Università telematica "Italian University Line"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Università telematica "Italian University Line"
LOGO IUL RGB SETT 2016.png
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàFirenze
Dati generali
SoprannomeIUL
MottoL'università online per la società che cambia
Fondazione2005
TipoPrivata
FacoltàScienze della formazione
RettoreAlessandro Mariani
PresidenteFlaminio Galli
Studenti226
Sito web

L'università telematica Italian University Line (IUL) è un'università telematica italiana, non statale, con sede a Firenze e riconosciuta dal MIUR con decreto ministeriale del 2 dicembre 2005[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ateneo è promosso dal consorzio IUL, composto dall'istituto nazionale di documentazione innovazione e ricerca educativa e dall'università degli studi di Firenze; inizialmente[Quando esattamente?] il consorzio annoverava tra i soci fondatori anche l'Università degli Studi di Catania, l'Università telematica "Leonardo da Vinci", l'Università degli Studi di Macerata[2], l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, l'Università degli Studi di Palermo, l'università LUMSA di Roma e De Agostini Scuola[3][4].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La sede legale dell'ente è a Firenze, in via Buonarroti, mentre ulteriori sedi d'esame sono disponibili in molteplici località della penisola, presso l'università degli Studi di Firenze, i nuclei territoriali dell'istituto nazionale di documentazione innovazione e ricerca educativa gli uffici convenzionati e i poli tecnologici[5].

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Flaminio Galli (dal 2014)

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Mariani (dal 2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, decreto 2 dicembre 2005, su gazzettaufficiale.it. URL consultato il 4 marzo 2005.
  2. ^ Università di Macerata - Consorzio Italian University line (IUL) – recesso (PDF), su unimc.it. URL consultato il 12 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  3. ^ verbale dell'Assemblea ordinaria del Consorzio IUL - 25 ottobre 2006 - Punto 2
  4. ^ Verifica dei risultati conseguiti dall'Università Telematica non statale ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL al termine del quinto anno di attività (PDF), su anvur.org. URL consultato il 12 marzo 2015.
  5. ^ Sedi e contatti, su iuline.it. URL consultato il 14 novembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale