Utente:Vides Ut Alta/Sandbox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Maria Roberti di Castelvero
Giuseppe Maria Roberti 2.jpg
Giuseppe Maria Roberti nelle vesti di Viceré di Sardegna

Viceré di Sardegna
Durata mandato 11 luglio 1829 –
14 luglio 1831
Predecessore Giuseppe Tornielli di Vergano
Successore Giuseppe Maria di Montiglio

Giuseppe Maria Roberti, conte di Castelvero (Acqui, 10 dicembre 1775Incisa, 27 ottobre 1844), è stato un politico e militare italiano, generale di cavalleria, governatore di Cagliari, Cuneo e Novara; tra il 1829 e il 1831 ricoprì la carica di Viceré di Sardegna.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Maria Roberti nacque nel palazzo di famiglia di Acqui il 10 dicembre 1775, figlio del conte Francesco Spirito e di Maria Teresa Della Chiesa di Cinzano e Roddi. Intraprese la carriera di ufficiale di cavalleria durante il periodo delle guerre napoleoniche; tra il 1804 e il 1805 fu Luogotenente degli Ussari di Liechtenstein a Vienna. Qui conobbe la contessa Francesca Romana von Rindsmaul, che sposò nel gennaio 1805.

Nel 1814, con la ricostituzione dell'Armata Sarda, entrò nei ranghi sabaudi con il grado di Tenente Colonnello. Nel 1819 fu promosso Colonnello e prese il comando del reggimento Cavalleggeri di Savoia. Nel 1825 divenne Maggior Generale, con l'incarico di Generale delle armi in Sardegna e governatore della città e castello di Cagliari. L'11 luglio 1829 raggiunse l'apice della carriera militare[2] diventando incaricato delle funzioni di Viceré di Sardegna,[3] ruolo che svolse per due anni. Al termine dell'incarico, nel 1831, fu promosso a Tenente Generale. Tornato in Piemonte, fu nominato governatore della piazza d'armi di Cuneo il 13 novembre 1835. Terminò la carriera come governatore di Novara, incarico che svolse dal 1842.[4]

Morì nella villa del Cerreto nei pressi di Incisa Belbo, il 27 ottobre 1844.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio con Francesca Romana Carola Albertina von Rindmaul nacquero:

  • Francesco Massimiliano, morto infante nel 1807
  • Teresa Matilde (1807-1834), suora nel convento del Sacro Cuore di Torino
  • Vittorio Emanuele (1808-1871), deputato[5], conte di Castelvero
  • Edmondo (1809-1888), sindaco di Cagliari[6] e deputato[7], marchese di San Tommaso[8] maritali nomine

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze sabaude[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1834
Medaglia mauriziana pel merito militare di dieci lustri - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia mauriziana pel merito militare di dieci lustri

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Corona di Ferro d'Austria - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona di Ferro d'Austria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atto ufficiale di Giuseppe Maria Roberti come Viceré di Sardegna, su books.google.it.
  2. ^ T. Ricardi di Netro e Maria Gattullo (a cura di), Viaggio negli archivi gentilizi, Archivio di Stato di Torino, 2007, p. 45.
    «[...] la carriera di un ufficiale sabaudo tra Antico Regime e Restaurazione poteva raggiungere la carica di Viceré di Sardegna che fino al 1848 rappresentò il vertice dell'apparato militare piemontese.».
  3. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno di Sardegna, Giuseppe Maria Roberti vi è citato come incaricato delle funzioni di Viceré, su books.google.it.
  4. ^ C. Chiaborelli, La nobile famiglia Roberti, Casale Monferrato, Società di Storia, Arte e Archeologia per la provincia di Alessandria, 1934.
  5. ^ Sito istituzionale, scheda sul deputato Vittorio Emanuele Roberti di Castelvero, su storia.camera.it.
  6. ^ Quotidiano del Comune di Cagliari, lista dei sindaci della città, su comunecagliarinews.it.
  7. ^ Sito istituzionale, scheda sul deputato Edmondo Roberti di San Tommaso, su storia.camera.it.
  8. ^ Il marchesato di San Tommaso fu creato il 3 settembre 1747 dall'unione dei feudi di Gesico e Goni