Undici (Stranger Things)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jane Hopper
Undici.jpg
Undici (Millie Bobby Brown) in Stranger Things
UniversoStranger Things
Alter egoJane Ives (nome vero)
Soprannome
  • Undici
  • Undi (nella prima stagione solo da Mike, in seguito anche da Lucas e Dustin)
  • La stramba (nella prima stagione solo da Lucas e Dustin)
1ª app. inCapitolo primo: La scomparsa di Will Byers
Interpretata da
Voce italianaChiara Fabiano
SessoFemmina
Luogo di nascitaHawkins, Indiana
Data di nascita1971
Poteri
  • Telecinesi
  • Telepatia
  • Proiezione astrale
  • Levitazione (tramite telecinesi)

Undici, nata Jane Ives e legalmente chiamata Jane Hopper, è un personaggio immaginario della serie drammatica horror di fantascienza di Netflix Stranger Things, scritta e prodotta da Matt e Ross Duffer. È interpretata dall'attrice britannica Millie Bobby Brown. Undici ha abilità psicocinetiche e telepatiche.

Biografia del personaggio di finzione[modifica | modifica wikitesto]

Undici è la figlia di Teresa "Terry" Ives, una partecipante agli esperimenti del Progetto MKULTRA condotti dalla Central Intelligence Agency (CIA). Undici sembra essere nata psicocinetica. Tuttavia, quando usa queste abilità, si indebolisce temporaneamente e le sanguina il naso. Alla nascita, Eleven è stata portata via da sua madre dal dottor Martin Brenner ed è cresciuta in un laboratorio nazionale nella fittizia Hawkins, nell'Indiana, come cavia, al fine di sviluppare le sue capacità psicocinetiche. Quando viene collocata in una vasca di deprivazione sensoriale, può utilizzare la visione remota per accedere ad altre dimensioni, principalmente per scopi di spionaggio internazionale. Undici apre un cancello tra il Laboratorio Hawkins e la dimensione Sottosopra, e la creatura che vive in questa dimensione acquisisce la capacità di viaggiare tra il mondo umano e il Sottosopra.

Prima Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Undici possiede poteri soprannaturali, probabilmente sin dalla nascita, a causa degli esperimenti a cui la madre si sottopose in periodo di gravidanza. Il potere che usa più frequentemente è quello della telecinesi, grazie alla quale può spostare e manovrare gli oggetti con la forza del pensiero. Inoltre, questo potere le consente anche di uccidere le persone in svariati modi, come spezzando loro il collo oppure, come visto alla fine della prima stagione contro gli agenti governativi nella scuola, provocando quelli che sembrano essere degli ictus mortali. Undici possiede inoltre il potere della proiezione astrale, che però può utilizzare solo se viene immersa in una vasca di deprivazione sensoriale. Grazie a questo potere, può proiettare se stessa lontano dal suo corpo e vedere persone che si trovano anche a grandi distanze, senza che queste se ne accorgano, a meno che lei non voglia. Una volta raggiunte le persone desiderate, può anche far si che le loro voci vengano emanate da apparecchi audio a lei vicini, come altoparlanti o walkie talkie. In certi casi, il potere le può essere utile anche per leggere nella mente o per vedere il passato delle persone da lei raggiunte (come quello di sua madre, da quando ha sempre cercato di riportarla a casa). La proiezione astrale è però anche il potere che la fa entrare in contatto involontariamente con il Sottosopra, causando l'apertura della porta tra i due mondi. Nella seconda stagione riesce ad utilizzare la proiezione astrale semplicemente bendandosi gli occhi e concentrandosi, senza quindi avere più bisogno della vasca. Nella terza stagione sembra essere in grado di manipolare la mente, quando fa rivedere a Billy i suoi ricordi d'infanzia, facendolo rinsavire.

L'utilizzo dei poteri ha però effetti collaterali su Undici. Se usati con una certa intensità, le provocano prima epistassi dal naso e poi un'improvvisa stanchezza, che varia a seconda dello sforzo profuso. Per poter utilizzare di nuovo i poteri, Undici ha bisogno di massimo riposo e tempo per "ricaricarsi". Tuttavia, alla fine della terza stagione, dopo il essere stata infettata dal mindflayer perde, apparentemente, tutti i suoi poteri.

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La base iniziale per il personaggio di Undici si è formata quando i Duffer Brothers hanno immaginato un soggetto sopravvissuto ai test del progetto MKUltra fortemente influenzato da E.T. [1] Tuttavia, volevano anche mantenere un sottostante senso di pericolo e instabilità, dicendo che:«Undici non è una ragazza normale, e non è nemmeno una gentile aliena che raccoglie piante. Ha imprevedibili poteri soprannaturali che sicuramente metteranno a rischio i nostri ragazzi». Di conseguenza, hanno anche incorporato elementi dell’anime Elfen Lied e del film anime del 1988 ‘’Akira’’ nel suo personaggio, anche se con "meno spargimenti di sangue". È anche molto probabile che Undici sia stato ispirato da personaggi delle opere di Stephen King, come Carrie White di Carrie e Charlie McGee di Firestarter, sebbene questi non siano stati citati come influenze specifiche.[2]

In un'intervista, i Duffer hanno rivelato che originariamente lo show era pensato per un pubblico adulto, soprattutto per quanto riguarda i poteri di Undici. Ross ha detto: "Il personaggio di Undici, il tipo di poteri che ha e di avere un giovane protagonista violento - non è E.T. Non è una situazione felice. Sta uccidendo delle persone, e anche brutalmente".[3] In una featurette successivamente pubblicata da Netflix, i fratelli Duffer rivelarono che Undici era sostanzialmente il canovaccio di un personaggio durante la produzione della prima stagione. È stato il carisma e la performance istintiva della Brown che ha inventato i gesti iconici di Undici, con i Duffer che affermavano: “Quello che fa con gli occhi, quello che fa con il viso, quello che fa con un certo sguardo - tutto il potere di Undici, che ora è tipo di famoso, le mani, il giro del collo - tutto questo è stato progettato da una ragazza di 11 anni." [4]

Inizialmente, Stranger Things era progettata per essere una serie limitata, e si prevedeva che Undici si sarebbe sacrificata nell'ultimo episodio della serie. Tuttavia, Netflix desiderava che lo show continuasse nella seconda stagione, e quindi i fratelli decisero di mantenere vivo il personaggio.[5]

Millie Bobby Brown, l'attrice scelta per interpretare il ruolo di Undici

Caratterizzazione e casting[modifica | modifica wikitesto]

Tra tutti i ruoli, quello di Undici è stato il più difficile da interpretare a causa del fatto che doveva trasmettere varie emozioni con pochi dialoghi. Il ruolo richiedeva anche di rimanere nel personaggio anche se non parlava. I Duffer temevano che non sarebbero stati in grado di trovare qualcuno che potesse rimanere concentrato su un'intera scena. 246 giovani attrici sono state viste per il ruolo di Undici, tuttavia, quando incontrarono Millie Bobby Brown quelle paure svanirono e i Duffer dichiararono persino che aveva un "talento naturale". Per alleviare le sue preoccupazioni sulla rasatura della testa, i Duffer mostrarono a Millie le foto di Charlize Theron in Mad Max: Fury Road, nel ruolo di Imperatrice Furiosa.[2]

La versione più giovane di Undici mostrata in "Dig Dug" e "The Lost Sister" è stata interpretata da due gemelline, Charlotte e Clara Ward, che tuttavia non sono mai state accreditate per il ruolo.[6]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio e l'interpretazione di Millie Bobby Brown hanno ricevuto il plauso universale da parte della critica. Alice Vincent del The Daily Telegraph ha scritto che "Millie Bobby Brown continua ad essere la star della serie: ha ispirato fan art e tatuaggi, ha ricevuto un riconoscimento mondiale dagli Eggos, ovvero i waffle che il suo personaggio divora e ha dato una nuova vita alla frase 'mouth breather'".[7] Ashley Hoffman della rivista Time ha proposto Undici come mascotte per il National Waffle Day.[8] Tuttavia, Lenika Cruz del The Atlantic ha affermato che "nonostante abbia una ricca storia alle spalle, Undici è la protagonista più scarsamente sviluppata".[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ’Stranger Things’ creators explain it all about season 1, in UPROXX, 27 luglio 2016. URL consultato il 4 novembre 2018.
  2. ^ a b (EN) 'Stranger Things': The Duffer Brothers explain how they found Eleven, in EW.com. URL consultato il 4 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2020).
  3. ^ Stranger Things Was Originally More “R-Rated”, su vulture.com. URL consultato il 29 luglio 2019.
  4. ^ How Millie Bobby Brown Invented Eleven’s Gestures, su slashfilm.com. URL consultato il 29 luglio 2019.
  5. ^ (EN) Alex McLevy, Stranger Things almost killed off Eleven in season 1, but not for a stupid reason, in The A.V. Club, 8 novembre 2017. URL consultato il 4 novembre 2018.
  6. ^ major Netflix series casting calls for a flashback scene, su projectcasting.com.
  7. ^ (EN) Alice Vincent, Eleven out of 10: how Stranger Things star Millie Bobby Brown charmed the world, in The Telegraph, 24 settembre 2016. URL consultato il 29 luglio 2019.
  8. ^ (EN) No One Loved Waffles More Than Eleven From Stranger Things, su Time. URL consultato il 29 luglio 2019.
  9. ^ (EN) Lenika Cruz, Where 'Stranger Things' Loses Its Magic, su The Atlantic, 26 luglio 2016. URL consultato il 29 luglio 2019.