Utente:Leodrum72/Sandbox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

TRIXI[modifica | modifica wikitesto]

Trixi, anche conosciuto come Tiziano Battaglioli, nasce a Correggio il 9 Dicembre 1963, grande promessa del calcio giovanile deve pero' abbandonare prematuramente la carriera a causa di in grave infortunio subito durante una partita, ma questa e' stata per lui la un' inconsapevole fortuna che gli ha di fatto spalancato le porte della notorieta'.

Personaggio discusso ed apparentemente schivo, Inizia il suo percorso artistico quando nei primissimi anni '90 viene notato da Marco Ligabue e Davide Tavernelli che, intraviste le enormi potenzialita' lo introducono ben presto nel mondo musicale Correggese facendolo entrere stabilmente nel noto gruppo musicale "LITTLE TAVER & HIS CRAZY ALLIGATORS". Qui ha la possibilita' di partecipare a centinaia di concerti in tutto il territorio nazionale ed anche internazionale. talvolta affiancando il conterraneo Luciano Ligabue, nei confronti del quale nasce immediatamente una disputa su chi fosse il cantante numero 2 di Correggio (il numero 1 si sa essere da tempo Little Taver). Artista poliedrico ed estremamente versatile, Battaglioli comincia a prendere coscienza delle sue grandi doti e una volta abbandonata la figura del gregario partecipa attivamente alla realizzazione di 4 album della band nonche' a svariate apparizioni televisive. Per nulla appagato e sempre desideroso di stupire il suo pubblico, decide di intraprendere durante i suoi spettacoli, la strada del trasformismo interpretando con sconcertante naturalezza personaggi storici dell'antico Egitto, di costume Italiano.

Di grande spessore e talento la sua interpretazione del brano "TEQUILA", grande omaggio alla cultura musicale Messicana ma la chiara volonta' di ripercorrere un periodo di declino avuto in gioventu' che quasi ha rischiato di comprometterne la brillante carriera; ebbene il risultato e' una performance straboccante di intensita' e sofferenza, dove con rara maestria riesce a creare quel legame indissolubile con il suo pubblico che raramente si vede durante durante uno spettacolo.