite croniche non guaribili.[17] Un'altra revisione del 2009 scoprì che la sua applicazione causava una riduzione delle dimensioni delle ferita e maggior controllo nella perdita di liquidi e dell'odore rispetto a garze senza argento.[18] Una revisione Cochrane del 2008 scoprì che, nonostante alcune potenziali caratteristiche positive, molti degli esperimenti avevano lacune metodologiche e quindi erano di scarsa utilità.[19] Le revisioni sollevarono anche dubbi riguardo ritardi nella guarigione e un numero crescente di applicazioni della medicazione quando la sulfadiazina d'argento (SSD) era impiegata per l'intera durata del trattamento.[19] Un'altra revisione sistematica del 2008 concluse che le prove mostravano un effetto positivo dei medicamenti con argento colloidale nel trattamento delle ferite croniche infette, ma espresse la perplessità che le prove fossero limitate e potenzialmente influenzate.[20] Numerosi medicamenti a base di argento come antibatterico sono stati rimossi dalla Food and Drug Administration (FDA).[21][22][23][24]

Tubi endotracheali

Limitate prove suggeriscono che i tubi endotracheali rivestiti con argento possano ridurre l'incidenza della pneumonia associata a ventilazione (VAP) e ritardarne l'esordio, nonostante nessun beneficio sia stato osservato durante il periodo di intubazione, nella durata della permanenza in terapia intensiva o nel tasso di mortalità.[25][26][27] Sono stati sollevati dubbi circa la natura cieca di alcuni studi[25] per cui si rendono necessari studi scientifici di maggiore qualità.[27]

La Food and Drug Administration nel 2007 rimosse un tubo endotracheale[28] con un sottile rivestimento di argento per ridurre il rischio di pneumonia associata a ventilazione.[29]

Cateteri urinari

Le prove non dimostrano una importante riduzione nel rischio di infezioni nel tratto urinario quando vengono impiegati cateteri realizzate con leghe d'argento.[30] Questi cateteri costano di più rispetto ad altri cateteri.[30]

Raggi X

I raggi X di alogenuri dell'argento erano lo standard prima dell'impiego dei raggi X digitali. L'argento rimane popolare per la sua estrema precisione e i suoi costi ridotti, particolarmente nei paesi in via di sviluppo, dove la tecnologia dei raggi X digitali non è ancora disponibile.[31]

Altri usi

I composti dell'argento sono usati in preparazioni esterne come asettici[32], includendo sia il nitrato d'argento che l'argento proteinato, che possono essere utilizzati in soluzioni diluite, come colliri per prevenire la congiuntivite nei neonati. Il nitrato d'argento è talvolta usato in dermatologia nella forma di bastoncini come caustico (“caustico lunare”) per trattare alcune condizioni cutanee, come calli e verruche.[8] L'argento è anche impiegato nelle protesi ossee, nella chirurgia ortopedica ricostruttiva e nei dispositivi cardiaci.[10]

I cateteri venosi centrali di clorexidina sulfadiazina d'argento riducono significativamente l'incidenza delle infezioni sanguinee (CR-BSI).[33] L'uso di fluoruro diammina d'argento è un trattamento efficace per ridurre le carie dentali.[34][35]

L'acetato di argento è stato usato come potenziale aiuto per smettere di fumare. Una revisione della letteratura nel 2012, comunque, verificò che gli effetti dell'acetato di argento sullo smettere di fumare erano lievi.[36]

Effetti collaterali

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Argiria.

Negli umani e in altri animali, l'argento si accumula nel corpo.[5]

Assunzioni croniche di prodotti con argento può portare all'accumulo cutaneo di particelle. Queste si scuriscono con l'esposizione alla luce solare, provocando una decolorazione blu o grigia della pelle nota come argiria.[10] Una argiria localizzata può essere il risultato dell'applicazione topica di soluzioni contenenti argento, mentre un'argiria generalizzata risulta dall'ingestione di tali sostanze.[37]

L'argiria è generalmente irreversibile. L'unico accorgimento pratico per minimizzare il difetto estetico consiste nell' evitare l'esposizione al sole.[38] Per curarla sono state riportate relazioni preliminari sui trattamenti con il laser. Questi sono dolorosi e generalmente è necessaria l'anestesia.[39][40] Un trattamento simile al laser è stato impiegato per ripulire gli occhi dalle particelle d'argento, una condizione simile all'argiria detta argirosi.[41] L'agenzia per il registro delle sostanze tossiche e per le malattie (ATSDR) descrive l'argiria come un “problema estetico”.[42]

Sebbene l'argiria sia solitamente limitata alla decolorazione della pelle, ci sono casi isolati che presentano complicazioni neurologiche, renali o epatiche più serie, causate dall'ingestione dell'argento colloidale.[37][43]

L'argento colloidale può interagire con alcuni farmaci, riducendo l'assorbimento di alcuni antibiotici e della tiroxina.[44]

Alcune persone sono allergiche all'argento e l'uso di trattamenti e dispositivi medici che lo contengono è controindicato.[10] Nonostante i dispositivi medici contenenti argento siano raramente impiegati negli ospedali, non sono ancora stati intrapresi provvedimenti per la standardizzazione di questi prodotti.[45]

Purificazione dell'acqua

L'argento dissolto elettroliticamente è stato usato come agente disinfettante dell'acqua, per esempio, per le riserve d'acqua potabile della stazione orbitale Mir e della Stazione Spaziale Internazionale.[46] Molti ospedali moderni filtrano l'acqua calda attraverso filtri di rame-argento per debellare le infezioni di MRSA e legionella.[47] L'Organizzazione Mondiale della Sanità include i filtri di argento in uno stato colloidale prodotto da elettrolisi di elettrodi d'argento in acqua, e d'argento colloidale in acqua, come due fra molti metodi di disinfezione, specifici per fornire acqua potabile salubre nei paesi in via di sviluppo.[48]

In alcuni paesi in via di sviluppo, grazie all'impegio di Ron Rivera e Potters for Peace è stato creato un sistema di filtrazione in ceramica ricoperto di particelle d'argento e usato per disinfettare l'acqua. Infatti con questa invenzione l'argento inibisce la crescita microbica sul substrato del filtro, prevenendone l'intasamento.[49][50][51]

Meccanismo d'azione

L'argento e molti suoi composti hanno un effetto oligodinamico[52] e sono tossici per batteri, alghe e funghi in vitro. Tra gli elementi che hanno questi effetti, l'argento è il meno tossico per gli umani[senza fonte] L'azione antibatterica dell'argento dipende dallo ione argento.[10] L'efficacia dei composti dello zinco come antisettici è basata sull'abilità dello ione argento (Ag+), biologicamente attivo, di danneggiare irreversibilmente il sistema chiave degli enzimi nella membrana dei patogeni.[10] Da molto tempo è noto che l'azione antibatterica dell'argento aumenta in presenza di un campo elettrico. Applicare una corrente elettrica attraverso degli elettrodi di argento incrementa l'azione antibiotica all'anodo, probabilmente dovuta al rilascio di argento nella coltura batterica.[53] L'azione antibatterica degli elettrodi ricoperti con nanostrutture d'argento viene incrementata dalla presenza di campi elettrici.[54]

Medicine alternative

Fin da circa il 1990, vi è stata una rinascita della promozione dell'argento colloidale come integratore alimentare o rimedio omeopatico,[8] che poteva prevenire numerose malattie, come cancro, diabete, HIV/AIDS, herpes[5] e tubercolosi.[8][55][56] Nessuna evidenza medica supporta l'efficacia dell'argento colloidale per questi benefici vantati.[7][8][57] L'argento non è un minerale essenziale per gli esseri umani; non c'è alcuna necessità alimentare di argento, e non sono noti fenomeni di “carenza” di argento.[8]

Non c'è prova che l'argento colloidale tratti o prevenga alcuna condizione medica, mentre è noto che può causare effetti collaterali seri e irreversibili come l'argiria.[8] Nell'agosto 1999, la FDA proibì ai venditori di argento colloidale di dichiarare proprietà terapeutiche o preventive del prodotto,[7] per quanto i prodotti contenenti argento continuino a essere promossi come integratori alimentari negli Stati Uniti grazie ai vaghi regolamenti standard applicati per gli integratori.[7] La FDA ha rilasciato numerose lettere di diffida dirette ai siti internet che hanno continuato a promuovere l'argento colloidale come antibiotico o per altri propositi medici.[58][59][60] Nonostante gli sforzi della FDA, i prodotti a base di argento rimangono largamente disponibili sul mercato. Una indagine sui siti internet promotori di spray nasali contenenti argento colloidale asserisce che l'informazione per questi rimedi è aleatoria e inaccurata.[61]

Nel 2002, l'australiana Therapeutic Goods Administration (TGA) scoprì che non vi erano legittimi usi medici per l'argento colloidale e nessuna prova a supporto delle affermazioni pubblicitarie.[62] Il Centro Nazionale per la Medicina Complementare e Alternativa statunitense (NCCAM) avverte che le affermazioni pubblicitarie sull'argento colloidale non sono scientificamente supportate, che il contenuto di argento dei prodotti commerciali è estremamente variabile, e che l'argento colloidale può avere seri effetti collaterali, come la argiria.[8] Nel 2009, la USFDA rilasciò un avvertimento sui potenziali effetti collaterali dell'argento colloidale, e diceva che ”... non ci sono prescrizioni legalmente vendute o farmaci da banco contenenti argento che sono presi per bocca.”[63] Quackwatch[64] riporta che gli integratori alimentari a base d'argento colloidale non sono stati ritenuti sicuri o efficaci per il trattamento di qualsiasi condizione.[65] Consumer Reports cataloga l'argento colloidale come un “integratore da evitare”, descrivendolo come “probabilmente pericoloso”.[66] Il Los Angeles Times dichiara che “l'argento colloidale come panacea, è una frode con una lunga storia, con ciarlatani che affermano potesse curare il cancro, l'AIDS, la tubercolosi, il diabete e numerose altre malattie.”[67]

Storia

Ippocrate nei suoi scritti discusse l'uso dell'argento nella cura delle ferite.[68] All'inizio del ventesimo secolo i chirurghi impiegavano di routine suture d'argento per ridurre il rischio di infezioni.[68][69] Negli stessi anni i medici usavano colliri contenenti argento per trattare problemi oftalmici,[70] per varie infezioni,[71][72] e talvolta internamente per malattie come sprue tropicale, epilessia, gonorrea e il comune raffreddore.[6][8][73] Durante la prima guerra mondiale, i soldati usavano fogli d'argento per trattare le ferite infettate.[68][74]

Prima dell'introduzione dei moderni antibiotici, l'argento colloidale era impiegato come germicida e disinfettante[75] Con lo sviluppo dei moderni antibiotici nel 1940, l'uso dell'argento come agente antimicrobico diminuì.[45] La sulfadiazina d'argento (SSD) è un composto contenente argento e l'antibiotico sodio sulfadiazina, sviluppato nel 1968.

Costi

Nel 2006 il Servizio Sanitario Nazionale inglese spese circa 25 milioni di sterline in medicamenti contenenti argento. Tali medicamenti rapresentavano circa il 14 % dei medicamenti totali usati e circa il 25% dell'intero costo dei medicamenti.[76]

Dubbi sono stati espressi circa il potenziale costo ambientale dei nanomateriali d'argento prodotti nell'applicazione dei consumatori essendo rilasciati nell'ambiente, per esempio possono creare un problema agli organismi benigni del terreno.[77]

Voci correlate

Note

  1. ^ Atiyeh BS, Costagliola M, Hayek SN, Dibo SA, Effect of silver on burn wound infection control and healing: review of the literature in Burns, vol. 33, nº 2, 2007, pp. 139–48, DOI:10.1016/j.burns.2006.06.010, PMID 17137719.
  2. ^ a b Qin Y, Silver-containing alginate fibres and dressings in International Wound Journal, vol. 2, nº 2, giugno 2005, pp. 172–6, DOI:10.1111/j.1742-4801.2005.00101.x, PMID 16722867.
  3. ^ a b Hermans MH, Silver-containing dressings and the need for evidence in The American journal of nursing, vol. 106, nº 12, 2006, pp. 60–8; quiz 68–9, DOI:10.1097/00000446-200612000-00025, PMID 17133010.
  4. ^ a b MN Storm-Versloot, Vos, CG; Ubbink, DT; Vermeulen, H, Topical silver for preventing wound infection in Marja N Storm-Versloot (a cura di), Cochrane database of systematic reviews (Online), nº 3, 2010 Mar 17, pp. CD006478, DOI:10.1002/14651858.CD006478.pub2, PMID 20238345.
  5. ^ a b c PMID 8632503
  6. ^ a b Colloidal silver, Memorial Sloan-Kettering Cancer Center, Maggio 16, 2011. URL consultato il January 2, 2013.
  7. ^ a b c d Over-the-counter drug products containing colloidal silver ingredients or silver salts. Department of Health and Human Services (HHS), Public Health Service (PHS), Food and Drug Administration (FDA). Final rule in Federal Register, vol. 64, nº 158, Agosto 1999, pp. 44653–8, PMID 10558603.
  8. ^ a b c d e f g h i Colloidal Silver Products, National Center for Complementary and Alternative Medicine [prima pubblicazione 2004], Febbraio 2012. URL consultato il Gennaio 2013.
  9. ^ Ativeh BS, Costagliola M, Hayek SN, Dibo SA, Effect of silver on burn wound infection control and healing: review of the literature in Burns, vol. 33, nº 2, 2007, pp. 139-148, DOI:10.1016/j.burns.2006.06.010, PMID 17137719.
  10. ^ a b c d e f Lansdown AB, Silver in health care: antimicrobial effects and safety in use in Current Problems in Dermatology, vol. 33, 2006, pp. 17–34, DOI:10.1159/000093928, ISBN 3-8055-8121-1, PMID 16766878.
  11. ^ Jean-Yves Maillard e Philippe Hartemann, Silver as an antimicrobial: Facts and gaps in knowledge in Critical Reviews in Microbiology, 2012, p. 1, DOI:10.3109/1040841X.2012.713323.
  12. ^ a b Aziz, Z, Abu, SF e Chong, NJ, A systematic review of silver-containing dressings and topical silver agents (used with dressings) for burn wounds. in Burns : journal of the International Society for Burn Injuries, vol. 38, nº 3, Maggio 2012, pp. 307–18, DOI:10.1016/j.burns.2011.09.020, PMID 22030441.
  13. ^ Drugs@FDA, Accessdata.fda.gov. URL consultato il 2010-07-10.
  14. ^ Dumville, JC, O'Meara, S, Deshpande, S e Speak, K, Alginate dressings for healing diabetic foot ulcers in Dumville, Jo C (a cura di), Cochrane database of systematic reviews (Online), vol. 2, Feb 15, 2012, pp. CD009110, DOI:10.1002/14651858.CD009110.pub2, PMID 22336860.
  15. ^ Storm-Versloot, MN, Vos, CG, Ubbink, DT e Vermeulen, H, Topical silver for preventing wound infection. in Cochrane database of systematic reviews (Online), nº 3, Mar 17, 2010, pp. CD006478, DOI:10.1002/14651858.CD006478.pub2, PMID 20238345.
  16. ^ a b Carter, MJ, Tingley-Kelley, K; Warriner RA, 3rd, Silver treatments and silver-impregnated dressings for the healing of leg wounds and ulcers: a systematic review and meta-analysis. in Journal of the American Academy of Dermatology, vol. 63, nº 4, October 2010, pp. 668–79, DOI:10.1016/j.jaad.2009.09.007, PMID 20471135.
  17. ^ Lo, SF, Chang, CJ, Hu, WY, Hayter, M e Chang, YT, The effectiveness of silver-releasing dressings in the management of non-healing chronic wounds: a meta-analysis. in Journal of clinical nursing, vol. 18, nº 5, Marzo 2009, pp. 716–28, DOI:10.1111/j.1365-2702.2008.02534.x, PMID 19239539.
  18. ^ JW Beam, Topical silver for infected wounds. in Journal of athletic training, vol. 44, nº 5, Set–Ott 2009, pp. 531–3, DOI:10.4085/1062-6050-44.5.531, PMC 2742464, PMID 19771293.
  19. ^ a b Wasiak J, Cleland H, Campbell F, Dressings for superficial and partial thickness burns in Wasiak, Jason (a cura di), Cochrane Database Syst Rev, nº 4, 2008, pp. CD002106, DOI:10.1002/14651858.CD002106.pub3, PMID 18843629.
  20. ^ Lo SF, Hayter M, Chang CJ, Hu WY, Lee LL, A systematic review of silver-releasing dressings in the management of infected chronic wounds in Journal of clinical nursing, vol. 17, nº 15, 2008, pp. 1973–85, DOI:10.1111/j.1365-2702.2007.02264.x, PMID 18705778., relazione completa a http://www.academia.edu/403838/A_Systematic_Review_of_Silver-releasing_Dressings_In_the_Management_of_Infected_Chronic_Wounds
  21. ^ http://www.accessdata.fda.gov/cdrh_docs/pdf5/K053627.pdf
  22. ^ http://www.accessdata.fda.gov/cdrh_docs/pdf5/K050032.pdf
  23. ^ http://www.accessdata.fda.gov/cdrh_docs/pdf2/K022483.pdf
  24. ^ http://www.accessdata.fda.gov/cdrh_docs/pdf2/K023609.pdf
  25. ^ a b L Bouadma, M Wolff e JC Lucet, Ventilator-associated pneumonia and its prevention in Current opinion in infectious diseases, vol. 25, nº 4, Agosto 2012, pp. 395–404, DOI:10.1097/QCO.0b013e328355a835, PMID 22744316.
  26. ^ JD Hunter, Ventilator associated pneumonia. in BMJ (Clinical research ed.), vol. 344, Maggio 29, 2012, pp. e3325, DOI:10.1136/bmj.e3325, PMID 22645207.
  27. ^ a b Li, Xiao, Yuan, Qiang, Wang, Li, Du, Liang e Deng, Lijing, Silver-coated endotracheal tube versus non-coated endotracheal tube for preventing ventilator-associated pneumonia among adults: A systematic review of randomized controlled trials in Journal of Evidence-Based Medicine, vol. 5, nº 1, 1 Febbraio 2012, pp. 25–30, DOI:10.1111/j.1756-5391.2012.01165.x.
  28. ^ Def. "Che si trova all'interno della trachea"
  29. ^ FDA Clears Silver-Coated Breathing Tube For Marketing, 2007-11-08. URL consultato il 2007-11-11.
  30. ^ a b TB Lam, MI Omar, E Fisher, K Gillies e S MacLennan, Types of indwelling urethral catheters for short-term catheterisation in hospitalised adults. in The Cochrane database of systematic reviews, vol. 9, Sep 23, 2014, pp. CD004013, DOI:10.1002/14651858.CD004013.pub4, PMID 25248140.
  31. ^ X-Rays in Developing Countries, Silver Institute. URL consultato il 2014-07-20.
  32. ^ Def. "Diretto a prevenire le infezioni, spec. chirurgiche; rispondente alle esigenze dell'asepsi"
  33. ^ Ramritu, P, Halton, K, Collignon, P, Cook, D, Fraenkel, D, Battistutta, D, Whitby, M e Graves, N, A systematic review comparing the relative effectiveness of antimicrobial-coated catheters in intensive care units. in American journal of infection control, vol. 36, nº 2, Marzo 2008, pp. 104–17, DOI:10.1016/j.ajic.2007.02.012, PMID 18313512.
  34. ^ DOI: 10.1177/0022034508329406
  35. ^ DOI: 10.1038/sj.ebd.6400661
  36. ^ Lancaster, T e Stead, LF, Silver acetate for smoking cessation. in Cochrane database of systematic reviews (Online), vol. 9, Set 12, 2012, pp. CD000191, DOI:10.1002/14651858.CD000191.pub2, PMID 22972041.
  37. ^ a b Brandt D, Park B, Hoang M, Jacobe HT, Argyria secondary to ingestion of homemade silver solution in J. Am. Acad. Dermatol., vol. 53, 2 Suppl 1, Agosto 2005, pp. S105–7, DOI:10.1016/j.jaad.2004.09.026, PMID 16021155.
  38. ^ Okan D, Woo K, Sibbald RG, So what if you are blue? Oral colloidal silver and argyria are out: safe dressings are in in Adv Skin Wound Care, vol. 20, nº 6, Giugno 2007, pp. 326–30, DOI:10.1097/01.ASW.0000276415.91750.0f, PMID 17538258.
    «Colloidal silver suspensions are solutions of submicroscopic metallic silver particles suspended in a colloid base. These products deliver predominantly inactive metallic silver, not the antimicrobial ionized form.».
  39. ^ DO-Young Rhee, Sung-EUN Chang, MI-WOO Lee, JEE-HO Choi, KEE-Chan Moon e JAI-Kyoung Koh, Treatment of Argyria after Colloidal Silver Ingestion Using Q-Switched 1,064-nm Nd:YAG Laser in Dermatologic Surgery, vol. 34, nº 10, 2008, pp. 1427–30, DOI:10.1111/j.1524-4725.2008.34302.x, PMID 18657163.
  40. ^ Jacobs R, Argyria: my life story in Clinics in dermatology, vol. 24, nº 1, 2006, pp. 66–9; discussion 69, DOI:10.1016/j.clindermatol.2005.09.001, PMID 16427508.
  41. ^ Geyer O, Rothkoff L, Lazar M, Clearing of corneal argyrosis by YAG laser in The British Journal of Ophthalmology, vol. 73, nº 12, Dicembre 1989, pp. 1009–10, DOI:10.1136/bjo.73.12.1009, PMC 1041957, PMID 2611183.
  42. ^ ToxFAQs™ for Silver, Agency for Toxic Substances and Disease Registry. URL consultato il January 2013.
  43. ^ Stepien KM, Morris R, Brown S, Taylor A, Morgan L, Unintentional silver intoxication following self-medication: an unusual case of corticobasal degeneration in Ann. Clin. Biochem., vol. 46, nº 6, Settembre 2009, pp. 520–2, DOI:10.1258/acb.2009.009082, PMID 19729504.
  44. ^ Pamela L. Drake, M.P.H., National Institute for Occupational Health and Safety; Edmund Pribitkin, M.D., Thomas Jefferson University; and Wendy Weber, N.D., Ph.D., M.P.H., NCCAM, Colloidal Silver Products, U.S. Department of Health and Human Services, Luglio 2009.
  45. ^ a b Chopra I, The increasing use of silver-based products as antimicrobial agents: a useful development or a cause for concern? in The Journal of Antimicrobial Chemotherapy, vol. 59, nº 4, April 2007, pp. 587–90, DOI:10.1093/jac/dkm006, PMID 17307768.
  46. ^ Subcommittee on Spacecraft Exposure Guidelines, Committee on Toxicology, National Research Council, Spacecraft Water Exposure Guidelines for Selected Contaminants, vol. 1, National Academies Press, 2004, p. 324, ISBN 0-309-09166-7.
  47. ^ Alan B. G. Lansdown, Silver in Healthcare: Its Antimicrobial Efficacy and Safety in Use, Royal Society of Chemistry, 27 Maggio 2010, p. 29, ISBN 978-1-84973-006-8. URL consultato il 20 Gennaio 2013.
  48. ^ Felipe Solsona e Juan Pablo Mendez, Water Disinfection (PDF), World Health Organization, 2003.
  49. ^ Caroline Richmond, Ron Rivera: Potter who developed a water filter that saved lives in the third world in The Guardian, 2008-10-16. URL consultato il 2009-05-16.
  50. ^ Sara Corbett, Solution in a Pot in New York Times, Dicembre 24, 2008. URL consultato il May 15, 2009.
  51. ^ Committee on Creation of Science-based Industries in Developing Countries, Development, Security, and Cooperation, Policy and Global Affairs, National Research Council of the National Academies, Nigerian Academy of Science., Mobilizing Science-Based Enterprises for Energy, Water, and Medicines in Nigeria, Washington, D.C, National Academies Press, 2007, p. 39, ISBN 0-309-11118-8.
  52. ^ In fisiologia, si dice, di sostanze a molecola complessa (vitamine, enzimi, ormoni) o di elementi chimici (ferro, rame, iodio, zinco) che hanno un'azione sensibile sul metabolismo anche se presenti in quantità minime e la cui prolungata assenza nella dieta è causa di malattie spesso gravi.
  53. ^ J. A. Spadaro, T. J. Berger, S. D. Barranco, S. E. Chapin e R. O. Becker, Antibacterial Effects of Silver Electrodes with Weak Direct Current Antimicrob. Agents Chemother., vol. 6, nº 5, 1974, p. 637, DOI:10.1128/AAC.6.5.637.
  54. ^ Omid Akhavan e Elham Ghaderi, Enhancement of antibacterial properties of Ag nanorods by electric field in Science and Technology of Advanced Materials, vol. 10, 2009, p. 015003, DOI:10.1088/1468-6996/10/1/015003.
  55. ^ Wadhera A, Fung M, Systemic argyria associated with ingestion of colloidal silver in Dermatol Online J., vol. 11, nº 1, 2005, p. 12, PMID 15748553.
  56. ^ Fung MC, Weintraub M, Bowen DL, Colloidal silver proteins marketed as health supplements in JAMA, vol. 274, nº 15, Ottobre 1995, pp. 1196–7, DOI:10.1001/jama.274.15.1196, PMID 7563503.
  57. ^ Newman M, Kolecki P, Argyria in the ED in Am J Emerg Med, vol. 19, nº 6, Ottobre 2001, pp. 525–6, DOI:10.1053/ajem.2001.25773, PMID 11593479.
  58. ^ Colloidal Silver Not Approved, U.S. Food and Drug Administration, 2007-02-12. URL consultato il 2008-09-22.
  59. ^ FDA Warning Letter, U.S. Food and Drug Administration, 2001-03-13. URL consultato il 2008-09-22.
  60. ^ FDA Warning Letter, U.S. Food and Drug Administration, 2011. URL consultato il 2013-04-11.
  61. ^ MT Gaslin, C Rubin e EA Pribitkin, Silver nasal sprays: Misleading Internet marketing in Ear, nose, & throat journal, vol. 87, nº 4, 2008, pp. 217–20, PMID 18478796.
  62. ^ Regulation of colloidal silver and related products, Australian Therapeutic Goods Administration, 2005-11-09. URL consultato il 2008-09-22.
  63. ^ Dietary Supplements Containing Silver May Cause Permanent Discoloration of Skin and Mucous Membranes (Argyria), FDA Consumer Advisory, 2009.
  64. ^ È la più nota fra le organizzazioni in difesa dalle frodi nel campo medico, fondata nel 1969 da Stephen Barrett e così ribattezzata nel 1997.
  65. ^ Edward McSweegan, Ph.D., Lyme Disease: Questionable Diagnosis and Treatment, Quackwatch. URL consultato il March 2013.
  66. ^ Twelve supplements you should avoid in Consumer Reports, Settembre 2010. URL consultato il January 31, 2013.
  67. ^ David Colker, Scam 'cures' for swine flu face crackdown in Los Angeles Times, Maggio 2, 2009. URL consultato il April 3, 2013.
  68. ^ a b c PMID 20429870
  69. ^ J. Wesley Alexander, History of the Medical Use of Silver in Surgical Infections, vol. 10, nº 3, 2009, pp. 289–92, DOI:10.1089/sur.2008.9941, PMID 19566416.
  70. ^ A. L. Roe, Collosol Argentum and its Ophthalmic uses in BMJ, vol. 1, nº 2820, 1915, p. 104, DOI:10.1136/bmj.1.2820.104, PMC 2301624, PMID 20767446.
  71. ^ C MacLeod, Electric metallic colloids and their therapeutic applications in Lancet, vol. 179, nº 4614, 1912, p. 322, DOI:10.1016/S0140-6736(01)66545-0.
  72. ^ A.B. Searle, Chapter IX: Colloidal Remedies and Their Uses in The Use of Colloids in Health and Disease, Gerstein-University of Toronto: Toronto Collection, London Constable & Co., 1920.
  73. ^ Eighty-first Annual Meeting of the British Medical Association in BMJ, vol. 2, nº 2759, 1913, p. 1282, DOI:10.1136/bmj.2.2759.1282.
  74. ^ 135.Borsuk DE, Gallant M, Richard D, Williams HB. Silver-coated nylon dressings for pediatric burn victims. Can J Plast Surg. 2007;15(1) 29–31. [PMC free article] [PubMed]
  75. ^ A.B. Searle, Chapter VIII: Germicides and Disinfectants in The Use of Colloids in Health and Disease, Gerstein - University of Toronto : Toronto Collection, London Constable & Co., 1920.
  76. ^ Silver dressings--do they work? in Drug and therapeutics bulletin, vol. 48, nº 4, 2010, pp. 38–42, DOI:10.1136/dtb.2010.02.0014, PMID 20392779.
  77. ^ Thabet M. Tolaymat, Amro M. El Badawy, Ash Genaidy, Kirk G. Scheckel, Todd P. Luxton e Makram Suidan, An evidence-based environmental perspective of manufactured silver nanoparticle in syntheses and applications: A systematic review and critical appraisal of peer-reviewed scientific papers in Science of the Total Environment, vol. 408, nº 5, 2010, pp. 999–1006, DOI:10.1016/j.scitotenv.2009.11.003, PMID 19945151.

Collegamenti esterni