Unione Sportiva Dilettantistica Città di Fasano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Unione Sportiva Fasano)
Jump to navigation Jump to search
US Città di Fasano
Calcio Football pictogram.svg
Logo us città di fasano.jpg
Biancoazzurri, il Faso
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px vertical Blue HEX-0000FF White.svg Bianco-Azzurro
Inno Vinci per Noi
Dati societari
Città Fasano
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1949
Rifondazione1964
Rifondazione2002
Rifondazione2012
Presidente Italia Franco D'Amico
Allenatore Italia Giuseppe Laterza[1]
Stadio Vito Curlo
(4.900 posti)
Sito web www.usfasano.it
Palmarès
Trofei nazionali
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva Città di Fasano meglio nota come Fasano, è una società calcistica italiana con sede nella città di Fasano. Dal 2018-19 milita nel campionato di Serie D.

I colori sociali del club sono il bianco e l'azzurro mentre il suo simbolo è rappresentato dal faso, un colombo selvatico simbolo della città di Fasano. I soprannomi più noti del club, sono il Faso e i Biancazzurri. Disputa le partite interne presso lo Stadio Vito Curlo (4.900 posti).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli albori dell'US Fasano[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Sportiva Fasano nasce nel 1964[2]. Nonostante Fasano fosse dotata di un campo di calcio sin dal 1933, non vi era ancora una società calcistica in città: infatti era utilizzato solo da formazioni sportive militari[2].

Nell'immediato dopoguerra, Fasano così come tutta la nazione comincia la propria ricostruzione, dopo un periodo così buio si vuol tornare a divertirsi. Gli amanti del pallone decidono di costituire una società calcistica, così come già fatto dalle cittadine limitrofe. Associazione Sportiva Fasano è il nome dato nel 1949 alla società che adotta il biancoazzurro come colore sociale. Azzurro, come il colore del gonfalone civico, bianco come il faso, il grosso colombo selvatico, simbolo della città[2]. La società svolge attività fino al 1954, quando viene liquidata. L'attività calcistica fasanese diventa così episodica e legata per lo più a tornei amatoriali per dieci anni. Nel 1964 si costituiscono in città tre società: L'Unione Sportiva Fasano, l'ASSI Avanti e l'Inter Club; queste ultime due confluiranno nell'U.S. Fasano nel 1966.

Le tappe della crescita dell'U.S. Fasano sono: promozione in Seconda Categoria al primo anno di attività (1964), promozione in Prima Categoria nel 1968, promozione in Serie D nel 1972. La società vive il suo periodo d'oro fra la fine degli anni ottanta e i primi anni duemila: la stagione 1987-88 è il primo importante traguardo del calcio fasanese che approda in serie C2 dopo un campionato dominato e segnato dall'esplosione di Vittorio Insanguine, capocannoniere dell'intera categoria (25 gol). A partire dal 1988, disputa nove stagioni in Serie C2, caratterizzate da due retrocessioni nel 1990-91 e nel 1995-96 (sfortunato il play-out contro il Bisceglie) e promozioni subito dopo, primo posto nel CND 1992-93 con zero sconfitte e un altro primo posto nel CND 1998-99. I due quinti posti nel 1993-94 e nel 1999-2000 sono i risultati migliori in Serie C2: in quest'ultima stagione perde la semifinale dei play-off contro L'Aquila.[2]

Il fallimento e l'AS Fasano Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La Curva Sud in occasione dell'ultima partita del campionato di Eccellenza 2006-07 contro il Bisceglie

Dopo la rinuncia alla Serie C2 e il conseguente il fallimento, nell'estate 2002 viene fondata l'Associazione Sportiva Calcio Fasano (inizialmente con la denominazione "Biesse Calcio Fasano" fino al 2003) che riparte dall'Eccellenza[2]. Le prime tre stagioni nella categoria si concludono con buoni piazzamenti ma è solo nella stagione 2005-06 che si sfiora la promozione in serie D: i play-off sono sfortunati e i bianco-azzurri devono arrendersi ai siciliani dell'Acicatena. La stagione successiva la società passa all'imprenditore fasanese Franco D'Amico il quale porta a Fasano buona parte della rosa del Montalbano Calcio, che aveva ben figurato nell'annata precedente. Il campionato si conclude al primo posto, promozione in Serie D con due giornate d'anticipo e festa al Vito Curlo nell'ultima giornata contro il Bisceglie. Partecipa quindi al massimo campionato dilettantistico per tre stagioni, fino al 2010 quando retrocede in Eccellenza.

Nel 2011-2012 il Fasano milita nell'Eccellenza partendo con una penalizzazione di 4 punti a causa di questioni societarie[3]. Nonostante la vittoria nei play-out ai danni del Virtus Locorotondo, i problemi economici portano la società al fallimento.

Il ritorno dell'US Fasano e l'azionariato popolare[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'estate viene fondata una nuova società con la nuova denominazione di Unione Sportiva Città di Fasano che parteciperà al campionato provinciale di Seconda Categoria. La squadra vince il campionato con numeri da record. L'U.S. Città di Fasano si ripete l'anno dopo in Prima Categoria, approdando così in Promozione pugliese, dove ottiene il quinto posto nel 2015, con finale play-off persa contro il Mesagne, e il sesto posto nel 2016, dopo aver giocato ma perso anche la finale di Coppa Puglia contro il Cerignola.

Nella stagione 2015-2016 l'ennesima crisi societaria viene risolta da un inedito movimento di piazza. Nasce infatti l'associazione Il Fasano siamo noi, che prende diretto possesso della società e attraverso la via dell'azionariato popolare immette nuova linfa vitale nel progetto. L'associazione individua le persone da inserire nei ruoli tecnici e con una massiccia adesione di base al progetto riesce a programmare una delle stagioni più vincenti della storia del calcio fasanese.

Il 12 marzo 2017, infatti, il Città di Fasano festeggia con quattro giornate di anticipo il ritorno in Eccellenza, dopo soli 4 giorni, il 16 marzo, si aggiudica il primo trofeo della sua storia vincendo la finale di Coppa Italia Puglia di Promozione grazie al successo per 2-1 sull'Omnia Bitonto (doppietta di Leo Serri), di fronte ad almeno 3.000 tifosi provenienti da Fasano.

L'Eccellenza 2017-18 si rivela un campionato molto combattuto fino al 15 aprile 2018, a seguito della vittoria sul campo dell'Avetrana (0-2), il Fasano si aggiudica la promozione in Serie D.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Unione Sportiva Dilettantistica Città di Fasano
  • 1964 - Fondazione dell'Unione Sportiva Fasano.
  • 1964-1965 - 1° nel girone unico di Terza Categoria Brindisi. Promossa in Seconda Categoria.
  • 1965-1966 - 5° nel girone ? di Seconda Categoria Puglia.
  • 1966-1967 - 4° nel girone ? di Seconda Categoria Puglia.
  • 1967 - Fusione con il Club Oratorio, l'Assi Avanti e l'Inter Club, altre società fasanesi fondate anch'esse nel 1964.
  • 1967-1968 - 1° nel girone ? di Seconda Categoria Puglia. Promossa in Prima Categoria.
  • 1968-1969 - 7° nel girone A di Prima Categoria Puglia.
  • 1969-1970 - 6° nel girone A di Prima Categoria Puglia.

  • 1970-1971 - 2° nel girone A di Prima Categoria Puglia.
  • 1971-1972 - 1° nel girone A di Prima Categoria Puglia. Promossa in Serie D.
  • 1972-1973 - 6° nel girone H della Serie D.
  • 1973-1974 - 4° nel girone H della Serie D.
  • 1974-1975 - 10° nel girone H della Serie D.
  • 1975-1976 - 5° nel girone H della Serie D
  • 1976-1977 - 10° nel girone H della Serie D.
  • 1977-1978 - 7° nel girone H della Serie D. Perde lo spareggio utile ai fini del ripescaggio contro il Bisceglie.
  • 1978-1979 - 5° nel girone E della Serie D.
  • 1979-1980 - 5° nel girone E della Serie D.

  • 1980-1981 - 3° nel girone E della Serie D.
  • 1981-1982 - 11° nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1982-1983 - 8° nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1983-1984 - 11° nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1984-1985 - 12° nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1985-1986 - 2° nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 5° nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1987-1988 - 1° nel girone L del Campionato Interregionale. Promossa in Serie C2.
  • 1988-1989 - 13° nel girone C della Serie C2.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
 ? di Coppa Italia Serie C.

Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 1991-1992 - 4° nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1992-1993 - 1° nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti. Promossa in Serie C2.
 ? della fase C.N.D. di Coppa Italia Dilettanti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1996-1997 - 9° nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.
 ? della fase C.N.D. di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1997-1998 - 2° nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.
Trentaduesimi di finale della fase C.N.D. di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1998-1999 - 1° nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti. Promossa in Serie C2.
Sedicesimi di finale della fase C.N.D. di Coppa Italia Dilettanti.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.

Fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 2002 - La società rinuncia all'iscrizione alla C2 e viene liquidata, nasce il Best Society Calcio Fasano, ammesso nel campionato regionale di Eccellenza.
  • 2002-2003 - 9° nel girone unico di Eccellenza Puglia.
  • 2003 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Calcio Fasano.
  • 2003-2004 - 5° nel girone unico di Eccellenza Puglia.
  • 2004-2005 - 4° nel girone unico di Eccellenza Puglia.
  • 2005-2006 - 2° nel girone unico di Eccellenza Puglia. Vince i play-off regionali contro il Victoria Locorotondo ed il Real Altamura. Vince il primo turno play-off nazionali contro l'Akragas, perde il secondo turno contro l'Aci Catena.
  • 2006-2007 - 1° nel girone unico di Eccellenza Puglia. Promossa in Serie D.
  • 2007-2008 - 11° nel girone H della Serie D.
Terzo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.

  • 2010-2011 - 8° nel girone unico di Eccellenza Puglia.
  • 2011-2012 - 12° nel girone unico di Eccellenza Puglia. Vince i play-out.
  • 2012 - L'A.S. Calcio Fasano rinuncia all'iscrizione al campionato di Eccellenza. Viene fondata una nuova società denominata Unione Sportiva Città di Fasano che viene ammessa in Seconda Categoria.[4]
  • 2012-2013 - 1° nel girone B di Seconda Categoria Puglia. Promossa in Prima Categoria.
  • 2013-2014 - 1° nel girone B di Prima Categoria Puglia. Promossa in Promozione.
  • 2014-2015 - 3° nel girone B di Promozione Puglia. Perde la finale play off contro il Mesagne.
  • 2015-2016 - 6° nel girone B di Promozione Puglia. Perde la finale di Coppa Puglia contro il Cerignola
  • 2016-2017 - 1° nel girone B di Promozione Puglia. Promossa in Eccellenza. Vince la Coppa Puglia.
  • 2017-2018 - 1° In Eccellenza Puglia. Promossa in Serie D. Perde la finale di Coppa Puglia contro il Vigor Trani.
  • 2018-2019 -

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

La divisa di gioco tradizionale del Fasano è composta da una maglia con i colori bianco e azzurro che vengono proposti in varie livree, la più comune è quella a strisce verticali.

La seconda divisa è tradizionalmente di colore rosso. Negli anni si sono viste seconde divise di vari colori dal classico bianco, al colore oro degli anni '90, fino al rosa-nero utilizzato negli anni 2000.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma societario è comparso per la prima volta sulle divise da gioco negli anni '80 e ha sempre riproposto il simbolo cittadino.

Lo storico stemma del Fasano usato fino al fallimento del 2002, presenta i colori della società, divisi da una linea trasversale, con al centro il simbolo della città racchiuso in un cerchio azzurro. Leggermente modificato durante l'ultima apparizione nei professionisti.

Il successivo stemma (quello esistente nel periodo 2003-2012) era uno scudo inquadrato bianco e azzurro, in alto il simbolo cittadino stilizzato con il "faso" poggiato su un pallone da calcio. In basso il nome societario A.S. Fasano Calcio.

L'attuale stemma societario è stato adottato a seguito della rifondazione del sodalizio e ricorda lo storico stemma dell'U.S. Fasano: scudo troncato bianco e azzurro, al centro il simbolo cittadino e in basso un pallone di cuoio.

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'inno attuale risale alla fine degli anni '80 e alla storica prima promozione in Serie C2 , "Fasano, vinci per noi"[5].

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio comunale Vito Curlo.
La tribuna locali e la "Curva Sud".

Lo Stadio comunale Vito Curlo è il terreno di gioco del calcio a Fasano sin dai primi anni '30. Situato in via Salvo D'Acquisto 1 è intitolato al giovane fasanese Vito Curlo morto in un incidente stradale mentre cominciava la sua carriera da calciatore. Da semplice campo degli sport in terra battuta, ha visto con gli anni diversi ampliamenti che andavano di pari passo con le fortune della compagine di calcio cittadina.

Oggi si presenta con la tribuna di casa divisa in un settore centrale e due laterali, una gradinata sul lato sud detta Curva Sud e una tribuna ospiti situata sul lato mare, per una capienza totale di 4.900 spettatori.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La società ha sede in Via Salvo D'Acquisto n. 1 nei pressi dei locali dello Stadio Vito Curlo a Fasano[6].

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'organigramma della società.[7]

Logo us città di fasano.jpg
Staff dell'area amministrativa
  • Italia Franco D'Amico - Presidente
  • Italia Leonardo Custodero - Vice-presidente
  • Italia Francesco Palmisano - Direttore area marketing
  • Italia Antonio Obbiettivo - Direttore Generale
  • Italia Ignazio Laterza - Segretario sportivo
  • Italia Vincenzo Lagalante - Responsabile ufficio stampa
  • Italia Michele Nardone - Responsabile stadio
  • Italia Domenico Caramia - Responsabile stadio
  • Italia Antonio Carparelli - Rappresentante Il Fasano siamo noi

[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la cronologia dei fornitori tecnici e degli sponsor ufficiali.

Logo us città di fasano.jpg
Cronologia degli sponsor tecnici
  • 1964-1988 non presente
  • 1988-1993 Galex
  • 1994-1998 Pienne
  • 1998-2002 Galex
  • 2002-2006 Royal
  • 2006-2007 Lotto
  • 2007-2012 Onze
  • 2012-2013 Legea
  • 2013-2015 HS Football
  • 2015-2017 Joma
  • 2017-oggi Lotto
Logo us città di fasano.jpg
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1964-1986 non presente
  • 1986-1987 Dafra
  • 1987-1989 Philips
  • 1989-1990 ?
  • 1990-1992 Uno Centro Convenienza
  • 1992-1993 Confer srl
  • 1992-1995 CPS - Credito Popolare Salentino
  • 1995-1996 Philips
  • 1996-1998 ?
  • 1998-2002 Emmezeta
  • 2002-2005 Block Shaft
  • 2005-2006 Staa Pompe S.r.l.
  • 2006-2007 Block Shaft
  • 2008-2012 Eco.Ambiente Sud
  • 2012-2017 non presente
  • 2017-oggi Mare Gioioso srl

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Il settore giovanile del Fasano Calcio partecipa al Campionato Regionale Juniores oltre ad avere anche formazioni giovanili nelle categorie Allievi e Giovanissimi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

1987-1988 (girone L)
1998-1999 (girone H), 1992-1993 (girone G)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

2006-2007, 2017-2018
2016-2017 (girone B)
1971-1972 (girone A), 2013-2014 (girone B)
1967-1968, 2012-2013 (girone B)
2016-2017

Competizioni provinciali[modifica | modifica wikitesto]

1964-1965

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Finalista: 2017-2018
Finalista: 2015-2016

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C2 9 1988-1989 2001-2002 15
Serie D 6 1972-1973 1977-1978
Campionato Interregionale 8 1981-1982 1991-1992 18
Campionato Nazionale Dilettanti 4 1992-1993 1998-1999
Serie D 6 1978-1979 2009-2010

In 33 stagioni sportive a partire dall'esordio a livello nazionale in Serie D nel 1972.

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'elenco dei primatisti di reti.[senza fonte]

Logo us città di fasano.jpg
Record di reti
  • 132 Italia Vittorio Insanguine (1985-1988; 1996-2002; 2005-2006)
  • 57 Italia Alfonso Alampi (1980-1981; 1985-1988)
  • 29 Italia Francesco "Checco" De Napoli (1989-1990; 1992-1994; 1998-2001)
  • 25 Italia Leandro Fanfani (1996-1998)
  • 22 Italia Claudio De Tommasi (1987-1992)

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria biancoazzurra sostiene la squadra sui gradoni della Curva sud. I gruppi organizzati attualmente esistenti e militanti sono gli Allentati (gruppo nato nel 1988) e la Fasano Ultras (nati nel 2009). Fino al 2008 c'era anche la Vecchia Guardia.

I due gruppi Ultras dal 2013 tifano uniti in Curva Sud e collaborano in parecchie iniziative di beneficenza e a favore del territorio.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi
Amicizie
Rivalità

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Romano Iacovazzi confermato alla guida del Fasano Calcio - See more at: http://www.osservatoriooggi.it/sport/calcio/8885-conferma-romano-iacovazzi-tecnico-fasano#sthash.93Enfmqs.dpuf, http://www.osservatoriooggi.it/, 25 luglio 2014. URL consultato il 23 settembre 2014.
  2. ^ a b c d e Storia, http://www.usfasano.it/. URL consultato il 23 settembre 2014.
  3. ^ 'Tremila euro e perdi la partita', video.repubblica.it. URL consultato il 9 febbraio 2011.
  4. ^ COMUNICATO UFFICIALE n. 8 Del 09.08.2012 (PDF), http://taranto.figcpuglia.it/, 9 agosto 2012. URL consultato il 4 marzo 2017.
  5. ^ La festa nel pallone, su http://www.osservatoriooggi.it. URL consultato il 3 aprile 2012.
  6. ^ Sede, su www.usfasano.it. URL consultato il 3 maggio 2018.
  7. ^ Organigramma, http://www.usfasano.it. URL consultato il 2 maggio 2018.
  8. ^ a b c ULTRAS FEST, ALLENTATI FASANO, http://www.sportpeople.net/, 18 luglio 2014. URL consultato il 23 settembre 2014.
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m Tifoserie pugliesi, http://www.biangoross.com/, 21 novembre 2010. URL consultato il 23 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2014).
  10. ^ a b c Guerra&Pace, http://www.tifonet.it/. URL consultato il 23 settembre 2014.
  11. ^ TIFOCRONACHE: FESTA DEI 30 ANNI DEGLI ULTRAS RIONERO, http://www.sportpeople.net/, 6 settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]