Uragano Florence

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uragano Florence
Uragano categoria 4  (SSHS)
L'uragano Florence vicino al suo picco di forza il 10 settembre 2018, a sud-est delle Bermude.
L'uragano Florence vicino al suo picco di forza il 10 settembre 2018, a sud-est delle Bermude.
Formazione 31 agosto 2018
Dissipazione 19 settembre 2018
Venti
più veloci
140 mph (220 km/h) (sostenuti 1 minuto)
Pressione minima 939 mbar (hPa; 27,74 inHg)
Vittime 53
Danni $45.000 milioni (USD 2018)
Aree colpite Stati Uniti

L'uragano Florence è stato un longevo uragano di tipo capoverdiano di categoria 4 che nel settembre del 2018 si è abbattuto sugli Stati Uniti d'America orientali, riversando fino a 913 mm di pioggia nella località di Elizabethtown, l'ottavo valore più alto mai prodotto da una tempesta tropicale negli Stati Uniti d'America continentali. Florence è stata la sesta tempesta, terzo uragano e primo uragano maggiore della stagione degli uragani atlantici del 2018.

In totale, l'uragano Florence ha causato almeno 45 miliardi di dollari di danni,[1] gran parte dovuti alle storiche inondazioni che hanno interessato la Carolina del Nord e la Carolina del Sud, e ha provocato la morte confermata di 51 persone: 39 in Carolina del Nord, 9 in Carolina del Sud, 3 in Virginia.[2]

Storia della tempesta[modifica | modifica wikitesto]

Mappa dell'intensità dell'uragano Florence lungo il suo percorso.
Hurricane Florence.svg

Il 28 agosto 2018, il National Hurricane Center ha iniziato a monitorare un'onda tropicale posta sopra l'Africa occidentale, in vista di una possibile ciclogenesi tropicale nel corso dei successivi cinque giorni.[3] Il 30 agosto condizioni più favorevoli hanno permesso alla perturbazione di diventare più organizzata e alle 15:00 UTC il National Hurricane Center ha emesso un avviso per un "potenziale ciclone tropicale sei".[4] Alla fine del 31 agosto, mentre si trovava a sud di Capo Verde, la perturbazione è stata classificata come depressione tropicale sei[5] e alle 09:00 UTC del 1 settembre è ufficialmente diventata una tempesta tropicale, ricevendo il nome Florence.[6]

L'uragano Florence dopo il primo picco del 5 settembre.

Il 4 settembre, alle 15:00 UTC, la tempesta è diventata un uragano di categoria 1 sulla scala Saffir-Simpson, mentre si trovava circa 2 000 km a ovest-nordovest di Capo Verde.[7] Inaspettatamente, Florence ha continuato a rafforzarsi molto rapidamente, diventando un uragano di categoria 3 alle 12:35 UTC del 5 settembre,[8] e di categoria 4 alle 21:00 UTC, con venti fino a 215 km/h e un pressione centrale minima di 953 mbar.[9] Questa rapida intensificazione ha portato la tempesta a deviare più a nord,[10] dove un persistente wind sehar verticale ha portato la struttura dell'uragano a degradarsi rapidamente a partire dal 6 settembre,[11] e alle 03:00 UTC del 7 settembre Florence si è indebolita a tempesta tropicale.[12]

Nel corso dell'8 settembre le condizioni ambientali lungo il percorso della tempesta sono diventate sempre più favorevoli,[13] e alle 15:00 UTC del 9 settembre Florence si è nuovamente rafforzata ad uragano di categoria 1, con venti sostenuti di 122 km/h e un occhio chiaramente visibile.[14] Alimentata da temperature superficiali marine di 29-29,5 °C[15] e da un favorevole outflow,[16] Florence si è quindi rapidamente intensificata, diventando, alle 16:00 UTC del 10 settembre, un uragano di categoria 4 con venti sostenuti di 215 km/h e una pressione centrale minima di 946 mbar.[17] Alle 21:00 UTC, l'uragano ha raggiunto il suo picco di intensità, arrivando a sostenere venti di 220 km/h e una pressione centrale minima di 939 mbar.[18] Successivamente, il ciclo di sostituzione dell'eyewall ha portato Florence ad indebolirsi temporaneamente ad una categoria 3,[19] salvo poi rafforzarsi nuovamente ad uragano di categoria 4 verso metà dell'11 settembre.[20] Il 12 settembre Florence ha iniziato ad indebolirsi nuovamente a causa di un moderato wind shear, diventando alle 18:00 UTC un uragano di categoria 3,[21] e poi di categoria 2 alle 03:00 UTC del 13 settembre.[22]

Durante tutto il 13 settembre, le prime piogge e i primi venti con forza da uragano hanno iniziato a colpire le coste della Carolina del Nord, e alle 03:00 UTC del 14 settembre, mentre l'occhio era a circa 95 km dalla città di Wilmington, Florence è stata declassata ad uragano di categoria 1.[23] Poco dopo, alle 11:15 UTC, l'uragano è approdato sulle coste della Carolina del Nord, nei pressi di Wrightsville Beach, con venti sostenuti di 150 km/h e una pressione centrale minima di 958 mbar.[24] Dopo l'approdo, Florence ha continuato a muoversi molto lentamente verso ovest-sudovest riversando piogge torrenziali sulle Caroline e indebolendosi prima a tempesta tropicale alle 21:00 UTC del 14 settembre[25] e poi a depressione alle 09:00 UTC del 16 settembre.[26] Il 17 settembre la depressione ha iniziato ad accelerare verso nord-est, disgregandosi sopra la Virginia Occidentale alle 21:00 UTC.[27] Il 18 settembre i resti della tempesta si sono mossi a largo della costa del New England[28] e il giorno dopo sono stati assorbiti da un fronte meteorologico posto sopra l'Atlantico settentrionale.[29]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente Trump durante una riunione sull'uragano Florence.

Il 7 settembre 2018, in seguito alle numerose previsioni che indicavano una crescente minaccia per gli Stati Uniti sud-orientali, il governatore della Carolina del Nord Roy Cooper ha dichiarato lo stato di emergenza,[30] seguito poi dai governatori della Carolina del Sud Henry McMaster[31] e della Virginia Ralph Northam l'8 settembre,[32] del Maryland Larry Hogan il 10 settembre,[33] e della Georgia Nathan Deal il 12 settembre.[34] L'11 settembre anche il sindaco di Washington Muriel Bowser ha dichiarato lo stato di emergenza per tutto il distretto.[35] Inoltre, nelle città di Aynor, Bennettsville, Conway, Darlington, Myrtle Beach, Surfside Beach, Lumberton e nella totalità delle contee di Dillon, Horry e Marion, le autorità locali hanno imposto un coprifuoco, con l'obiettivo di limitare il numero di persone sulle strade e rendere più efficienti le attività di emergenza.[36]

La South Carolina National Guard mentre prepara i piani d'emergenza.

In Carolina del Sud, il 10 settembre, il governatore Henry McMaster ha emesso un ordine di evacuazione obbligatoria per l'intera costa, abitata da circa un milione di persone.[37] Lo stesso giorno, in 26 delle 46 contee dello stato, le scuole pubbliche e gli uffici statali sono stati chiusi fino a nuovo ordine.[38] In Carolina del Nord, evacuazioni obbligatorie sono state invece avviate l'11 settembre per le contee di Brunswick, Carteret, Craven, Onslow, Pamlico e Tyrrell, e per le località di Ocracoke Island, Kure Beach, Wrightsville Beach e Currituck.[39] Evacuazioni volontarie sono state invece emesse per le contee di Bertie[39] e New Hanover.[40] L'University of North Carolina at Wilmington ha sospeso le lezioni ed evacuato tutti gli studenti la mattina dell'11 settembre,[41] così come hanno fatto l'Università statale della Carolina del Nord e l'East Carolina University.[42]

In Virginia, evacuazioni obbligatorie sono state emesse per le aree più basse delle Hampton Roads e dell'Eastern Shore, abitate da 245 mila persone;[43] mentre la United States Navy ha spostato 30 navi, normalmente poste al largo della costa della Virginia, in mare aperto, per proteggerle dalla tempesta.[44] L'Atlanta Motor Speedway,[45] il Bristol Motor Speedway[46] e il Charlotte Motor Speedway hanno aperto gratuitamente le loro aree campeggio agli sfollati,[47] mentre all'interno dei parchi statali della Virginia Occidentale sono state offerte tariffe ridotte per camere, cabine e campeggi fino al 18 settembre.[48]

Impatto[modifica | modifica wikitesto]

Carolina del Nord[modifica | modifica wikitesto]

Carolina del Sud[modifica | modifica wikitesto]

Altri stati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michelle Krupa, Hurricane Florence's toll on US homes and businesses has now hit 11 figures, su cnn.com, 7 ottobre 2018. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  2. ^ (EN) Gabriella Borter, Hurricane Florence death toll rises to 51, su reuters.com, 2 ottobre 2018. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) Tropical Weather Outlook (TXT), su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 28 agosto 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  4. ^ (EN) Potential Tropical Cyclone Six Discussion Number 1, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 30 agosto 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Tropical Depression Six Discussion Number 6, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 31 agosto 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  6. ^ (EN) Tropical Storm Florence Discussion Number 8, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 1º settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  7. ^ (EN) Hurricane Florence Advisory Number 21, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 4 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  8. ^ (EN) Hurricane Florence Tropical Cyclone Update, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 5 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  9. ^ (EN) Hurricane Florence Advisory Number 26, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 5 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  10. ^ (EN) nhc.noaa.gov, National Hurricane Center.
  11. ^ (EN) Hurricane Florence Discussion Number 29, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 6 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  12. ^ (EN) Tropical Storm Florence Discussion Number 31, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 6 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  13. ^ (EN) Tropical Storm Florence Discussion Number 38, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 8 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  14. ^ (EN) Hurricane Florence Discussion Number 41, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 9 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  15. ^ (EN) Hurricane Florence Discussion Number 43, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 9 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  16. ^ (EN) Hurricane Florence Discussion Number 44, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 10 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  17. ^ (EN) Hurricane Florence Tropical Cyclone Update, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 10 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  18. ^ (EN) Hurricane Florence Advisory Number 46, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 10 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  19. ^ (EN) Hurricane Florence Advisory Number 47, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 10 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  20. ^ (EN) Hurricane Florence Advisory Number 49, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 11 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  21. ^ (EN) Hurricane Florence Intermediate Advisory Number 53A, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 12 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  22. ^ (EN) Hurricane Florence Advisory Number 55, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 12 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  23. ^ (EN) Hurricane Florence Advisory Number 59, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 13 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  24. ^ (EN) Hurricane Florence Tropical Cyclone Update, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 14 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  25. ^ (EN) Tropical Storm Florence Advisory Number 62, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 14 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  26. ^ (EN) Tropical Depression Florence Advisory Number 68, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 16 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  27. ^ (EN) Post-Tropical Cyclone Florence Advisory Number 74, su nhc.noaa.gov, National Hurricane Center, 17 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  28. ^ (EN) WPC surface analysis valid for 09/18/2018 at 21 UTC, su wpc.ncep.noaa.gov, Weather Prediction Center, 18 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  29. ^ (EN) WPC surface analysis valid for 09/19/2018 at 12 UTC, su wpc.ncep.noaa.gov, Weather Prediction Center, 19 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  30. ^ (EN) The Latest: Storm Prompts North Carolina State of Emergency, su nytimes.com, 7 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  31. ^ (EN) South Carolina Governor Declares State of Emergency as Officials Expect Tropical Storm Florence to Strengthen, su time.com, 8 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  32. ^ (EN) State of emergency declared in Virginia in advance of tropical storm, su washingtonpost.com, 8 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  33. ^ (EN) Maryland Gov. Declares State Of Emergency Ahead Of Hurricane Florence, su baltimore.cbslocal.com, 10 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  34. ^ (EN) Governor issues state of emergency for Georgia ahead of Hurricane Florence, su atlantaintownpaper.com, 12 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  35. ^ (EN) Mayor Bowser Declares State of Emergency Ahead of Hurricane Florence, su mayor.dc.gov, 11 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  36. ^ (EN) Curfews in effect for several counties ahead of Hurricane Florence, su wpde.com, 13 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  37. ^ (EN) Gov. McMaster orders evacuation of SC coast ahead of Hurricane Florence, su thestate.com, 10 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  38. ^ (EN) McMaster orders schools across SC to close Tuesday as Florence approaches, su thestate.com, 10 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  39. ^ a b (EN) Hurricane Florence evacuation zone: Mandatory orders issued ahead of storm, su abc11.com, 12 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  40. ^ (EN) Evacuations Recommended, County Shelter to Open, su emergency.nhcgov.com, 10 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  41. ^ (EN) UNC-Wilmington issues mandatory evacuation order beginning Monday, su wsoctv.com, 10 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  42. ^ (EN) Universities cancel classes, sporting events ahead of Hurricane Florence, su abc11.com, 11 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  43. ^ (EN) Virginia Governor Orders Mandatory Evacuation for Some of Virginia, Including Parts of the Eastern Shore, su wboc.com, 10 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  44. ^ (EN) Update: US Navy orders 30 ships to leave Hampton Roads ahead of Florence, su navaltoday.com, 11 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  45. ^ (EN) Hurricane Florence: Atlanta Motor Speedway campground open to evacuees, su ajc.com, 11 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  46. ^ (EN) BMS opens campground to Hurricane Florence evacuees, su bristolmotorspeedway.com, 11 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  47. ^ (EN) Charlotte Motor Speedway Welcomes Evacuees from Hurricane Florence, su charlottemotorspeedway.com, 11 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  48. ^ (EN) Justice suspends Turnpike work, lowers state park prices as part of Florence response, su dominionpost.com, 12 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]