Università Cattolica Giovanni Paolo II di Lublino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Katolicki Uniwersytet Lubelski Jana Pawła II
LogoKUL.png
Katolicki Uniwersytet Lubelski 1.jpg
L'entrata principale
Ubicazione
Stato Polonia Polonia
Città Lublino
Altre sedi Tomaszów Lubelski, Stalowa Wola
Dati generali
Nome latino Universitas Catholica Lublinensis Ioannis Pauli II
Motto Deo et Patriae
Fondazione 1918
Tipo privata
Rettore Antoni Dębiński
Studenti 12 247[1] (2015)
Affiliazioni EUA, Socrates-Erasmus
Sport Azs KUL[2]
Mappa di localizzazione
Sito web

L'Università Cattolica Giovanni Paolo II di Lublino (in polacco Katolicki Uniwersytet Lubelski Jana Pawła II, anche nota come KUL) è un'università cattolica con sede a Lublino, in Polonia.

L'attuale rettore Antoni Dębiński
Parte dello stabilimento dell'università

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Padre Idzi Radziszewski fondò l'università nel 1918. Vladimir Lenin permise al prete di prendere possesso della libreria e delle attrezzature dell'Accademia teologica cattolica Imperiale romana di San Pietroburgo dopo la sua chiusura durante la rivoluzione d'ottobre, affinché aprisse l'Università in Polonia appena avesse riconquistato l'indipendenza.[3]

Lo scopo dell'università era quello di offrire una moderna educazione universitaria conducendo ricerche scientifiche nello spirito di armonia tra scienza e fede. L'università cercava di produrre una nuova classe politica cattolica che avrebbe assunto un ruolo leader nella società polacca.

Il numero degli studenti crebbe da 399 nel 1918-19 a 1440 nel 1937-38, questa crescita fu interrotta dallo scoppio della seconda guerra mondiale e dall'occupazione nazista della Polonia.Tra tutte le università presenti nei territori occupati dai nazisti, l'università di Lublino fu l'unica a continuare i lavori nell'ottobre 1939. Il 23 novembre 1939 i nazisti giustiziarono diversi accademici tra i quali i professori Michał Niechaj e Czesław Martyniak.[4]

L'università fu chiusa e i suoi stabilimenti convertiti in un ospedale militare[5], ciò nonostante, l'università continuò le sue attività in segreto. Dopo l'invasione di Lublino dell'Armata Rossa nel luglio del 44, l'università riaprì il 21 agosto 1944.

Da allora l'università ha funzionato senza interruzione e rimase aperta durante gli anni del regime comunista che governò la Polonia dal 1945 al 1989, purtroppo alcune facoltà non ebbero lo stesso destino. Le facoltà di legge,scienze sociali e scienze dell'educazione vennero chiuse tra il 1953 e il 1956.[3]

Fu l'unica università indipendente e cattolica esistente nell'intero blocco sovietico, dato che tutti i governi comunisti pretendevano di avere un totale monopolio sulle istituzioni scolastiche, il mantenimento dell'indipendenza fu un un grande risultato.

L'università fu spesso presa di mira dalle autorità comuniste, specialmente tra gli anni 50 e il 60, le facoltà furono spesso messe sotto sorveglianza dalla polizia segreta. Periodicamente ad alcune di loro veniva tolto il diritto di rilasciare lauree, limitando le prospettive lavorative dei suoi laureati.

Nonostante le difficoltà l'indipendenza dell'università fu mantenuta e non adottò mai i dogmi marxisti che invece furono insegnati in tutte le università pubbliche, la KUL fu spesso rifugio degli studenti espulsi dalle altre università per ragioni politiche.

Dopo la caduta del comunismo in Polonia nel 1989 l'università ha quadruplicato i suoi iscritti e ingrandito i suoi campus.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

  • Facoltà di teologia
  • Facoltà di diritto, diritto canonico e amministrazione
  • Facoltà di filosofia
  • Facoltà di scienze umane
  • Facoltà di scienze sociali
  • Facoltà di biologia e scienze ambientali
  • Facoltà di scienze giuridiche ed economiche
  • Facoltà di scienze sociali
  • Facoltà di diritto e scienze economiche
  • Collegio degli studi interculturali delle scienze umane
  • Istituto di lessicografia
l'ex presidente Kaczyński alla cerimonia di apertura

Professori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Il cortile interno

Dottori honoris causa[6][modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "numero studenti 2015"
  2. ^ "squadra sportiva"
  3. ^ a b Weigel, George (2001). Witness of Hope – The Biography of Pope John Paul II. HarperCollins.
  4. ^ Adam Redzik. "Polish Universities During the Second World War". Encuentros de Historia Comparada Hispano-Polaca Conference. 2004.
  5. ^ R. Sikorski, L. Kowieski. "Reception and Assimilation of Innovative Medical Ideas in Poland in the 19th and early 20th Centuries". Clinical Teaching, Past and Present. Vol. 21. No. 1/4. 1987-88, pg. 101.
  6. ^ "Elenco Dottori Honoris Causa"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN137956015 · ISNI: (EN0000 0001 0664 8391 · BNF: (FRcb11877086c (data)