Una tragedia americana (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una tragedia americana
Bentivegna Brignone.jpg
Warner Bentivegna e Lilla Brignone in una sequenza dello sceneggiato
PaeseItalia
Anno1962
Formatominiserie TV
Generedrammatico, storico
Puntate7 Modifica su Wikidata
Duratan.d.
Lingua originaleitaliano
Dati tecniciB/N
rapporto: n.d.
Crediti
RegiaAnton Giulio Majano
SoggettoTheodore Dreiser
SceneggiaturaAnton Giulio Majano
Interpreti e personaggi
MusichePiero Piccioni
ScenografiaEmilio Voglino
CostumiMaurizio Monteverde
Casa di produzioneRai - Radiotelevisione italiana
Prima visione
Dall'11 novembre 1962
Al23 dicembre 1962
Rete televisivaProgramma Nazionale
Opere audiovisive correlate
AltreUn posto al sole
Una tragedia americana

Una tragedia americana è uno sceneggiato televisivo diretto da Anton Giulio Majano e trasmesso nel 1962 dal Programma Nazionale (l'odierna Rai 1).

È tratto dall'omonimo romanzo di Theodore Dreiser, pubblicato nel 1925 da cui fu tratto nel 1951 il famoso film Un posto al sole con Montgomery Clift, Elizabeth Taylor e Shelley Winters.[1].

Fra gli interpreti principali figurano Warner Bentivegna, Virna Lisi, Giuliana Lojodice, Lilla Brignone, Luigi Vannucchi ed Alberto Lupo.

La coppia Warner Bentivegna-Virna Lisi era già stata diretta da Majano tre anni prima, nella pellicola cinematografica Il padrone delle ferriere.

Le musiche sono state curate da Piero Piccioni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nell'America degli anni venti pre-grande depressione, lo sceneggiato in sette puntate tratta la storia di Clyde Griffiths (Bentivegna), un giovane, figlio di una coppia di modesti pastori protestanti, l'altero e severo Asa (Jotta), la cui ferrea fede cristiana sconfina nel fanatismo, e la dolce e comprensiva Elvira (Brignone); Clyde è fortemente desideroso (aspetto, questo, proprio della cultura statunitense) di elevare e migliorare il proprio status sociale e per fare ciò arriverà a macchiarsi dell'omicidio della fidanzata Roberta Alden (Lojodice), un'umile operaia della fabbrica di confezioni di proprietà di Samuel Griffiths (Lupi), zio di Clyde, di cui anche il ragazzo è un dipendente, essendo il capo del reparto in cui lavora Roberta (è così che i due si erano conosciuti), che aspetta da questo un figlio. Clyde decide di sbarazzarsi di lei per poter invece fidanzarsi con la giovane e bella Sondra Finchley (Lisi), figlia di una ricca e facoltosa famiglia, della quale si è innamorato, ricambiato, ma, scoperto dalla polizia grazie all'intuito del procuratore Ferren (Lupo) e dello sceriffo Slack (Palmer), sarà invece arrestato, processato e condannato a morte alla sedia elettrica.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Come in altri sceneggiati dell'epoca, anche in questo apparve un grande numero di interpreti. Fra essi figurano:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal medesimo romanzo era stato tratto precedentemente, nel 1931, anche un altro film dal titolo omonimo, diretto dal regista Josef von Sternberg

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]