Utente:Sannita/Sandbox 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Sandbox n° 1 · Sandbox n° 2 · Sandbox n° 3 · Sandbox n° 4 · Sandbox n° 5


Personaggi della Trilogia di Occidente[modifica | modifica wikitesto]

In questa pagina, sono elencati tutti i personaggi (maggiori e minori) della Trilogia di Occidente, insieme di romanzi di fantascienza ucronica realizzati dallo scrittore e giornalista Mario Farneti.

Famiglia Tebaldi[modifica | modifica wikitesto]

Romano Tebaldi[modifica | modifica wikitesto]

Romano Tebaldi
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione ufficiale
Affiliazione

Romano Tebaldi è il protagonista della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente come capomanipolo del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[1]

Ha frequentato la Scuola Superiore di Telecomunicazioni presso il Comando Armi e Tattiche Speciali dell'OVRA, assieme a Giulia Flaviani Morosini, per cui nutriva dei sentimenti.[2]

Si arruola come volontario in Vietnam, dove incontra nuovamente Flaviani Morosini.[2] Dopo aver scoperto che era sua intenzione arruolarsi negli Arditi della Decima Legio,[3] si arruola anch'egli nella Legione, venendo seguito dai suoi commilitoni.[4] Prende parte alla missione su Collina 108,[5] successivamente dichiarandosi alla sua ex-compagna di corso, senza successo.[6]

Quando il giorno dopo il neo-promosso centurione Flaviani Morosini viene incaricata di far saltare un ponte sul fiume Tourane, Tebaldi riceve da questa una medaglietta raffigurante i Dioscuri. Tebaldi tenta di offrirsi volontario con il suo battaglione, ma l'offerta viene rifiutata.[7] Quando la divisione guidata da Flaviani Morosini cade vittima di una imboscata nemica, Tebaldi e i suoi uomini dirottano un elicottero sul posto per salvare la donna, ma non riescono a impedirne il suicidio.[8] Rimasto gravemente ferito, viene trasferito all'Ospedale americano di Saigon, scoprendo che proprio la medaglia ricevuta da Flaviani Morosini ha deviato uno dei colpi, altrimenti mortale, da lui ricevuto al torace.[9]

Promosso al grado di Tribuno, viene assegnato al Comando Operazioni Speciali per il Sud-est asiatico dell'OVRA,[10] per conto del quale conduce una missione segreta per la cattura del terrorista italo-albanese Enver Kucar.[11]

[...][Completare]. Divenuto successivamente Governatore di Roma, nel 1991 viene eletto nel Triumvirato di Governo, al posto del dimissionario Giorgio Almirante.[12]

Dana Di Maggio[modifica | modifica wikitesto]

Dana Di Maggio
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Ultima app. in Nuovo impero d'Occidente
Sesso Femmina
Etnia italo-americana
Luogo di nascita New York[13]
Professione giornalista
Affiliazione Global TV Network

Dana Di Maggio è una dei co-protagonisti della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente come inviata della Global TV Network, emittente televisiva di New York.[14]

Giornalista statunitense di origini italiane, arriva ufficialmente in Italia per curare la telecronaca in diretta dell'inaugurazione di Caput Mundi, un gigantesco faro costruito per celebrare il 50º anniversario della Marcia su Roma,[15] ma conduce contemporaneamente in segreto un'indagine sull'incidente aereo dell'8 giugno 1972, che ha coinvolto il volo TC 022 della Trans Continental da Washington a Roma.[16]

A Roma incontra il suo collega Leo Callahan, anche lui impegnato in un'indagine sul volo TC 022, col quale stabilisce una collaborazione.[17]

Benito Amedeo Tebaldi[modifica | modifica wikitesto]

Benito Amedeo Tebaldi
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Attacco all'Occidente
Ultima app. in Nuovo impero d'Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Affiliazione [...][Completare]

Benito Amedeo Tebaldi è uno dei co-protagonisti della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Attacco all'Occidente.

Figlio primogenito di Romano Tebaldi e di Dana Di Maggio, viene chiamato così in onore di Benito Mussolini e del padre di Tebaldi, Amedeo.

Italo Tebaldi[modifica | modifica wikitesto]

Italo Tebaldi
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Attacco all'Occidente
Ultima app. in Nuovo impero d'Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Affiliazione [...][Completare]

Italo Tebaldi è uno dei co-protagonisti della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Attacco all'Occidente.

Figlio secondogenito di Romano Tebaldi e di Dana Di Maggio, [...][Completare]

Cristiana Tebaldi[modifica | modifica wikitesto]

Cristiana Tebaldi
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Attacco all'Occidente
Ultima app. in Nuovo impero d'Occidente
Sesso Femmina
Etnia italiano
Affiliazione [...][Completare]

Italo Tebaldi è una dei co-protagonisti della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Attacco all'Occidente.

Figlia terzogenita di Romano Tebaldi e di Dana Di Maggio, [...][Completare]

Amedeo Tebaldi[modifica | modifica wikitesto]

Amedeo Tebaldi
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Ultima app. in Attacco all'Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale

Amedeo Tebaldi è un personaggio della Trilogia di Occidente. Viene menzionato per la prima volta in Occidente.[18]

Padre di Romano Tebaldi,[18] combattè durante la Terza guerra mondiale con il grado di console. Era il comandante dello Squadrone Corazzato Lupo della MVSN ed è ufficialmente ricordato come il primo soldato occidentale a essere entrato a Mosca.[9]

In Attacco all'Occidente, viene svelato che Tebaldi, in realtà, non raggiunse mai Mosca e che morì in una operazione segreta di cattura di un nuovo carro armato sovietico, chiamato in codice "Pugaciov", dotato di un motore a energia atomica di ultima generazione. L'operazione prevedeva l'utilizzo di un'arma segreta del regime, un cannone a microonde chiamato "Dardo invisibile", basato sugli studi effettuati da Guglielmo Marconi. La missione tuttavia fallì e si persero le tracce sia di "Pugaciov" che di "Dardo Invisibile".[19]

Personaggi ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Fabio Cavan[modifica | modifica wikitesto]

Fabio Cavan
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Affiliazione

Fabio Cavan è uno dei co-protagonisti della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente, come aiutante di campo di Romano Tebaldi, nell'ambito del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[1]

Segue il suo capomanipolo, quando questi si arruola nella Decima Legio.[4] Prende parte sia alla missione su Collina 108[5] che alla missione di salvataggio del centurione Flaviani Morosini.[8] Ferito, viene trasportato all'Ospedale americano di Saigon e da lì rimpatriato assieme ai suoi commilitoni.[9]

Al ritorno in patria, fu promosso ufficiale. Nel 1971, viene chiamato da Benito Mussolini in persona a comandare, con il grado di centurione, la sua forza di sicurezza personale, la Forza "D".[20][21]

Valerio Ferri[modifica | modifica wikitesto]

Valerio Ferri
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare, poi capo della sicurezza di Leopoldo Del Borgo
Affiliazione

Valerio Ferri è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente, come caposquadra del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[23]

Suo padre è un reduce pluridecorato della Terza Guerra Mondiale.[21] Ha un fratello, Marcello, col quale ha interrotto i rapporti dopo il suo abbandono della divisa.[24]

Assieme ai suoi commilitoni Savelli, Bassico e Corbo, fa parte de "i soliti quattro", un gruppo di soldati sempre pronti a offrirsi come volontari in missioni rischiose, tutti provenienti dalle file della Gioventù italiana del littorio.[25] Anche lui segue il capomanipolo Tebaldi, quando questi si arruola nella Decima Legio,[4] prendendo parte sia alla missione su Collina 108[5] che alla missione di salvataggio del centurione Flaviani Morosini.[8]

Al ritorno in patria, abbandona la divisa e diventa il capo della sicurezza dell'imprenditore Leopoldo Del Borgo.[24]

Romolo Savelli[modifica | modifica wikitesto]

Romolo Savelli
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione

Romolo Savelli è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente, come legionario del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[25]

Assieme ai suoi commilitoni Ferri, Bassico e Corbo, fa parte de "i soliti quattro", un gruppo di soldati sempre pronti a offrirsi come volontari in missioni rischiose, tutti provenienti dalle file della Gioventù italiana del littorio.[25] È l'unico membro del gruppo a essere iscritto all'università (più precisamente alla facoltà di Scienze politiche).[26]

Anche lui segue il capomanipolo Tebaldi, quando questi si arruola nella Decima Legio,[4] prendendo parte sia alla missione su Collina 108[5] che alla missione di salvataggio del centurione Flaviani Morosini.[8]

Al ritorno in patria, conclude gli studi e viene incaricato dall'Università Popolare Fascista di riordinare l'archivio personale di Mussolini e di curare un'edizione critica dei suoi documenti inediti, risalenti agli albori del Fascismo.[27] Viene inoltre promosso al grado di capomanipolo.[28]

Bassico[modifica | modifica wikitesto]

Bassico
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione

Bassico è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente, come legionario del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[25]

Assieme ai suoi commilitoni Ferri, Savelli e Corbo, fa parte de "i soliti quattro", un gruppo di soldati sempre pronti a offrirsi come volontari in missioni rischiose, tutti provenienti dalle file della Gioventù italiana del littorio.[25]

Anche lui segue il capomanipolo Tebaldi, quando questi si arruola nella Decima Legio,[4] prendendo parte sia alla missione su Collina 108[5] che alla missione di salvataggio del centurione Flaviani Morosini.[8]

Corbo[modifica | modifica wikitesto]

Corbo
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione

Corbo è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente, come legionario del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[25]

Assieme ai suoi commilitoni Ferri, Savelli e Bassico, fa parte de "i soliti quattro", un gruppo di soldati sempre pronti a offrirsi come volontari in missioni rischiose, tutti provenienti dalle file della Gioventù italiana del littorio.[25]

Anche lui segue il capomanipolo Tebaldi, quando questi si arruola nella Decima Legio,[4] prendendo parte sia alla missione su Collina 108[5] che alla missione di salvataggio del centurione Flaviani Morosini.[8]

Giulia Flaviani Morosini[modifica | modifica wikitesto]

Giulia Flaviani Morosini
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Femmina
Etnia italiana
Affiliazione

Giulia Flaviani Morosini è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente come capomanipolo del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[2]

Discendente della antica famiglia nobile dei Flaviani Morosini, è una delle prime donne arruolate nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale e il primo ufficiale donna. La sua famiglia tentò in tutti i modi di ostacolare la sua vocazione per le armi, finché Benito Mussolini in persona non intervenne per convincerli. Fu compagna di corso di Romano Tebaldi alla Scuola Superiore di Telecomunicazioni presso il Comando Armi e Tattiche Speciali dell'OVRA.[2]

Riunitasi con Tebaldi in Vietnam, gli annuncia che è sua intenzione arruolarsi nella Decima Legio.[3] Dopo aver prestato giuramento come volontaria,[4] tuttavia, viene ostacolata dal generale Gabrielli e confinata nella sua tenda.[29] Lei disubbidisce alla consegna e prende parte all'azione militare contro la Collina 108.[5] Il coraggio mostrato durante l'operazione le valse le scuse del generale Gabrielli in persona, la proposta per una medaglia d'oro al valor militare e la promozione sul campo a centurione.[30]

Dopo la battaglia, confessa a Tebaldi (che si era dichiarato a lei) di essere affiliata a un antico culto romano e di non poter corrispondere i suoi sentimenti, aggiungendo sibillinamente che «il Fato vuole che domani sia l'ultima battaglia» per lei.[6]

Il giorno successivo, Gabrielli le assegna la guida del battaglione Adua della Legione: scopo della missione è far saltare il ponte sul fiume Tourane, per impedire l'avanzata delle truppe nordvietamite.[31] La missione tuttavia fallisce e viene fatta prigioniera. Viene liberata da Tebaldi e dagli altri suoi commilitoni, ma viene presto sopraffatta dai nordvietnamiti. Per evitare di venire meno al suo voto, si suicida conficcandosi la baionetta in pieno petto.[8]

In una sua successiva apparizione verso la fine di Occidente,[32] lei stessa rivela a Romano Tebaldi di essere l'incarnazione della dea Roma[33] e trattiene per sé le insegne dell'Impero romano d'Occidente, preannunciando l'avvento di «un nuovo e più grande Impero di Roma».[34]

Leo Callahan[modifica | modifica wikitesto]

Leo Callahan
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Ultima app. in Attacco all'Occidente
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Luogo di nascita Boston[35]
Data di nascita 24 luglio 1927[35][13]
Professione giornalista
Affiliazione ABC News

Leo Ronald Callahan è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente come giornalista amico di Dana Di Maggio.[35]

Viene descritto come un uomo dall'«atteggiamento scanzonato» e un'aria «da adolescente della Boston bene, nonostante i suoi quarantacinque anni». Ha conosciuto la sua collega Dana due anni prima a Tel Aviv e anche lui sta conducendo delle indagini segrete sull'incidente dell'8 giugno 1972, che ha coinvolto il volo TC 022 della Trans Continental da Washington a Roma. I due decidono di unire gli sforzi e di collaborare.[17]

Durante le indagini, precipita dal balcone dell'albergo. Ricoverato in gravi condizioni, viene inoltre piantonato dalla Polizia, in attesa di essere arrestato per traffico illegale di stupefacenti.[36]

Massimo Duilio Gabrielli[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Duilio Gabrielli
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Ultima app. in Attacco all'Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione

Il generale Massimo Duilio Gabrielli è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente come comandante degli Arditi della Decima Legio.[18]

Ha combattuto durante la Terza guerra mondiale, venendo insignito della Medaglia d'oro al valor militare. Fu anche nominato Maresciallo d'Italia e ricoprì il ruolo di proconsole in Ucraina e Illiria.[37]

Viene definito «per formazione culturale e per tradizione [...] un maschilista» e ha una considerazione in genere molto bassa delle donne (da lui giudicate «esseri bizzosi e volubili che si potevano mettere a tacere vezzeggiandoli o bastonandoli»).[38] È anche per questo che tenta di impedire al capomanipolo Giulia Flaviani Morosini di prendere parte alla missione per la conquista della collina 108,[29] salvo poi riconoscerne il valore[30] e affidarle la guida del battaglione Adua.[31]

[...][Completare] In seguito alle turbolenze createsi dopo la morte di Mussolini, divenne uno dei tre Triumviri a guida del Governo.[39]

Generale Ludovici[modifica | modifica wikitesto]

generale Ludovici
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Ultima app. in Attacco all'Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione
  • OVRA
  • Triumvirato di Governo

Il generale Ludovici è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare in Occidente come Comandante dell'OVRA.[40]

[...][Completare]. In seguito alle turbolenze createsi dopo la morte di Mussolini, divenne uno dei tre Triumviri a guida del Governo.[39]

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Alberto II[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Alberto II
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione re d'Italia

Carlo Alberto II è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente.

Figlio di re Umberto II di Savoia, salì al trono nel 1967 in seguito all'abdicazione di suo padre, caduto in depressione dopo la morte del primogenito Vittorio Emanuele, avvenuta durante uno strano incidente di caccia in Corsica.[25]

In seguito all'attentato, avvenuto a ridosso dei festeggiamenti del 50º anniversario della Marcia su Roma, in cui rimasero uccisi il Presidente del Consiglio e Duce del Fascismo Galeazzo Ciano, il Segretario del PNF Pino Romualdi e varie altre persone,[41] tentò di attuare un colpo di Stato, assumendo i pieni poteri e dichiarando sciolti sia il PNF che la MVSN.[42] In seguito alla breve guerra civile avvenuta tra le forze realiste e quelle fasciste, fu costretto alla fuga e all'esilio ad Alessandria d'Egitto.[43]

Leopoldo Del Borgo[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo Del Borgo
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione imprenditore

Il conte Leopoldo Del Borgo è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare per la prima volta in Occidente.

Definito «l'uomo che dal dopoguerra manteneva il controllo della Borsa italiana»,[44] [...][Completare].

Personaggi reali apparsi o citati nella trilogia[modifica | modifica wikitesto]

Benito Mussolini[modifica | modifica wikitesto]

Benito Mussolini
Benito Mussolini colored.jpg
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione capo della MVSN, ex-Presidente del Consiglio ed ex-Duce del Fascismo

Benito Mussolini è un personaggio della Trilogia di Occidente, ispirato alla sua reale controparte.

In questo universo letterario, le differenze nascono a partire dallo scoppio della Seconda guerra mondiale, quando prese la «decisione sofferta» di non entrare in guerra al fianco delle altre due Potenze dell'Asse,[26] in seguito a un preciso accordo con gli Stati Uniti: in cambio della neutralità, l'Italia sarebbe stata inclusa nel Piano Marshall, lanciato in quegli anni.[45] Allo scoppio della Terza Guerra Mondiale,[45] decise di entrare in guerra al fianco di Stati Uniti, Regno Unito e Francia contro l'Unione Sovietica e i suoi alleati.[26]

Successivamente, guidò l'Italia fino allo status di superpotenza a tutti gli effetti, grazie a una lunga serie di risultati in ambito diplomatico, scientifico e culturale, fra cui il determinante contributo al riconoscimento internazionale di Israele,[46] lo sbarco sulla Luna del 2 giugno 1969[47][48] e la partecipazione alla Guerra del Vietnam.[49]

L'8 settembre 1966, Mussolini annunciò le proprie dimissioni da Presidente del Consiglio e Duce del Fascismo, designando Galeazzo Ciano come suo successore per entrambi i ruoli e mantenendo per sé solo il titolo di Capo del MVSN.[25][50]

In seguito al tentativo di colpo di Stato di Carlo Alberto II, fu nominato Capo provvisorio della neonata Repubblica.[51] Morì il 5 novembre 1972, una settimana dopo la fine della breve guerra civile avvenuta tra le forze realiste e quelle fasciste.[52]

Galeazzo Ciano[modifica | modifica wikitesto]

Galeazzo Ciano
Galeazzo Ciano01.jpg
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione Presidente del Consiglio e Duce del Fascismo

Galeazzo Ciano è un personaggio della Trilogia di Occidente, ispirato alla sua reale controparte.

In questo universo letterario, l'8 settembre 1966 fu indicato da Mussolini come suo successore alle cariche di Presidente del Consiglio e Duce del Fascismo.[25][50] Governò fino all'ottobre del 1972, quando a ridosso dei festeggiamenti del 50º anniversario della Marcia su Roma, venne ucciso in un attentato[41] che diede il via al tentativo di colpo di Stato di Carlo Alberto II.[42]

Personaggi minori di Occidente[modifica | modifica wikitesto]

Stame[modifica | modifica wikitesto]

Stame
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione antiquario, informatore

Stame è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare in Occidente come informatore di Dana Di Maggio.[53]

Ha una nipotina di 10-11 anni circa, Michela, che lo aiuta nella sua attività di informatore.[54]

Oreste[modifica | modifica wikitesto]

Oreste
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione informatore

Oreste è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare in Occidente come informatore di Dana Di Maggio.[55]

Console Gregori[modifica | modifica wikitesto]

console Gregori
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam

Il console Gregori è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare brevemente in Occidente come console del Corpo di Spedizione Italiano in Vietnam.[18]

Viene descritto come «un soldato leale», già impiegato in altre battaglie, ma poco avvezzo e molto provato dalla strategia di guerriglia adottata dai nordvietnamiti, definita lontana «dal suo modo di pensare, dalla sua cultura, dalla sua etica dell'onore».[56]

Durante l'attacco nordvietnamita al campo Gladio 7, viene gravemente ferito e trasportato a Saigon.[57]

Edgardo Ramovecchi[modifica | modifica wikitesto]

Edgardo Ramovecchi
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione portavoce

Il console Edgardo Ramovecchi è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare brevemente in Occidente come portavoce di Benito Mussolini.[18]

Viene descritto come «un uomo corpulento col volto rubizzo e il collo taurino mal contenuto dal colletto della camicia che sembrava sempre sul punto di strapparsi».[58] È investito del compito di coprire il tentativo di furto avvenuto a Villa Torlonia, ma viene duramente contestato da Dana Di Maggio durante la conferenza stampa.[59]

Lucio Quinzio Flores[modifica | modifica wikitesto]

Lucio Quinzio Flores
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione Marina Militare

Lucio Quinzio Flores è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare brevemente in Occidente come capitano di fregata in missione nel Sud-est asiatico.[60]

Durante la guerra del Vietnam, condusse una serie di operazioni contro l'esercito nordvietnamita e di incursioni lungo il corso del Mekong.[61] Viene successivamente assegnato di stanza nei mari del Sud-est asiatico per intercettare il traffico di armi diretto verso Vietnam e Cina, dove prende parte alla missione segreta per la cattura del terrorista italo-albanese Enver Kucar.[11]

Marcello Ferri[modifica | modifica wikitesto]

Marcello Ferri
Universo Trilogia di Occidente
Lingua orig. Italiano
Autore Mario Farneti
1ª app. in Occidente
Sesso Maschio
Etnia italiano
Professione militare
Affiliazione Marina Militare

Marcello Ferri è un personaggio della Trilogia di Occidente. Appare brevemente in Occidente, come tenente in missione nel Sud-est asiatico.[62]

È il capo degli incursori della Marina Militare al comando del capitano di fregata Lucio Quinzio Flores.[24] Suo padre è un reduce pluridecorato della Terza Guerra Mondiale. Ha militato nella Gioventù italiana del littorio assieme al fratello Valerio, col quale ha interrotto i rapporti dopo il suo abbandono della divisa.[21] Si offre volontario per la missione segreta per la cattura del terrorista italo-albanese Enver Kucar.[63]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Occidente, p. 7
  2. ^ a b c d Occidente, p. 24
  3. ^ a b Occidente, p. 28
  4. ^ a b c d e f g Occidente, pp. 29-30
  5. ^ a b c d e f g Occidente, pp. 33-37
  6. ^ a b Occidente, pp. 39-41
  7. ^ Occidente, p. 43
  8. ^ a b c d e f g Occidente, pp. 43-46
  9. ^ a b c Occidente, p. 47
  10. ^ Occidente, p. 111
  11. ^ a b Occidente, p. 113
  12. ^ Attacco all'Occidente, p. 63
  13. ^ a b Occidente, p. 89
  14. ^ Occidente, p. 50
  15. ^ Occidente, pp. 51-52
  16. ^ Occidente, pp. 54-56
  17. ^ a b Occidente, pp. 79-80
  18. ^ a b c d e Occidente, p. 8
  19. ^ Attacco all'Occidente, cap. 10
  20. ^ Occidente, p. 67
  21. ^ a b c Occidente, p. 115
  22. ^ a b Occidente, p. 114
  23. ^ Occidente, p. 10
  24. ^ a b c Occidente, pp. 114-115
  25. ^ a b c d e f g h i j Occidente, p. 11
  26. ^ a b c Occidente, p. 19
  27. ^ Occidente, p. 219
  28. ^ Occidente, p. 227
  29. ^ a b Occidente, p. 32
  30. ^ a b Occidente, pp. 38-39
  31. ^ a b Occidente, p. 42
  32. ^ Occidente, p. 289
  33. ^ Occidente, p. 292
  34. ^ Occidente, p. 293
  35. ^ a b c Occidente, p. 79
  36. ^ Occidente, pp. 106-107
  37. ^ Occidente, p. 33
  38. ^ Occidente, p. 31
  39. ^ a b Attacco all'Occidente, pp. 63, 66
  40. ^ Occidente, p. 84
  41. ^ a b Occidente, p. 196
  42. ^ a b Occidente, pp. 228-229
  43. ^ Occidente, pp. 294-295
  44. ^ Occidente, p. 53
  45. ^ a b Occidente, p. 20
  46. ^ Occidente, p. 282
  47. ^ Occidente, p. 90
  48. ^ Nuovo impero d'Occidente, p. 236
  49. ^ Occidente, pp. 9, 11
  50. ^ a b Occidente, p. 187
  51. ^ Occidente, pp. 264-265
  52. ^ Occidente, p. 303
  53. ^ Occidente, p. 54
  54. ^ Occidente, p. 59
  55. ^ Occidente, p. 75
  56. ^ Occidente, pp. 8-9
  57. ^ Occidente, p. 25
  58. ^ Occidente, p. 85
  59. ^ Occidente, pp. 91-93
  60. ^ Occidente, pp. 111-113
  61. ^ Occidente, p. 112
  62. ^ Occidente, p. 10
  63. ^ Occidente, p. 117

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Categoria:Trilogia di Occidente