Una piccola storia d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una piccola storia d'amore
Una piccola storia d'amore (film 1979).JPG
Laurence Olivier
Titolo originale A Little Romance
Paese di produzione USA, Francia
Anno 1979
Durata 108 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia George Roy Hill
Soggetto Claude Klotz
Sceneggiatura Allan Burns
Produttore Orion Pictures
Fotografia Pierre-William Glenn
Montaggio William Reynolds
Musiche Georges Delerue
Scenografia Henry Bumstead, François de Lamothe e Robert Christidès
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Una piccola storia d'amore è un film del 1979 diretto da George Roy Hill, tratto dal romanzo Piccolo grande amore (E=mc2 Mon Amour) di Patrick Cauvin.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Daniel, adolescente parigino con una grande passione per il cinema che vive col padre taxista squattrinato, conosce la coetanea Lauren, americana che vive con la madre attrice ed il suo secondo marito, direttore della sede francese di una multinazionale informatica. Tra i due brillanti ragazzini scoppia in breve l'amore, che viene coadiuvato dagli amici ma fermamente osteggiato dalla madre, che le proibisce d'incontrare Daniel in seguito ad un incidente per il party di fine riprese del film che sta girando. Il regista nel frattempo si dà da fare per conquistare la madre di Lauren ed il padre decide di chiedere il trasferimento a Houston. la informano di voler tornare in America al più presto.

Spaventati dall'idea di non potersi più rivedere, i ragazzi decidono di mettere in pratica un piano da lungo tempo sognato: fuggire a Venezia, per baciarsi romanticamente in gondola sotto il Ponte dei Sospiri, mentre le campane di San Marco suonano a stormo. Riusciranno nell'impresa, grazie alla forza del loro sentimento ma soprattutto con l'aiuto di Julius, distinto ladro gentiluomo ricercato dalla polizia conosciuto per caso al parco, che ha ispirato loro il viaggio.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • È il film-debutto di Diane Lane. Il protagonista maschile girò un solo altro film, Allons z'enfants (1981) di Yves Boisset, per poi lasciare il cinema e proseguire gli studi. Ora è dentista e vive a Nantes con la moglie ed il figlio.
  • Daniel è grande appassionato di cinema, in particolar modo dell'attore Robert Redford. Nella sequenza d'apertura al cinema, infatti, Daniel sta guardando Butch Cassidy, mentre in un'altra scena durante il viaggio lui e Lauren vanno a vedere La stangata: entrambe sono opere precedenti dello stesso Roy Hill. Ai protagonisti del secondo film s'ispira in parte il personaggio di Julius. La prima battuta di Daniel verso Lauren è Call me Boogy e viene ripetuta nel finale, ricordando a Lauren che - come Bogart e la Bacall- they belong togheter. L'ultima scena, dove Daniel sporge con un salto dall'auto che segue quella di Lauren per vederla andarsene, è ormai un'immagine cult dei film sentimentali.
  • Le bellissime musiche simul-vivaldiane di Georges Delerue si aggiudicarono l'Oscar.
  • Le locandine del film ricordano lo stile pointilliste di Seurat.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema