Understatement

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
"Il dottor Livingstone, suppongo!"

Understatement è un termine della lingua inglese, che indica una figura retorica che consiste nello sminuire il peso o la gravità di un certo fatto oltre i limiti della verosimiglianza, in modo ironico o per creare un effetto di comicità che nasce dal paradosso.[1] Non sempre un atteggiamento understatement è da ritenersi intenzionale, anzi molto spesso è del tutto involontario.

In lingua italiana understatement, derivante dal verbo inglese «to understate» (attenuare, minimizzare),[1] può essere tradotto con sottostima. Il termine è stato introdotto nel panorama linguistico dagli studi di linguistica cognitiva. Può essere considerato l'esatto contrario della figura retorica nota come iperbole, quindi potrebbe essere chiamata "ipòbole". Non deve invece essere confuso con la figura retorica dell'eufemismo che consiste nell'uso di una parola o di una perifrasi al posto di un'altra parola più dura, finalizzato ad attenuare l'offensività o la crudezza di ciò che si dice.

Un esempio d'uso dell'understatement è riscontrabile nella frase «Mi sento un po' affamato - non mangio da tre giorni!», dove un po' sottostima l'essere molto affamato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b understatement, Treccani. URL consultato il 10 agosto 2016.
Controllo di autoritàGND: (DE4205467-9
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica