Upcycling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lattine di cibo riciclate in uno sgabello

L'upcycling, noto anche come riutilizzo creativo, è il processo di trasformazione di materiali di scarto, prodotti inutili o indesiderati in nuovi oggetti percepiti come di maggiore qualità, a cui viene attribuito un valore artistico o ambientale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'upcycling è l'opposto del downcycling, che è la prassi più comune del processo di riciclaggio. Il downcycling implica la conversione di materiali e prodotti in nuovi materiali, il più delle volte di qualità inferiore. La maggior parte del riciclaggio comporta la conversione o l'estrazione di materiali utili da un prodotto e la creazione di un prodotto o materiale diverso.[1][2]

Questo tagliere riciclato è stato realizzato con assi del pavimento di un vagone merci prelevate da un deposito ferroviario.

I termini upcycling e downcycling furono usati per la prima volta da Thornton Kay in un articolo del 1994 su SalvoNEWS, che citava Reiner Pilz.[3]

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

Upsizing era il titolo dell'edizione tedesca di un libro sull'upcycling pubblicato per la prima volta in inglese nel 1998 da Gunter Pauli.[4] Successivamente è stato pubblicato con il titolo rivisto di Upcycling, nel 1999. L'edizione tedesca è stata adattata alla lingua e alla cultura tedesca da Johannes F. Hartkemeyer, allora Direttore della Volkshochschule di Osnabrück.

Il concetto è stato successivamente ripreso da William McDonough e Michael Braungart nel loro libro del 2002 Cradle to Cradle: Remaking the Way We Make Things.[5] Gli autori del libro affermano che l'obiettivo dell'upcycling è prevenire lo spreco di materiali potenzialmente utili utilizzando quelli esistenti. In questo modo si riduce il consumo di materie prime durante la creazione di nuovi prodotti. La riduzione dell'uso di materie prime può comportare una riduzione del consumo di energia, dell'inquinamento dell'aria, dell'acqua e persino delle emissioni di gas serra.

Passerella sostenuta da un'ex pala di una turbina eolica a Szprotawa

Diffusione della pratica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, Belinda Smith di Reuters ha scritto che l'upcycling era aumentato nei paesi ricchi, ma ha osservato che l'upcycling era una necessità in quelli più poveri:

I sostenitori della pratica ecologica dell'upcycling affermano che le persone nei paesi in via di sviluppo hanno effettivamente effettuato l'upcycling per anni, utilizzando vecchi imballaggi e vestiti in modi nuovi, sebbene più per necessità che per l'ambiente. Ma l'upcycling sta ora prendendo piede in altri paesi, riflettendo un crescente interesse per i prodotti eco-compatibili, in particolare quelli che hanno un prezzo accessibile e si rivelano redditizi per i produttori. "Se l'upcycling diventerà maintream, allora il mondo aziendale deve riconoscere che può essere redditizio", ha affermato Albe Zakes, portavoce della società statunitense TerraCycle, specializzata nella ricerca di nuovi usi per gli imballaggi di scarto. Un numero crescente di aziende si sta concentrando sull'upcycling, sebbene la tendenza sia ancora agli inizi, con cifre a livello di settore ancora da produrre.[6]

L'upcycling ha mostrato una crescita significativa negli Stati Uniti e nel mondo. Ad esempio, il numero di prodotti su Etsy, Pinterest o Upcycle Studio contrassegnati con la parola "upcycled" è aumentato da circa 7.900 nel gennaio 2010 a quasi 30.000 un anno dopo.[7]

Upcycling e downcycling[modifica | modifica wikitesto]

Il downcycling dei materiali si verifica quando non è possibile o antieconomico riportare i materiali alla loro qualità originale, ad esempio quando le leghe di alluminio lavorato vengono fuse per produrre leghe di colata di qualità inferiore.[8] L'upcycling dei materiali, in senso termodinamico, è possibile solo se viene aggiunta ancora più energia per migliorare la qualità del materiale.[8] Due domande guida da porsi quando si valuta il recupero di materiali o prodotti di scarto sono: quanta energia è necessaria per ripristinare il materiale recuperato nel materiale o prodotto desiderato? Come si confronta questa quantità con l'ottenimento del materiale o prodotto desiderato da materia vergine o fonti primarie? In alcuni casi è necessaria poca energia per riutilizzare un prodotto di scarto, ad esempio con gli abiti di seconda mano. In altri casi, l'energia necessaria per recuperare i materiali è superiore all'energia necessaria per lavorare la materia vergine.[8]

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Arte[modifica | modifica wikitesto]

watts towers foto d'insieme
Le Watts Towers a Los Angeles, California (USA)

La tradizione di riutilizzare oggetti trovati (objet trouvé) nell'arte tradizionale è aumentata sporadicamente nel XX secolo, sebbene sia stata a lungo un mezzo di produzione nell'arte popolare. Watts Towers (1921–1954) di Simon Rodia a Los Angeles esemplifica l'upcycling di rottami metallici, ceramiche e vetri rotti su larga scala. Si compone di 17 strutture, la più alta raggiunge oltre 30 metri nello skyline di Watts.[9] Bruce Conner è un altro esempio di artista riconosciuto che ha fatto degli oggetti ritrovati un elemento della sua poetica.[10]

Intellettualmente, l'upcycling ha una certa somiglianza con l'arte ready-made di Marcel Duchamp e dei dadaisti. La "Ruota di bicicletta " di Duchamp (1913), una ruota anteriore e una forcella attaccate a uno sgabello comune, è tra le prime di queste opere, mentre " Fontana " (1917), un orinatoio comune acquistato in un negozio di ferramenta, è probabilmente il suo migliore. lavoro conosciuto. La "Testa di toro " di Pablo Picasso (1942), una scultura realizzata con una sella e un manubrio di bicicletta scartati, è un cenno sornione del pittore spagnolo ai dadaisti.[11] L'artista Joseph Cornell ha fabbricato per anni collage e opere di assemblaggio in scatola da libri antichi, oggetti trovati ed effimeri. Robert Rauschenberg ha raccolto spazzatura e oggetti in disuso, prima in Marocco e poi per le strade di New York, da incorporare nelle sue opere d'arte.

Un giocattolo del monte Hebron meridionale, in prestito al Museo d'Israele da una collezione privata

L'idea di aumentare consapevolmente il valore intrinseco degli oggetti riciclati come una dichiarazione politica, tuttavia, piuttosto che presentare gli oggetti riciclati come un riflesso o un risultato dei mezzi di produzione, è in gran parte un concetto della fine del XX secolo. Romuald Hazoumé, un artista del Bénin dell'Africa occidentale, è stato premiato nel 2007 per il suo uso di benzina di plastica e taniche di carburante scartate per assomigliare alle maschere tradizionali africane a Documenta 12 a Kassel, in Germania. Hazoumé ha detto di queste opere: "Rinvio all'Occidente ciò che appartiene a loro, vale a dire i rifiuti della società dei consumi che ci invade ogni giorno".[12]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio importante è l'Orchestra Riciclata di Cateura in Paraguay . Gli strumenti dell'orchestra sono realizzati con materiali prelevati dalla discarica di Asunción, il cui nome deriva dalla laguna di Cateura della zona. Una parte limitata della sua vera storia è narrata nel film Landfill Harmonic .[13][14]

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Molti prodotti industriali, come la plastica, la vernice e la fabbricazione elettronica, si basano sul consumo di risorse limitate .[15][16][17] Inoltre, i rifiuti possono avere un impatto ambientale e possono incidere sulla salute umana.[15] In questo contesto, il termine upcycling si riferisce all'uso delle tecnologie disponibili e future per ridurre gli sprechi e il consumo di risorse creando un prodotto con un valore maggiore dai flussi di rifiuti o sottoprodotti.

Nell'elettronica di consumo, il processo di rifabbricazione o ricondizionamento di prodotti di seconda mano può essere visto come un processo di upcycling, grazie ridotto consumo di energia e materiale rispetto alla nuova produzione. Il prodotto rigenerato ha un valore maggiore rispetto allo smaltimento o al downcycling.[18] L'uso del grano esaurito di Brewer, un prodotto di scarto dei processi di produzione della birra, come substrato nei processi di produzione del biogas elimina la necessità di smaltimento e può generare profitti significativi per l'intero processo di produzione della birra. A seconda del prezzo del supporto, è possibile un profitto di circa il 20% dei costi operativi. In questo processo, l'impianto di biogas funge da "upcycler".[15]

Moda[modifica | modifica wikitesto]

I designer hanno iniziato a utilizzare sia gli scarti tessili industriali che gli indumenti esistenti come materiale di base per creare nuovi abiti. L'upcycling utilizza rifiuti pre-consumo o post-consumo, ma anche una combinazione dei due. I rifiuti pre-consumo derivano dalla produzione in fabbrica, come i resti di tessuto rimasti dal taglio dei modelli. I rifiuti post-consumo si riferiscono al prodotto finito quando non è più utile al proprietario, come i vestiti dismessi.[19]

Spesso le persone praticano l'economia lineare dove si accontentano di comprare, usare e poi buttare via. Questo sistema contribuisce allo smaltimento di milioni di chili di rifiuti tessili. Sebbene la maggior parte dei tessuti prodotti sia riciclabile, solo negli Stati Uniti circa l'85% finisce nelle discariche.[20] Per una maggiore sostenibilità, sono necessarie opzioni di abbigliamento opposte all'atteggiamento "usa e getta" incoraggiato dal fast fashion. L'upcycling può aiutare in questo, poiché mette in pratica un modello di economia più circolare. Un'economia circolare è il luogo in cui le risorse vengono utilizzate il più a lungo possibile, ottenendo il massimo valore da esse durante l'uso, quindi ripristinate e riutilizzate al termine del loro utilizzo.[21]

Designer come Marine Serre[22] e Demna Gvasalia[23] hanno incluso progetti di upcycling nelle loro creazioni.[1][24]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Condé Nast, Riciclo creativo: i progetti moda più nuovi da seguire, su Vanity Fair Italia, 30 aprile 2021. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  2. ^ Upcycling: cos'è e come si fa. Esempi pratici e consigli fai da te., su Tuttogreen, 13 giugno 2021. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  3. ^ Thornton Kay, Salvo in Germany - Reiner Pilz, p14 SalvoNEWS No99 11 October 1994
  4. ^ Gunter Pauli, UpCycling wirtschaften nach dem Vorbild der Natur für mehr Arbeitsplätze und eine saubere Umwelt, Orig.-Ausg., 1. Aufl, 1999, ISBN 978-3-570-50006-4, OCLC 76036635. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  5. ^ Michael Braungart, Cradle to cradle : remaking the way we make things, 1st ed, North Point Press, 2002, ISBN 0-86547-587-3, OCLC 47623923. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  6. ^ (EN) Trash or treasure? Upcycling becomes growing green trend, in Reuters, 30 settembre 2009. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  7. ^ (EN) Jennifer Wang, Upcycling Becomes a Treasure Trove for Green Business Ideas, su Entrepreneur. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  8. ^ a b c Jonathan Cullen, Circular Economy: Theoretical Benchmark or Perpetual Motion Machine?, in Journal of Industrial Ecology, vol. 21, n. 3, 2017, pp. 483–486, DOI:10.1111/jiec.12599.
  9. ^ (EN) Watts Towers | towers, Los Angeles, California, United States | Britannica, su britannica.com. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  10. ^ Bruce Conner e l’arte degli oggetti trovati, su La Stampa, 12 agosto 2016. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  11. ^ Gibson, Eric, "A Magical Metamorphosis of the Ordinary", The Wall Street Journal, April 16, 2011.
  12. ^ Romuald Hazoumè - The Jean Pigozzi Collection of African Art 2022, su CAACART - The Jean Pigozzi Collection of African Art. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  13. ^ Anastasia Tsioulcas, From Trash To Triumph: The Recycled Orchestra, in NPR, Washington, D. C., 14 settembre 2016. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  14. ^ (EN) The Recycled Orchestra: making music on a landfill site, su Classic FM. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  15. ^ a b c Martin, M. and Parsapour, A. 2012. "Upcycling wastes with biogas production: An exergy and economic analysis". Venice 2012: International Symposium on Energy from Biomass and Waste (2012).
  16. ^ Zhuo, C. and Levendis, Y. A. 2014. "Upcycling waste plastics into carbon nanomaterials: A review". Journal of Applied Polymer Science. 131, 4 (2014)
  17. ^ (EN) About Up Paint™ Upcycled Eco-Friendly Paint Products, su Up Paint. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  18. ^ Steinhilper, R. and Hieber, M. 2001. "Remanufacturing-the key solution for transforming downcycling into upcycling of electronics". Electronics and the Environment, 2001. Proceedings of the 2001 IEEE International Symposium on (2001), 161–166.
  19. ^ Upcycling: The New Wave of Sustainable Fashion, su triplepundit.com. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  20. ^ (EN) Sabine Weber, Jennifer Lynes e Steven B. Young, Fashion interest as a driver for consumer textile waste management: reuse, recycle or disposal, in International Journal of Consumer Studies, vol. 41, n. 2, 2017, pp. 207–215, DOI:10.1111/ijcs.12328. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  21. ^ Claudia E. Henninger (a cura di), Sustainability in Fashion, 2017, DOI:10.1007/978-3-319-51253-2, ISBN 978-3-319-51252-5.
  22. ^ (FR) Marine Serre : portrait d'une designer qui met en avant l'upcycling, su Trente Trois Degrés : Le média de toute une génération, 5 marzo 2020. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  23. ^ (FR) Printemps 2021 : La collection Balenciaga plus durable, su WA_OFF, 9 ottobre 2020. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  24. ^ Alexis Paparo, L'upcycling non è solo una moda: il riciclo creativo di abiti e accessori, su Il Sole 24 ORE, 23 dicembre 2020. URL consultato il 17 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]