Unione Sportiva Dilettantistica 1913 Seregno Calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
U.S. 1913 Seregno Calcio S.r.l.
Calcio Football pictogram.svg
Stemma seregno calcio.PNG
Azzurri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Azzurro.png Azzurro
Inno Grande Seregno
Mauro Colombo
Dati societari
Città Seregno (MB)
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1913
Rifondazione 1995
Presidente Italia Paolo Leonardo Di Nunno
Allenatore Italia Antonio Criniti
Stadio Ferruccio
(3.700 posti)
Sito web www.seregnocalcio.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva 1913 Seregno Calcio è una società calcistica di Seregno, in provincia di Monza e Brianza. Fondata nel 1913, milita nel Girone B di Serie D.

Ha assunto la nuova denominazione nel 2008, in precedenza era noto come 1913 Seregno Calcio, dal 1999, e prima ancora come Seregno Foot-Ball Club 1913.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Seregno, fondato nel Marzo 1913 [1], disputò diversi tornei locali prima dell'iscrizione ai campionati di Terza Categoria F.I.G.C. della stagione 1914-15.

Alla ripresa dell'attività ufficiale, nel 1919, non si iscrisse ad alcun campionato perché non tutti i giocatori erano tornati della leva militare.

All'inizio del 1920 si arriva ad un compromesso. Fondendosi con la Labor Sportiva, società cittadina di stampo ginnico-atletico, si rinforzò notevolmente e cambiò la propria denominazione in Labor Sportiva Seregno Foot-Ball Club.

Si iscrisse al campionato di Promozione con la prima squadra e a quello di Terza Categoria con la seconda squadra, e fu l'inizio di infuocati derbies con i cugini lissonesi e con la Caratese. Già diffidata nel 1920-21 per uno di questi incontri, nel ritorno del campionato di Promozione 1921-22 sul campo di Carate ebbe la peggio. Due giocatori espulsi dal campo ed i tumulti sugli spalti portarono il Comitato Regionale Lombardo a squalificare diversi giocatori, compresi quelli che fuori dal campo causarono degli incidenti e che la società non volle denunciare per la squalifica. La situazione fu complicata dalla partenza di alcuni militari della classe 1902 e la squadra non più al completo dette forfait a 3 giornate dalla fine del campionato.

Inserita dal Compromesso Colombo in Terza Divisione fu subito protagonista.
Il più grande successo fu comunque l'arrivo alla presidenza del Commendator Trabattoni all'inizio della stagione 1924-25. La squadra, dopo sole tre stagioni, ottenne la meritata promozione in categoria superiore, dove rimase per due stagioni per approdare poi alla Prima Divisione nord, la futura Serie C.

Nella stagione 1932-33, in seguito alla ristrutturazione dei campionati, il Seregno fu ammesso al campionato di Serie B, nel quale militò fino alla stagione 1934-35, anno in cui retrocesse in Serie C.

Dopo aver sfiorato la promozione in B nella stagione 1939-40, fece ritorno tra i cadetti nel dopoguerra (stagione 1945-46). Nella stagione 1947-48 il Seregno lottò addirittura per la promozione in Serie A, classificandosi al quarto posto del girone A. Nella stagione successiva il club azzurro, dopo un campionato deludente, venne retrocesso nuovamente in C. Nel 1949-50 il Seregno si classificò al primo posto, a pari merito con il Mortara: si sarebbe dovuto disputare uno spareggio promozione tra le due squadre, cui il Mortara rinunciò dando via libera alla promozione del Seregno in B. Ma il successivo campionato 1950-51 si concluse con 67 reti subite e una nuova retrocessione. Nella stagione 1949-50 (Serie C) si mise particolarmente in mostra il ventenne Emilio Lavezzari, mediano cresciuto nelle giovanili del Seregno, che venne poi acquistato dal Milan e disputò da titolare la successiva stagione con i rossoneri, a supporto del trio Gren, Nordhal e Liedohlm. Nella successiva stagione 1950-51 (Serie B) il portiere era Ottavio Bugatti; ceduto alla SPAL Bugatti si mise in mostra anche nel Napoli, nell'Inter e nella Nazionale.

L'ultima apparizione del 1913 Seregno nei Professionisti risale alle stagione 1981-82, quando i brianzoli chiudono al 17º posto, retrocedendo così in Interregionale. Da allora il club azzurro ha quasi sempre militato in Interregionale, fino alla retrocessione nel campionato regionale di Eccellenza nella stagione 2006-07. Dopo tre anni però, il ritorno nei Dilettanti, nella stagione 2009/2010, dove si trova attualmente.

Nell'estate del 2015 il club, nonostante avesse ottenuto un piazzamento non idoneo, ha fatto domanda di ripescaggio al campionato di Lega Pro 2015/2016, respinta però dalla FIGC prima e dal CONI poi.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Unione Sportiva Dilettantistica 1913 Seregno
  • 1913 - Nasce il Seregno Foot-Ball Club.
  • 1913-14 - Attività limitata all'ambito locale. Nel 1914 si iscrive alla F.I.G.C.[1]
  • 1914-15 - 3° nel girone A della Terza Categoria lombarda.
  • 1915-1918 - Inattivo.
  • 1919-20 - Non partecipa a competizioni ufficiali.
  • 1920 - Si fonde con la Labor Sportiva dando vita alla Labor Sportiva Seregno Foot-Ball Club e si affilia alla F.I.G.C.
  • 1920-21 - 2° nel girone A della Promozione lombarda.
  • 1921-22 - Escluso dal girone D della Promozione lombarda quale sanzione disciplinare per reiterate violenze nella gara contro la Caratese, da parte del Comitato Regionale Lombardo che non accettò il ritiro dal campionato.[2] Col Compromesso Colombo è ammessa al campionato di Terza Divisione.
  • 1922-23 - 1° nel girone C della Terza Divisione lombarda. Ammesso alla finale arriva 2º nel girone finale della Terza Divisione lombarda.
  • 1923-24 - 2° nel girone D della Terza Divisione lombarda. Cambia denominazione in Football Club Seregno.
  • 1924-25 - 3° nel girone B della Terza Divisione lombarda. Cambia denominazione in Seregno Gruppo Calcio.
  • 1925-26 - 1° nel girone C della Terza Divisione lombarda. Ammesso alle finali arriva 4º nel girone A delle finali della Terza Divisione lombarda.
  • 1926-27 - 1° nel girone C della Terza Divisione lombarda. 1° nel girone C delle finali. Green Arrow Up.svg Promosso in Seconda Divisione Nord.
  • 1927-28 - 2° nel girone B della Seconda Divisione Nord. Ammesso alla Prima Divisione a completamento organici.
  • 1928-29 - 8° nel girone B della Prima Divisione Nord.
  • 1929-30 - 12° nel girone B della Prima Divisione.
  • 1930-31 - 2° nel girone C della Prima Divisione. Ammesso alle finali arriva 4º nel girone B delle finali per la promozione in Serie B.
  • 1931-32 - 1° nel girone C della Prima Divisione. Ammesso alle finali arriva 4º nel girone C delle finali di Prima Divisione.
  • 1932-33 - 3° nel girone B della Prima Divisione. Ammesso alle finali, non partecipa al girone A delle finali ma è ammesso in Serie B per allargamento dei quadri.
  • 1933-34 - 9° nel girone A della Serie B.
  • 1934-35 - 10° nel girone A della Serie B. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C. Cambia denominazione in Associazione Sportiva Seregno.
  • 1935-36 - 4° nel girone B della Serie C.
Eliminato al secondo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1936-37 - 3° nel girone B della Serie C.
Eliminato al secondo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1937-38 - 8° nel girone B della Serie C. Cambia denominazione in Associazione Calcio Seregno.
Eliminato al secondo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1938-39 - 5° nel girone C della Serie C.
Eliminato al terzo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1939-40 - 2° nel girone C della Serie C.
Eliminato alle qualificazioni di Coppa Italia.
  • 1940-41 - 7° nel girone C della Serie C. Cambia denominazione in Associazione Sportiva Calcio Seregno.
Eliminato al primo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1941-42 - 7° nel girone C della Serie C.
  • 1942-43 - 6° nel girone C della Serie C.
  • 1943-44 - 3° nel girone B del Torneo Misto Serie C-Prima Divisione organizzato dal Direttorio II Zona Lombardia.
  • 1944-45 - Attività sospesa per cause belliche. Cambia denominazione in Seregno Foot-Ball Club.
  • 1945-46 - 9° nel girone B della Serie Mista B-C Alta Italia. Ammesso d'ufficio in Serie B.
  • 1946-47 - 3° nel girone A della Serie B.
  • 1947-48 - 4° nel girone A della Serie B.
  • 1948-49 - 21° in Serie B. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C.
  • 1949-50 - 1° nel girone A della Serie C saltando lo spareggio con il Mortara. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie B.
  • 1950-51 - 19° in Serie B. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C.
  • 1951-52 - 15° nel girone A della Serie C. Red Arrow Down.svg Retrocesso in IV Serie.
  • 1952-53 - 13° nel girone A della IV Serie. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione.
  • 1953-54 - 8° nel girone B della Promozione lombarda.
  • 1954-55 - 2° nel girone B della Promozione lombarda.
  • 1955-56 - 1° nel girone B della Promozione lombarda. Green Arrow Up.svg Promosso in IV Serie. Perde le semifinali per il titolo lombardo col Corbetta.
  • 1956-57 - 9° nel girone B della IV Serie. Ammesso nel Campionato Interregionale - Seconda Categoria.
  • 1957-58 - 1° nel girone B del Campionato Interregionale - Seconda Categoria.
  • 1958-59 - 3° nel girone B del Campionato Interregionale. Ammesso nella nuova Serie D.
  • 1959-60 - 8° nel girone B della Serie D. Cambia denominazione in Seregno F.B.C. 1913.
  • 1960-61 - 10° nel girone B della Serie D.
  • 1961-62 - 15° nel girone B della Serie D dopo aver vinto lo spareggio contro l'Audace di San Michele Extra.
  • 1962-63 - 16° nel girone B della Serie D. Retrocesso e successivamente ripescato.
  • 1963-64 - 18° nel girone B della Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1964-65 - 11° nel girone B della Prima Categoria lombarda.
  • 1965-66 - 3° nel girone B della Prima Categoria lombarda.
  • 1966-67 - 1° nel girone B della Prima Categoria lombarda. Ammesso al girone Finale arriva 2°. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.
  • 1967-68 - 4° nel girone B della Serie D.
  • 1968-69 - 1° nel girone B della Serie D. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C.
  • 1969-70 - 13° nel girone A della Serie C.
  • 1970-71 - 11° nel girone A della Serie C.
  • 1971-72 - 15° nel girone A della Serie C.
  • 1972-73 - 8° nel girone A della Serie C.
  • 1973-74 - 6° nel girone A della Serie C.
  • 1974-75 - 4° nel girone A della Serie C.
  • 1975-76 - 8° nel girone A della Serie C.
  • 1976-77 - 15° nel girone A della Serie C.
  • 1977-78 - 20° nel girone A della Serie C. Red Arrow Down.svg Declassato nella nuova Serie C2. Cambia denominazione in Seregno Calcio Brianza 1913 S.p.A..
  • 1978-79 - 3° nel girone B della Serie C2.
  • 1979-80 - 11° nel girone B della Serie C2.
  • 1980-81 - 7° nel girone A della Serie C2. Cambia denominazione in Seregno F.B.C. 1913 S.r.l..
  • 1981-82 - 17° nel girone A della Serie C2. Red Arrow Down.svg Retrocesso nel Campionato Interregionale.
  • 1982-83 - 9° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1983-84 - 2° nel girone B del Campionato Interregionale dopo aver perso lo spareggio con la Virescit.
  • 1984-85 - 2° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1985-86 - 5° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1986-87 - 8° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1987-88 - 9° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1988-89 - 13° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1989-90 - 14° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1990-91 - 8° nel girone B del Campionato Interregionale.
  • 1991-92 - 3° nel girone A del Campionato Interregionale. Ammesso nel nuovo Campionato Nazionale Dilettanti (C.N.D.).
  • 1992-93 - 6° nel girone A del C.N.D.
  • 1993-94 - 14° nel girone B del C.N.D. dopo aver vinto lo spareggio con il Verbania.
  • 1994-95 - 16° nel girone B del C.N.D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza e definitivamente sciolto per difficoltà finanziarie. A termine del campionato la società cede il proprio titolo sportivo alla Vis Nova di Giussano.
  • 1995 - Il Settore Giovanile dell'ex Seregno F.B.C. 1913 si stacca e rinasce con nuova denominazione Giovane Calcio Seregno, ripartendo dalla Terza Categoria monzese, e in seguito assumerà denominazione F.B.C. Seregno.
  • 1999 - La U.C. Lecchese Pescarenico cambia denominazione in 1913 Seregno con sede a Nibionno e campo di gioco a Seregno ripartendo dall'Eccellenza lombarda.
  • 1999-00 - 1° nel girone A dell'Eccellenza lombarda. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.
  • 2000-01 - 11° nel girone B della Serie D.
  • 2001-02 - 5° nel girone B della Serie D. Sposta la sede a Veduggio.
  • 2002-03 - 3° nel girone B della Serie D. Vince il triangolare di consolazione contro Cossatese e Canzese e sposta la sede legale a Giussano.
  • 2003-04 - 2° nel girone B della Serie D. Esce al primo turno del quadrangolare di consolazione contro l'Arzachena e riporta la sede a Seregno.
  • 2004-05 - 12° nel girone B della Serie D.
  • 2005-06 - 6° nel girone B della Serie D.
  • 2006 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Dilettantistica 1913 Seregno Calcio S.r.l.[3]
  • 2006-07 - 17° nel girone B della Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza.
  • 2007-08 - 4° nel girone B dell'Eccellenza Lombarda. Perde le semifinali dei play-off regionali dalla Folgore Verano.
  • 2008-09 - 2° nel girone B dell'Eccellenza Lombardia dopo lo spareggio perso contro il Ponte San Pietro. Perde i play-off regionali contro il Cantù.
  • 2009-10 - 1° nel girone B dell'Eccellenza Lombardia. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.
  • 2010-11 - 5° nel girone A della Serie D.
  • 2011-12 - 16° nel girone B della Serie D. Vince i play-out contro la Colognese.
  • 2012-13 - 12° nel girone B della Serie D.
  • 2013-14 - 4° nel girone B della Serie D.
  • 2014-15 - 3° nel girone B della Serie D. Perde i play-off nazionali contro il Sestri Levante.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2015-16 - 3° nel girone B della Serie D. Perde la finale play-off contro il Lecco.
  • 2016-17 - 8° nel girone B della Serie D.

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione

B

8 1928-1929 1950-1951

C

28 1927-1928 1981-1982

D

35 1952-1953 2015-2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla rivista "Calcio" (Organo Ufficiale della F.I.G.C. di Torino), rivista conservata presso l'archivio digitalizzato della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.
  2. ^ Il ritiro dal campionato veniva accordato per evidenti e giustificati motivi (perdita del campo sportivo, partenza di molti giocatori per la leva militare, etc.), e avrebbe permesso alla squadra di beneficiare della perdita delle ultime gare per 0-2 a tavolino mantenendo i punti acquisiti in campo oltre a un onorevole piazzamento finale. Il caso del Seregno era diverso: per violenze in campo e fuori durante il campionato precedente era stato solo "ammonito" e non "escluso dal campionato". E questa fu la punizione che subì nel 1921-22: fu "tolto dal campionato" ovvero "fuori dalla classifica". Il comunicato dalla Presidenza Federale della FIGC fu pubblicato dalla Gazzetta dello Sport fra marzo e aprile 1922 confermando la delibera del C.R. Lombardo.
  3. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2006. URL consultato il 18 aprile 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]