Uno scoiattolo vagabondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uno scoiattolo vagabondo
Uno scoiattolo vagabondo 1951 Лесные путешественники.png
I tre cuccioli e la mamma in una scena del film.
Titolo originaleЛесные путешественники (Lesnye putešestvenniki)
Lingua originalerusso
Paese di produzioneUnione Sovietica
Anno1951
Durata20 min
Genereanimazione
RegiaMstislav Paščenko
SceneggiaturaVera Čaplina, Georgij Skrebickij
Casa di produzioneSojuzmul'tfil'm
Distribuzione in italianoAlfadedis Entertainment
FotografiaMichail Drujan
MusicheKarėn Chačaturjan
Art directorEvgenij Migunov
AnimatoriMichail Botov, Fëdor Chitruk e altri
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Uno scoiattolo vagabondo (in russo: Лесные путешественники?, traslitterato: Lesnye putešestvenniki) è un film d'animazione sovietico del 1951 realizzato presso lo studio di animazione Sojuzmul'tfil'm.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella foresta dove vivono tre scoiattoli e la loro mamma non c'è più cibo. Non ci sono più funghi, bacche e pigne, così la mamma decide di cercare un'altra foresta dove vivere ma essendosi ferita la zampa per salvare le vite dei suoi tre cuccioli da un furetto, ci pensa uno di loro, Scatty, ad andare in avanscoperta. Durante il tragitto si avventura in una diga e fa amicizia con dei castori che lo avevano salvato dall'annegamento. In seguito arriva nella foresta desiderata e trova un albero in cui trasferirsi con i due fratelli e la mamma. Ritornato indietro per guidare la sua famiglia a destinazione, si imbatte nuovamente nel furetto, che cade da un albero colpito da un fulmine. I quattro scoiattoli giungono infine nella loro nuova sistemazione contenti di vivere in una foresta ricca di cibo.

Distribuzione italiana[modifica | modifica wikitesto]

La videocassetta VHS del film venne distribuita in Italia dalla Alfadedis Entertainment nel marzo 1998 con all'interno altri due film d'animazione: Il brutto anatroccolo e L'incantesimo dello gnomo.

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana fu a cura della SEDIF.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]