Università della Ruhr a Bochum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ruhr-Universität Bochum
Ruhr-Universität Bochum logo.svg
Ubicazione
Stato Germania Germania
Città Bochum
Dati generali
Fondazione 1962
Tipo pubblica
Rettore Axel Schölmerich
Studenti 43 004
Dipendenti 5 200
Affiliazioni UAMR - University Alliance Metropolis Ruhr, DAAD, DFG, Utrecht Network
Mappa di localizzazione
Sito web
L'aula magna Audimax
Il giardino cinese all'interno del giardino botanico
Graffito nei pressi dell'entrata principale dell'Università della Ruhr ispirato a luoghi italiani degradati, davanti al graffito è presente una postazione di condivisione di biciclette

L'Università della Ruhr a Bochum (in tedesco Ruhr-Universität Bochum, abbreviato RUB) è la prima nuova università pubblica creata in Germania dopo la seconda guerra mondiale. Fondata nel 1962 e situata nella zona della Ruhr ha istituito il primo corso nel 1965.

Punti di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Facoltà[modifica | modifica wikitesto]

L'università è organizzata in venti differenti facoltà.

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963–1965: Hans Wenke
  • 1965–1967: Heinrich Greeven
  • 1967–1969: Kurt Biedenkopf
  • 1969–1972: Hans Faillard
  • 1972–1973: Siegfried Grosse
  • 1973–1975: Günter Ewald
  • 1975–1979: Peter Meyer-Dohm
  • 1979–1989: Knut Ipsen
  • 1989–1993: Wolfgang Maßberg
  • 1994–1998: Manfred Bormann
  • 1998–2002: Dietmar Petzina
  • 2002–2006: Gerhard Wagner
  • 2006-2015: Elmar Weiler
  • dal 2015: Axel Schölmerich

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hans Stallmann, Euphorische Jahre. Gründung und Aufbau der Ruhr-Universität Bochum, Essen, Klartext-Verlag, 2004. ISBN 3-89861-318-6
  • Wilhelm Bleek, Wolfhard Weber, Schöne neue Hochschulwelt. Idee und Wirklichkeit der Ruhr-Universität Bochum, Essen, Klartext-Verlag, 2003, ISBN 3-89861-202-3
  • Alexandra von Cube, Die Ruhr-Universität Bochum: Eine Kunsthistorische Untersuchung, Bochum, Universitätsverlag N. Brockmeyer, 1992. ISBN 3-8196-0002-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN133248582 · ISNI: (EN0000 0001 2286 860X · LCCN: (ENn79094572 · GND: (DE7409-3 · BNF: (FRcb11867082s (data)